Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Il vicepresidente venezuelano definisce un’offesa le sanzioni degli USA › Esteri › Granma

Il vicepresidente del Venezuela, Tareck El Aissami, ha definito le sanzioni imposte dal governo degli Stati Uniti *una miserabile provocazione*.Autore: Granma | internet@granma.cu16 febbraio 2017 08:02:40Photo: EFEEl vicepresidente del Venezuela, Tareck El Aissami, ha definito ieri, martedì 14, come *una miserabile provocazione* le sanzioni imposte dal governo degli Stati Uniti, tutto questo dopo che gli USA hanno incluso il Venezuela in una lista nera per presunto narcotraffico. ha informato la catena Telesur.Il Dipartimento del Tesoro ha deciso d’annullare il visto di El Aissami, di confiscare proprietà ed ha proibito la realizzazione di transazioni finanziarie o commerciali con istituzioni degli Stati Uniti.Di fronte alle sanzioni il vicepresidente venezuelano ha dichiarato nel suo spazio della rete sociale Twitter d’avere “il morale intatto, maggior fermezza e convinzione antimperalista”.Inoltre ha scritto che “la verità è invincibile e vedremo come svanirà infame aggressione. Ora con maggior forza renderemo irreversibile la nostra Rivoluzione “,ha aggiunto El Aissami.Il funzionario venezuelano ha dichiarato ch ele priorità del govenro del venzuela sonolavoarare a favire del recuiero e del raffrozmanto dell appaartoeocnomico conilfiendi garntire la pace e la felicità sociele expresó que las prioridad del Gobierno de Venezuela es trabajar en pro de la recuperación y fortalecimiento del aparato económico a fines de garantizar la paz y la felicidad social.El Departamento del Tesoro de Estados Unidos acusó a El Aissami bajo la Ley de Designación de Cabecillas Extranjeros del Narcotráfico (Foreign Narcotics Kingpin Designation Act), considerándolo el titular venezolano de mayor rango en la lista.

Sorgente: Il vicepresidente venezuelano definisce un’offesa le sanzioni degli USA › Esteri › Granma – Organo ufficiale del PCC

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv