0 7 minuti 2 settimane

L’8 luglio 2024 il tribunale regionale di Brest ha annunciato il verdetto del  difensore dei diritti umani Olga Karach, direttrice del Centro internazionale per le iniziative civili “La nostra casa”.

Olga Karach è stata condannata a 12 anni di carcere e a una multa di 600.000 rubli bielorussi (170.000 euro).

Insieme a lei, Veranika Tsepkala, Yauhen Vilski, Anatoli Kotau e Vadzim Dzmitrenak sono stati condannati a 12 anni di carcere ciascuno.

Veranika Tsepkala ha ricevuto anche una multa di 40.000 rubli bielorussi (11.300 euro)

A Yauhen Vilsky è stata inoltre inflitta una multa di 480.000 rubli bielorussi (135.400 euro).

Anatoli Kotov ha ricevuto anche una multa di 600.000 rubli bielorussi (170.000 euro).

Vadzim Dzmitrenak ha ricevuto anche una multa di 440.000 rubli bielorussi (124.000 euro).

Olga Karach, Veranika Tsepkala, Yauhen Vilsky e altri imputati sono stati accusati in base a cinque articoli penali: “cospirazione o tentativo di colpo di stato per prendere il potere statale con mezzi incostituzionali” (parte 1 art. 357 CC), “assistenza ad attività estremiste” (parte 1 e parte 2 dell’articolo 361-4 del CC), “creazione di una formazione estremista” (parte 1 e parte 3 dell’articolo 361-1 del CC), “screditamento della Repubblica di Bielorussia” (parte 369-1 del CC) e “diffamazione di Aliaksandr Lukashenka” (parte 2 dell’articolo 367 del CC).

Link alla sentenza del tribunale (apribile solo dalla Bielorussia, dalla Russia o tramite VPN):

https://prokuratura.gov.by/ru/media/novosti/nadzor-za-resheniyami-po-ugolovnym-i-grazhdanskim-delam/prokuratura-brestsko080724/

Chi è il popolo?

Olga Karach è una difensore dei diritti umani, candidata al premio Nobel per la pace nel 2024 .

Olga Karach è una delle fondatrici del movimento per la pace in Bielorussia. Dal dicembre 2005, lei e i suoi colleghi hanno fondato l’International Center for Civil Initiatives “Our House”. Lavora da anni come difensore dei diritti umani a sostegno dei gruppi più vulnerabili, come donne, bambini, LGBTI, rifugiati.

Olga Karach è attualmente la blogger di YouTube più famosa e popolare in Bielorussia, negli ultimi tre anni i suoi videomessaggi alla gente, sui temi delle proteste non violente in Bielorussia, sono stati visti da più di 40 milioni di persone e il numero dei suoi iscritti è di circa 80 mila. Olga Karach promuove ampiamente le idee di resistenza non violenta / risoluzione pacifica dei conflitti anche di fronte a conflitti molto violenti, tra cui il rapimento e lo stupro di bambini nelle prigioni da parte delle forze di sicurezza bielorusse. È autrice di circa 300 articoli nei campi del lavoro civico e politico (resistenza non violenta, risoluzione dei conflitti, problemi di genere, agenda femminista, diritti umani ecc.), nei principali media indipendenti nazionali, alcuni media stranieri, Internet.

Olga Karach è vincitrice di noti premi internazionali per i diritti umani:

• 2023 – Premio Internazionale per la Pace Alexander Langer, Italia

• 2023 – Premio per la pace Sean MacBride, Germania

• 2022 – Premio per i diritti umani della città di Weimar, Germania

• 2019: Premio Internazionale per la Pace – Brema, Germania.

• 2010: Premio Internazionale “Per il coraggio civile” – Radebeul, Germania

• 2007: “Persona dell’anno” – Amnesty International per la Bielorussia (per essere stata la migliore nella difesa dei diritti umani).

Laurea Magistrale in Scienze Politiche, Università Europea Umanitaria, Vilnius, Lituania.

Membro dell’Associazione bielorussa dei giornalisti dal 1999.

Membro del WILPF.

Partecipante attiva alla rete internazionale “Women’s Peace Dialogue”.

Uno dei fondatori e partecipante attivo del Global Peacebuilders Summit di Berlino (Germania).

Membro del Consiglio direttivo dell’Ufficio europeo degli obiettori di coscienza (EBCO).

Veranika Tsapkala  è il secondo volto femminile della Rivoluzione bielorussa del 2020, moglie del candidato alla presidenza Valery Tsapkala, la cui sede si è fusa con quella di Viktаr Babaryka e Siarhei Tsіkhanouskі, candidati alla presidenza del 2020.

Suo marito, Valery Tsapkala, è stato condannato in contumacia in Bielorussia  a 17 anni  di carcere per inviti pubblici ad azioni contro la sicurezza nazionale della Bielorussia, creazione di una formazione estremista, calunnia e insulti pubblici a Lukashenka, nonché per aver screditato la Repubblica di Bielorussia.

Maryia Kalesnі kava,  il terzo volto femminile della rivoluzione bielorussa, è stata condannata a 11 anni di carcere per appelli pubblici ad azioni contro la sicurezza nazionale della Bielorussia, creazione di una formazione estremista, nonché cospirazione per impossessarsi del potere statale con mezzi incostituzionali. È stata riconosciuta come prigioniera politica. Al momento Maryia Kalesnі kava è in carcere da più di un anno in stato di incommunicado, i suoi avvocati e parenti non sono autorizzati a farle visita, pacchi e lettere non le vengono consegnati.

Yauhen  і lskі  è il presidente ad interim del partito socialdemocratico Narodnaya Hramada. Nel 2020, ha guidato il gruppo di iniziative di Sviatlana Tsіkhanouskaya nella regione di Vitebsk.

Il presidente del partito Narodnaya Hramada  Mikalai Statkevich  è stato condannato a 14 anni in una colonia a regime speciale e riconosciuto come prigioniero politico. Al momento è in regime di incommunicado da più di 500 giorni, i suoi avvocati e parenti non sono autorizzati a fargli visita, pacchi e lettere non vengono consegnati. Mikalai Statkevich è l’unico prigioniero politico condannato al “regime speciale” in una prigione bielorussa, il che significa torture e pressioni aggiuntive.

Anatol Kotau  è un ex funzionario bielorusso di alto rango. Ha lavorato presso il Ministero degli Affari Esteri, l’Amministrazione di Lukashenka, l’Ufficio di Lukashenka, il Comitato Olimpico Nazionale ed è stato vicedirettore della Fondazione “Direzione dei II Giochi Europei”. Ha sostenuto il movimento per elezioni libere e si è dimesso per protesta contro le frodi elettorali, attualmente sta attivamente aiutando i campioni olimpici e gli atleti bielorussi in esilio.

Vadzim Dzmitronak  è un attivista culturale e un noto architetto di Minsk. È stato brutalmente arrestato e duramente picchiato il 15 novembre 2020, durante l’azione in memoria dell’artista Raman Bandarenka, brutalmente assassinato dagli agenti di polizia nel cortile della sua stessa casa. Vadzim ha trascorso una settimana in ospedale d’urgenza sotto scorta della polizia, da dove è stato rapito dalla stessa scorta e portato a Okrestino (il più famoso centro di isolamento dei criminali per tortura), poi due giorni dopo Vadzim è stato nuovamente portato all’ospedale della prigione di Zhodzina per una settimana, dopodiché è stato trasferito al centro di detenzione preventiva di Zhodzina. Quindi è stato trasferito gradualmente in un centro di detenzione preventiva. Di conseguenza, il 17 marzo 2021, gli sono stati inflitti tre anni di restrizione della libertà con ordine ed è fuggito illegalmente attraverso il confine dalla Bielorussia.

Sorgente: WHRD Olga Karach condannata a 12 anni di carcere in contumacia in Bielorussia – LA NOSTRA CASA


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.