0 3 minuti 1 settimana

dell’Ucraina. Secondo quanto riporta Radio Free Europe, che cita il giornalista investigativo Szabolcs Panyi, il leader di Fidesz si recherà venerdì a Mosca per incontrare il presidente russo. Informazione confermata a Ilfattoquotidiano.it da fonti interne al partito di governo e da diplomatici ungheresi che, però, non forniscono il luogo dell’incontro che potrebbe avvenire nella capitale russa o in quella azera, Baku. Ipotesi, quest’ultima, avvalorata dal fatto che il capo del governo di Budapest è atteso per il 5 e 6 luglio al vertice dell’Organizzazione degli Stati turchi in Azerbaijan. Un incontro storico che arriva a pochi giorni dall’inizio della presidenza di turno ungherese dell’Ue e a seguito dell’incontro con Volodymyr Zelensky, a Kiev, il 2 luglio. D’altra parte il suo portavoce, Zoltan Kovacs, è stato chiaro: il premier vuole ritagliarsi un ruolo da “facilitatore” per la fine del conflitto, “Orbán non vuole promuovere una conferenza di pace, ma la prima priorità della presidenza è la pace”.

La velocità con la quale il premier ungherese ha organizzato i due incontri con i presidenti di Russia e Ucraina suggerisce che la mossa fosse in cantiere già da tempo. Un colpo di teatro per marcare fortemente fin da subito la presidenza dell’Ue a guida Budapest e lanciare un segnale chiaro: vuole essere lui a favorire il dialogo verso un processo di pace. “Non ci limitiamo a parlare, agiamo”, dicono da Fidesz. Tanto che già martedì, riferiscono sempre dal partito di governo, il ministro degli esteri di Budapest Péter Szijjártó ha avuto contatti con l’omologo russo Sergej Lavrov.

A confermare che l’agenda del premier magiaro è occupata da appuntamenti di primo piano ci sono anche alcune consuetudini europee che, in questo caso, non sono state rispettate. La prassi vuole che la Commissione Ue viaggi nella capitale del Paese presidente di turno nei primissimi giorni del semestre. Nel caso dell’Ungheria, che ha preso l’incarico il 1 luglio, ciò non è avvenuto e la visita dei commissari è attesa per dopo l’estate. Kovacs ha parlato di “semplici problemi di agenda” senza fornire ulteriori informazioni. E non è un caso che il presidente del Consiglio Ue, Charles Michel, abbia reagito immediatamente scrivendo dal suo profilo X che “la presidenza di turno dell’Ue non ha il mandato di impegnarsi con la Russia per conto dell’Ue. Il Consiglio europeo è chiaro: la Russia è l’aggressore, l’Ucraina è la vittima. Nessuna discussione sull’Ucraina può aver luogo senza l’Ucraina”.

Sorgente: Viktor Orbán incontrerà Vladimir Putin venerdì. È il primo leader europeo dopo l’invasione dell’Ucraina – Il Fatto Quotidiano


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.