Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Sicilia, la prima linea delle guerre USA nel Mediterraneo – Sputnik Italia

Il popolo siciliano è di nuovo in allerta.

Dopo l’attacco contro Soleimani a Baghdad effettuato con droni MQ9 reaper, gli stessi schierati nella base Us Navy di Sigonella, lo spettro della guerra si è fatto sempre più concreto. In caso di escalation con Iran o Libia, la Sicilia verrebbe schierata, come territorio da cui partono aerei, droni e ordini militari. Con le sue basi e installazioni USA, l’isola è militarmente esposta, e in particolare di Niscemi (Cl), la cittadina che ospita le antenne militari ad uso esclusivo dell’Us Air Force del Muos. Cresce l’inquietudine di possibili ritorsioni.

Il sindaco Massimiliano Conti si è fatto portavoce del disagio dei concittadini e i movimenti pacifisti, antimilitaristi e ambientalisti hanno protestato negli scorsi giorni davanti alle base militare di Sigonella e a Palermo al consolato Usa.

Ma la loro voce è tutt’altro che ascoltata. Lo scorso venerdì 17 il segretario Nato Jens Stoltenberg è stato ricevuto in visita ufficiale alla Us Navy di Sigonella, assieme a altri ufficiali dell’Aeronautica Usa, per la cerimonia di cosegna di 5 droni spia di ultima generazione Ags, di cui la base catanese sarà sede internazionale. Aerei senza pilota che permetteranno di effettuare missioni di intelligence e controllo sino a tutta l’Africa e sino al cuore della Russia.

Ma il Muos non è solo il centro di interessi militari. E’ anche nel mirino dei clan dei Nebrodi. Una recente inchiesta della procura di Messina sulla “mafia dei pascoli” ha svelato che un’azienda legata alle famiglie mafiose di Tortorici, percepiva i fondi UE su due particelle di terreni della Sughereta di Niscemi dati in concessione all’aeronautica militare USA.

Per approfondire questi aspetti, Sputnik Italia ha incontrato Pippo Gurrieristorico attivista No Muos che lo scorso venerdì ha subito una condanna a sei mesi per una passeggiata del movimento attorno al perimetro della base.

— In un momento di altissima tensione nell’area mediterranea, dovuta all’escalation in Iran e alle incessanti tensioni in Libia, Sigonella è diventata la sede internazionale dei droni Ags. Quale potrebbe essere il ruolo della Sicilia in un eventuale conflitto nell’area mediterranea?

— La Sicilia è designata da tempo ad essere una di portaerei al centro del Mediterraneo, superarmata e indirizzata verso i conflitti che si svolgono in tutta l’area. La guerra in Sicilia si fa tutti i giorni,

in maniera diretta e indiretta, con aerei e droni che partono da Sigonella, con il sistema Muos, e prima del Muos con il sistema Mrps, sistemi di comunicazione fondamentali per la gestione dei conflitti e delle strumentazioni e belliche americane e Nato.

Il costante potenziamento di Sigonella, recentemente dotata di tecnologia AGS, la proietta e ci proietta verso un ruolo centrale nelle guerre e nei vari conflitti che si svolgono in un’area sempre più estesa. Noi ci sentiamo sempre più in prima linea nelle guerre Usa che non vogliamo e di cui non vogliamo essere complici.

— Dopo l’uccisione di Soleimani si era parlato di un possibile coinvolgimento di Sigonella, che ospita gli stessi droni killer che hanno effettuato il raid, ma Di Maio ha poi smentito. E’ possibile che il Muos abbia avuto un ruolo e se sì quale?

— Questo penso che sia quasi scontato, perché ad ottobre è stata data comunicazione dell’entrata in piena operatività e funzionalità militare del Muos. Se lo hanno costruito e reso operativo è perché adesso loro quest’arma viene utilizzata. Loro stessi hanno detto che ci saranno vantaggi militari in più in ogni scenario di guerra, grazie alla capacità di comunicare e gestire anche aerei, armati e non, senza pilota. Quindi se non lo utilizzano per questo tipo di azioni allora che l’hanno installato a fare?

— In caso di guerra aperta o anche informale, potrebbe sussistere un rischio per la popolazione civile?

— Se da qui si fanno le guerre, questa terra è un obiettivo militare. Inoltre siamo particolarmente esposti al rischio terrorismo. Siamo il confine Mediterraneo del cosiddetto occidente e siamo un’area coinvolta nei conflitti. Adesso che il Daesh non ha più uno stato territoriale da difendere, se dovesse lanciare una guerra all’occidente a livello di azioni terroristiche, siamo una zona altamente esposta a questo rischio ritorsioni e attentati.

Sorgente: Sicilia, la prima linea delle guerre USA nel Mediterraneo – Sputnik Italia

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing