Sea Watch, Salvini: battaglia politica sulla pelle di 42 persone

27 Giugno 2019 0 Di ken sharo

In Italia chi scappa dalla guerra arriva in aereo essendo riconosciuto come profugo e rifugiato. Questi non sono naufraghi, pagano gli scafisti 3mila dollari. Questi sono viaggi organizzati con cui gli scafisti poi comprano armi e droga. Viaggi organizzati a pagamento da una mafia di trafficanti di esseri umani”. Con queste parole il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, intervistato questa mattina a Radio Anch’io, ribadisce la linea di fermezza sulla Sea Watch 3 ferma davanti al porto di Lampedusa dopo l’ingresso in acque italiane, nonostante i divieti. “Stroncare questo traffico – ha ribadito – significa salvare vite e smetterla di aiutare trafficanti di armi e droga”. Per Salvini, “forzare lo stop del Governo ed entrare in acque italiane” “la comandante della Sea Watch lo ha fatto per motivi di battaglia politica, evidentemente: spiace che usi 42 esseri umani per fare la sua battaglia politica”. “In 15 giorni sarebbe andata e tornata dall’Olanda due volte – ha osservato -. E’ chiaro che una nave che batte bandiera olandese, di una ong tedesca, che ha raccolto i migranti in acque libiche, poi non è andata in Tunisia, poi non è andata a Malta, ha tirato dritto verso l’Italia, ha disubbidito alla Guardia di finanza, ha disubbidito al Governo, ha disubbidito alla marina militare…lo fa per motivi di battaglia politica. In nome di chi, non l’ho capito.”Sulla decisione di entrare presa dalla comandante, Salvini ha dichiarato che “c’è gente che non si ferma in macchina quando i carabinieri intimano l’alt, questa gente viene arrestata e la macchina sequestrata: se lo fai in macchina o in barca la questione non cambia. Ci sono leggi, ci sono confini, ci sono diritti ci sono doveri”, ha chiarito. “Non possiamo sfamare tutto il mondo, abbiamo qualche milione di italiani in difficoltà, quindi mi preoccuperei prima di loro”. A Salvini viene poi riferito dell’arrivo a Lampedusa di un barchino carico di maghrebini. “Stiamo contrastando anche questo fenomeno”, “con gli sbarchi siamo fermi a quota 2.456 dal 1 gennaio ad oggi, considerate che nell’estate 2016 in 4 giorni ne arrivarono 13mila. Quindi è chiaro che abbiamo dato un bel taglio a questo business perchè si tratta di un grande affare per le organizzazioni criminali in Africa. E’ chiaro che se ti arrivano i barchini di notte, te li trovi sugli scogli, è più difficile contrastare, ma i viaggi organizzati da Ong sono un’altra cosa: la Sea Watch è la terza volta che fa la stessa cosa. Infatti mi auguro che l’autorità giudiziaria italiana, che è indipendente e non dipende da me, stia però acquisendo tutti i dati necessari. Perchè se non ti fermi all’alt in autostrada, per ben tre volte, vieni arrestato e la tua auto sequestrata”. “Non permetto che siano associazioni private e straniere a gestire i confini di un Paese che ha le sue regole, i suoi diritti, le sue dignità”, aggiunge poi Salvini. “Rispetto allo scorso anno gli sono sbarchi calati quasi del 90% abbiamo più che dimezzato morti e dispersi, ridotto di 65mila le presenze a carico degli italiani, i numeri della sicurezza sono buoni non consento che ong straniere gestiscano i confini”. Poi, in diretta a `Barba&Capelli`, in onda su Radio CRC, il ministro ha detto che “la legge prevede che bisogna essere autorizzati per poter attraccare, non possiamo far arrivare in Italia chiunque, le regole di un Paese sono una cosa seria. Le persone sulla Sea Watch non sono naufraghi, ma uomini e donne che pagano 3.000 dollari per andar via dal proprio Paese. In Italia stanno arrivando, in aereo, migliaia di migranti certificate che scappano dalla guerra. Spero che nelle ultime ore ci sia un Giudice che affermi che all’interno di quella nave ci sono dei fuorilegge, prima fra tutti la Capitana. Se la nave viene sequestrata e l’equipaggio arrestato io sono contento”.Intanto, secondo un sondaggio EMG Acqua presentato oggi ad Agorà, su Raitre, la maggior parte degli italiani (61%) non vuole che la Sea Watch, al largo di Lampedusa da due settimane, con a bordo 42 persone, attracchi sull`isola. La pensa in questo modo il 93% degli elettori della Lega e il 49% degli elettori del M5S. Per il 33% degli intervistati invece la nave dovrebbe entrare in un porto italiano.

Sorgente: Sea Watch, Salvini: battaglia politica sulla pelle di 42 persone

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •