Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Di Maio incontra Grillo. I suoi: “Dimissioni da capo politico? No” – Corriere.it

Oggi l’incontro. Il capo politico: «Tutti chiedono condivisione ma poi mi lasciano solo». La rivolta contro di lui ma anche contro Casaleggio. Pronto documento anti Rousseau

di Alessandro Trocino

ROMA «Facciamo refresh sulla pagina del blog di Beppe Grillo ogni dieci secondi per vedere se arriva la bomba». Ai piani alti dei 5 Stelle in queste ore stanno messi così e forse anche per questo Luigi Di Maio ieri ha deciso di porre fine all’attesa e sminare l’ordigno il cui destinatario, a detta di tutti, è proprio lui. «Beppe, ora parlo io, voglio spiegarti come stanno le cose». La telefonata è partita ieri pomeriggio dal cellulare di Di Maio, con una richiesta esplicita: «Voglio vederti e spiegarti». E così sarà. Oggi Grillo riceverà l’uomo che il 22 settembre del 2017 a Rimini ha proclamato capo politico (dopo il voto su Rousseau). Un Grillo che dicono infuriato, deluso, tentato da gesti forti. Perché lui era espressamente contrario a un voto in Emilia-Romagna, che mette in difficoltà Pd e governo, ma Di Maio non lo ha ascoltato. Come non ha ascoltato nessuno, visto che nella riunione di poche ore prima c’erano tutti i big e tutti gli hanno detto: «Meglio non partecipare». Ma lui ha detto no, ha forzato la mano, e con Davide Casaleggio e Pietro Dettori ha allestito in quattro e quattr’otto un voto il cui esito positivo era scontato.

La leadership in bilico

Di Maio è sotto processo. E lo sa. Sa che ha perso il controllo dei gruppi. E che i fedelissimi di cui si era circondato, che pensava fossero yes man, gli si sono rivoltati contro. Sa anche che rischia di perdere la leadership, visto che il potere assoluto su di lui c’è l’ha Grillo. Per questo ha chiesto udienza. «Vuole implorare perdono», dice inclemente un big. Vuole fornire la sua versione, dicono altri. Versione che ripete ai suoi: «Non ce la faccio più a stare in prima linea così. Tutti chiedono condivisione, tutti contestano l’uomo solo al comando, ma poi al momento buono si sfilano tutti. Perché nessuno ci ha messo la faccia sull’Emilia-Romagna?».
Uno sfogo in piena regola, con tanto di accuse a un gruppo dirigente che gli scaricherebbe addosso tutte le responsabilità. Qualcuno, in seguito a un discorso del genere, penserebbe che Di Maio abbia in animo di mollare il ruolo di capo politico, o di renderlo collegiale. Ma non ci pensa neanche, assicurano i suoi. Sta solo provando a resistere alla bufera, che prima o poi, è la sua scommessa, farà naufragare questo governo e l’alleanza con il Pd, che giudica innaturale.

Naufragio e scissione

Non è un segreto che il rapporto con Alessandro Di Battista si sia rinvigorito. «Sono tornati in asse, si sentono tutti i giorni. E non è un segreto che molti pensano a uno scenario che sembra fantascientifico, ma non lo è. Si sa che Di Maio non è a suo agio a Palazzo Chigi, con i dem al suo fianco. Ieri, durante un tour siciliano che somiglia da vicino a una campagna elettorale, ha detto una frase indicativa: «Stando al governo abbiamo perso il contatto con la gente». Un modo per ritrovarlo, suggerisce la logica, sarebbe mollare il governo.
La road map sarebbe questa. Dramma Pd il 26 gennaio in Emilia-Romagna. Crollo del governo, scioglimento delle Camere e campagna elettorale. Di Maio resterebbe ancora capo politico (ha un mandato che dura fino a dieci anni) e magari futuro ministro, mentre Di Battista tornerebbe frontman da comizio e capo parlamentare. Contestualmente, riavvicinamento con la Lega di Salvini o, comunque spostamento a destra. A quel punto, Grillo potrebbe chiamarsi fuori, deluso da dirigenti che, di recente a Napoli, ha già mandato a quel paese. Una pattuglia dei big, ineleggibili dopo il secondo mandato nel Movimento, potrebbe approfittarne per mettere in piedi un vascello pirata, rivendicando di essere il vero Movimento, «tradito» da Di Maio.

Le manovre in Senato

Fantapolitica, per ora, certo. Ma non lo sono le manovre che in queste ore si svolgono non solo contro Di Maio, ma anche contro Davide Casaleggio. Al Senato, come ha scritto il Sole qualche giorno fa, c’è un gruppo di sedici senatori che sta lavorando a un documento che dà pieni poteri ai voti del gruppo. Nel senso che dichiara le decisioni prese dai senatori prevalenti non solo sulla linea politica di Di Maio, ma anche di Rousseau. Il gruppo si sta ingrossando e minaccia di metterlo ai voti martedì. Sarebbe un colpo definitivo al verticismo tecnocratico di Milano, oltre che a quello politico del capo assoluto. Del resto è noto il fastidio di molti eletti nel versamento obbligatorio per le casse di Rousseau. E nell’uso definito «disinvolto» dello strumento del voto, come è stato il caso dell’Emilia-Romagna e della Calabria.

Facilitatori e Dream Team

La strategia di Di Maio era semplice. Dopo aver resistito per un po’, si era deciso a dare una riverniciata con i «facilitatori» e il «dream team». Lessico angloburocratico per uscire dall’angolo e non sentirsi più dare dell’«uomo solo al comando». Ma la pratica si è rallentata. E ora che si sta arrivando al dunque, ci si è accorti che i «facilitatori», ovvero i responsabili di settore per temi, finiranno per non avere alcun potere. E così risulta che finora si siano pubblicamente candidati solo in due: Agostino Santillo e Andrea Cioffi. Quanto agli Stati Generali, qualcuno vorrebbe mettere al voto tutta la classe dirigente, compreso Di Maio. Un modo per delegittimarlo. E infatti, magicamente, il voto su Rousseau avrebbe dimostrato, nella sua lettura, che gli Stati Generali «non sono poi così urgenti».

Sorgente: Di Maio incontra Grillo. I suoi: “Dimissioni da capo politico? No” – Corriere.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing