The Intercept: Uno dei principali donatori di Trump sarebbe dietro la deforestazione dell’Amazzonia | Ancora Fischia il Vento

1 Settembre 2019 0 Di Luna Rossa

Si tratta del miliardario americano Stephen Schwarzman, che ha anche stanziato milioni di dollari per il leader di maggioranza del Senato, Mitch McConnell.

The Intercept – Financial Times
Due società brasiliane che sono parzialmente di proprietà di un importante donatore del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e il leader della maggioranza repubblicana del Senato, Mitch McConnell, hanno una grande parte di responsabilità per la continua distruzione della foresta pluviale amazzonica “una macelleria che è diventata un incendio furioso che ha catturato l’attenzione di tutto il mondo”, si legge in un recente articolo di The Interccept.

Secondo la pubblicazione, queste due società sono Hidrovias do Brasil e Pátria Investimentos (che possiede oltre il 50% di Hidrovias), entrambi di proprietà dell’importante società di investimento americana Blackstone, il cui co-fondatore e CEO è Stephen Schwarzman, uno stretto alleato di Trump che ha donato milioni di dollari alla sua causa negli ultimi anni.

Queste compagnie “hanno preso il controllo” di diversi appezzamenti di terreno nella foresta pluviale amazzonica, le hanno disboscate e hanno contribuito a costruire una controversa strada per il loro nuovo terminal marittimo a Miritituba, nello stato brasiliano del Pará, al fine di facilitare la coltivazione e l’esportazione di cereali e soia, si legge ancora nell’articolo.

Il terminal è gestito da Hidrovias do Brasil e consente ai produttori di caricare soia su chiatte, che lo trasportano in un porto più grande per, da lì, inviarlo in tutte le parti del mondo.

Una strada controversa

Hidrovias do Brasil ha annunciato all’inizio del 2016 che avrebbe presto iniziato a esportare soia in camion dallo stato del Mato Grosso sulla strada B.R.-163, che a quel tempo era in gran parte non asfaltata. Tuttavia, la società ha dichiarato di voler migliorarle e svilupparla.

Nella primavera del 2019, il governo di Jair Bolsonaro ha annunciato che Hidrovias do Brasil sarebbe stata associata alla privatizzazione e allo sviluppo di centinaia di chilometri della rotta B.R.-163. “Lo sviluppo della stessa strada provoca la deforestazione, ma la cosa più importante è che aiuta a rendere possibile una più ampia trasformazione dell’Amazzonia convertendo la foresta pluviale in terreno agricolo”, si spiega nell’articolo.

L’autostrada B.R.-163 ha avuto un marcato effetto sulla deforestazione, hanno notato diversi media. “Ogni anno tra il 2004 e il 2013, ad eccezione del 2005, la deforestazione in Amazzonia nel suo complesso è diminuita, ma è aumentata nella regione intorno a BR-163”, riferì il Financial Times nel settembre 2017. Ciò ha portato al rifiuto del difensori indigeni dell’Amazzonia.

A marzo, Hidrovias ha ammesso che i suoi affari avevano rallentato a causa dell’aumento dei blocchi organizzati dai difensori della foresta sulla strada B.R.-163. Tuttavia, recentemente la società ha annunciato che, grazie a un forte investimento, ha pianificato di raddoppiare la capacità di consegna del grano a 13 milioni di tonnellate.

Agroalimentare e incendi boschivi

“Lo sforzo di trasformare l’Amazzonia da una foresta pluviale in una fonte di reddito per l’agroalimentare è fondamentale per il conflitto ed è collegato agli incendi che ora sono fuori controllo”, si insiste nel reportage.

In prima linea nell’invasione della foresta a ci sono i cosiddetti “accaparratori di terra” o “grileiros”, che abbattono illegalmente alberi con motoseghe. Quindi le terre appena sgomberate vengono vendute alle aziende agroalimentari, che portano il loro raccolto al terminal Miritituba sulla strada B.R.-163 per l’esportazione.

Secondo i media, molti focolai di feroci incendi che hanno distrutto l’Amazzonia per più di due settimane, causando devastazioni senza precedenti, sono stati causati “da agricoltori e altre persone che cercano di pulire la terra per la coltivazione o il pascolo”. .

I media indicano che il presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, è un forte sostenitore del sostegno allo sviluppo dell’agroalimentare nel territorio della giungla e “inizialmente ha escluso che gli incendi meritassero molta attenzione”. Inoltre, Bolsonaro settimane fa ha licenziato il direttore del National Space Research Institute, Ricardo Galvão, per un rapporto sulla rapida escalation della deforestazione sotto la sua amministrazione, sostenendo che i numeri nel rapporto erano stati inventati.

Da parte sua, la compagnia di Schwarzman, Blackstone, insiste sul fatto che le sue attività nel territorio della foresta pluviale amazzonica sono svolte sotto il motto della “gestione ambientale responsabile” e garantisce che grazie alle misure adottate dalla società sia stata registrata “una significativa riduzione delle emissioni generali di carbonio attraverso una ridotta congestione”, che “ha permesso un flusso più efficiente di prodotti agricoli da parte degli agricoltori brasiliani”.

Chi è Schwarzman?

Stephen Schwarzman è il co-fondatore di Blackstone e attualmente possiede circa un quinto di questa società, che lo rende uno degli uomini più ricchi del mondo, secondo l’articolo. “Nel 2018, gli sono stati pagati almeno 568 milioni di dollari, il che è stato in effetti un calo rispetto ai 786 milioni guadagnati l’anno precedente”, afferma la nota, che sottolinea che questo miliardario “è stato generoso con McConnell e Trump “.

In particolare, nel 2016 Schwarzman ha donato $ 2,5 milioni al Senato Leadership Fund e al McConnell Political Action Committee e ha inserito Jim Breyer, cognato miliardario di McConnell, nel consiglio di amministrazione di Blackstone. Due anni dopo, Schwarzman ha stanziato altri 8 milioni di dollari per il Comitato di azione politica.

Inoltre, nel corso degli anni i dipendenti di Blackstone hanno donato oltre 10 milioni di dollari a McConnell e al suo comitato di azione politica, “il che li rende la più grande fonte di finanziamento diretto per la carriera di McConnell”, sottolinea l’articolo, che menziona come la campagna del Senato McConnell ha rifiutato di commentare.

Inoltre, Schwarzman è un caro amico e consigliere dell’attuale presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e ha servito come presidente del suo Forum strategico e politico fino al 2017. Nel dicembre dello stesso anno, Schwarzman ha organizzato una raccolta fondi per Trump a una cena di beneficenza da $ 100.000 a coperto.

Sorgente: The Intercept: Uno dei principali donatori di Trump sarebbe dietro la deforestazione dell’Amazzonia | Ancora Fischia il Vento

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •