Viminale toglie la scorta a Sandro Ruotolo. Di Maio: ‘Assurdo’ – Politica – ANSA

4 Febbraio 2019 0 By luna_rossa

Protestano anche M5s. Orlando: ‘Salvini si vendica per inchieste?’ Saviano: ‘Così rischia’

Il Ministero dell’Interno toglie la scorta al giornalista Sandro Ruotolo, minacciato dalla Camorra per le sue inchieste. La notizia, diffusa dall’ex Guardasigilli Andrea Orlando, ha avuto come replica una salva di critiche, a cominciare da esponenti di M5s, partner di governo di Salvini, guidati dal presidente della Commissione antimafia Morra.  Anche il vicepremier Luigi Di Maio scende in campo: ‘Assurdo revocargli la scorta’. “Se non ci sono rischi per Sandro – ha detto Di Maio – non devo dirlo io ma i tecnici. Allora okay. Ma se invece è stata fatta una scelta imprudente, Ruotolo merita la scorta perché lui e’ uno di quei giornalisti di questa terra che si è battuto nella lotta alla criminalità organizzata e alla camorra”.

“Io – replica il cronista – solo così so fare il giornalista. Stare sui territori, raccontare, intervistare, cercare la verità. Vorrei continuare a poterlo fare”.

“Hanno tolto la scorta a Sandro Ruotolo,giornalista da sempre impegnato in inchieste sulle mafie”, ha detto Orlando (Pd), che ha subito sollevato un dubbio: Ruotolo è “anche il giornalista che si è occupato della ‘Bestia’,il dispositivo propagandistico del ministro dell’interno. Casualità?”. Di qui l’interrogazione parlamentare che Orlando ha anticipato di voler presentare, analogamente a quanto preannunciato da Pietro Grasso.
L’ex presidente del Senato ha sottolineato come le minacce del clan dei casalesi a Ruotolo “non hanno scadenza” e quindi il giornalista è in pericolo: concetto evidenziato anche da Roberto Saviano, da Giuseppe Antoci, sfuggito ad un agguato nel 2016, e dal testimone di Giustizia Luigi Coppola.
La Fnsi, il sindacato dei giornalisti, si è rivolto al premier Giuseppe Conte, chiedendo di rivedere la decisione: “Levargli la scorta sarebbe una scelta incomprensibile, pericolosa e lo metterebbe in condizione di non poter più proseguire nell’impegno di questi anni”. Amaro il commento di un’altra giornalista minacciata dalla mafia di Ostia, Federica Angeli: “Che lo Stato, questo Stato in particolare, possa scaricare chi lotta contro la mafia davvero non mi stupisce. Oggi tocca a Ruotolo, domani a un altro di noi cronisti”.

Anche altri partiti di opposizione hanno protestato per la decisione del Ministero dell’Interno: Erasmo Palazzotto (Leu), Luigi De Magistris, sindaco di Napoli, e Beatrice Brignone (Possibile) hanno chiesto al Viminale di tornare indietro.

Ma è M5s, a cominciare dal presidente della Commissione Antimafia, Nicola Morra: “Si devono proteggere i giornalisti esposti. Sandro è uno di questi. Nel rispetto del lavoro delle istituzioni preposte, io sto con Sandro”. E dopo Morra diversi altri parlamentari pentastelalti hanno fatto sentire la loro voce, da Vittoria Baldino a Stefania Ascari, fino alla presidente della Commissione Giustizia della Camera, Giulia Sarti.

Sorgente: Viminale toglie la scorta a Sandro Ruotolo. Di Maio: ‘Assurdo’ – Politica – ANSA

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •