Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Il cardinale Pell condannato a 6 anni. “Abusi sessuali su due 13enni” – Esteri – quotidiano.net

Il 77enne ex prefetto vaticano per l’Economia si è sempre detto innocente. La Corte d’appello deciderà il 5 e 6 giugno. La sentenza letta in diretta tv

Sydney (Australia), 13 marzo 2019 – Il cardinale George Pell è stato condannato a sei anni di carcere (ne rischiava 50) per aver commesso abusi sessuali su due ragazzini di 13 anni nel 1996. La notizia, trasmessa in diretta tv in Australia, è riportata con grande evidenza da tv e media internazionali.
Il 77enne ex prefetto vaticano per l’Economia, in isolamento dopo il suo arresto, si dichiara innocente e ha fatto ricorso alla Corte d’appello che, come la Cassazione italiana, deciderà il 5 e 6 giugno se vi sono stati vizi di forma nel primo grado. Pell potrà chiedere la libertà su cauzione dopo tre anni e 8 mesi.

 Tutti i guai del cardinale Pell – di Giovanni Panettiere

Le aggressioni risalgono a un periodo tra il 1996 e il 1997 e riguardarono due ragazzi che all’epoca avevano 13 anni. Pell è stato considerato colpevole di aver abusato sessualmente dei due giovanissimi coristi dopo aver celebrato messanella cattedrale e di aver aggredito sessualmente una seconda volta uno dei due minori, due mesi dopo. Inoltre è colpevole di quattro casi di offesa al pudore.

Il giudice Peter Kidd della County Court del Victoria – che ha letto per un’ora la sentenza in diretta tv – ha sottolineato che le violenze hanno avuto ripercussioni “profonde” e “durevoli” sulla vittima ancora in vita e probabilmente ne hanno avute anche sull’altra, un giovane deceduto per overdose di eroina. “Gli atti erano sessualmente evidenti, entrambe le vittime erano visibilmente e udibilmente angosciati durate le molestie. Vi è stato un ulteriore livello di umiliazione che ciascuna delle tue vittime deve aver provato nel sapere che l’abuso avveniva in presenza altrui”, ha detto il giudice.

La vittima superstite ha spiegato che “è difficile trarre conforto” da questa condanna. “E’ difficile per me concedermi di sentire la gravità di questo momento – ha commentato l’uomo, che ha voluto restare anonimo, attraverso il suo avvocato Vivian Waller – apprezzo che la Corte abbia riconosciuto ciò che ho dovuto subire da bambino. Tuttavia per me non c’è ancora tregua, tutto è messo in ombra dall’imminente processo d’appello”.

Il verdetto era stato reso noto solo a febbraio per non condizionare un altro procedimento giudiziario nei confronti di Pell. Il giudice della corte di Melbourne ha spiegato di aver  tenuto conto per la pena sia dei “crimini odiosi” (“ognuno dei due ragazzini assistette alla violenza sull’altro”, ha ricordato) che dell‘età avanzata dell’imputato e del fatto che “da allora ha condotto una vita irreprensibile“. “Il cardinale ha diritto a una giustizia equa e proporzionata”, ha sottolineato Kidd lamentando la “mentalità da linciaggio” di una parte dell’opinione pubblica. “Non sono qui per giudicare la Chiesa cattolica”, ha aggiunto.

Durante l’udienza, Pell è rimasto quasi sempre impassibile in aula, con le mani congiunte posate in grembo, mentre il giudice descriveva il suo “attacco sessuale forzato e spudorato alle due vittime”. Prima di lasciare il tribunale in manette, per essere trasferito in una struttura non precisata, il religioso ha firmato il registro dei responsabili di abusi sessuali.
La sentenza ha causato reazioni tiepide e delusione nelle vittime. “Ho apprezzato che il tribunale abbia riconosciuto ciò che subii da bambino, ma tutto è messo in ombra dall’attesa dell’appello”, ha affermato l’avvocata Vivan Waller, leggendo la dichiarazione della vittima identificata come J. Il padre dell’altra vittima, morta di overdose per droga nel 2014, ha fatto sapere invece che la pena inflitta a Pell è “deludente”. Pell è il più alto prelato della Chiesa cattolica mai condannato per pedofilia.

Sorgente: Il cardinale Pell condannato a 6 anni. “Abusi sessuali su due 13enni” – Esteri – quotidiano.net

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing