0 7 minuti 2 settimane

L’esercito israeliano ordina l’evacuazione della città di Gaza devastata dalla battaglia

I palestinesi piangono le salme dei propri cari dopo il bombardamento israeliano a Deir El-Balah, nella Striscia di Gaza centrale, il 10 luglio 2024.

 

STRISCIA DI GAZA: Mercoledì l’esercito israeliano ha lanciato migliaia di volantini sulla città di Gaza devastata dalla guerra, esortando tutti i residenti a fuggire da una pesante offensiva attraverso la città principale del territorio palestinese assediato.
I volantini, indirizzati a “tutti a Gaza City”, hanno indicato le vie di fuga designate e hanno avvertito che l’area urbana, che prima della guerra aveva una popolazione di oltre mezzo milione di persone, sarebbe “rimasta una pericolosa zona di combattimento”.
L’avvertimento è arrivato mentre le truppe israeliane, supportate da carri armati e aerei, hanno combattuto i militanti di Hamas e della Jihad islamica nel combattimento più duro che la città abbia visto negli ultimi mesi nella guerra che infuria dal 7 ottobre.
Le Nazioni Unite hanno affermato che le ultime evacuazioni “alimenteranno solo la sofferenza di massa per le famiglie palestinesi, molte delle quali sono state sfollate molte volte”.
“I civili devono essere protetti”, ha affermato il portavoce del Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, Stephane Dujarric.
Un portavoce del governo israeliano ha affermato che l’obiettivo era “mettere i civili fuori pericolo” mentre le truppe combattono i militanti “dove si trovano”.
Una donna che trasportava i suoi pochi averi tra le rovine, Umm Nimr Al-Jamal, ha detto all’AFP martedì che “questa è la dodicesima volta” che la sua famiglia deve fuggire.
“Quante volte possiamo sopportare questo? Mille volte? Dove finiremo?”
L’impennata di combattimenti, bombardamenti e sfollamenti è avvenuta mentre i colloqui stavano per riprendere in Qatar per una tregua e un accordo di rilascio degli ostaggi nella guerra che ora volge al decimo mese.
Il funzionario di Hamas Hossam Badran, interrogato sulle crescenti operazioni militari, ha detto all’AFP che Israele “sperava che la resistenza rinunciasse alle sue legittime richieste” nei negoziati di tregua.
Ma “la continuazione dei massacri ci costringe ad aderire alle nostre richieste”, ha detto.
Pesanti combattimenti hanno infuriato anche a Rafah, nell’estremo sud di Gaza, dove testimoni hanno riferito all’AFP che i carri armati israeliani erano entrati rombando nel centro della città e avevano scatenato un intenso fuoco sugli edifici.
In tutta Gaza, attacchi mortali hanno colpito quattro scuole usate come rifugi in quattro giorni, uccidendo almeno 49 persone secondo medici e funzionari nel territorio gestito da Hamas, e scatenando rimproveri da parte di Francia e Germania che hanno entrambe definito gli attacchi “inaccettabili”.
“Chiediamo che questi attacchi siano completamente indagati”, ha affermato il ministero degli esteri francese, evidenziando un attacco mortale martedì su una scuola vicino alla città meridionale di Khan Yunis.
“È inaccettabile che le scuole, in particolare quelle che ospitano civili sfollati a causa dei combattimenti, vengano prese di mira”.
Israele ha affermato che gli attacchi avevano preso di mira i militanti nascosti nelle scuole.
Nel distretto orientale di Shujaiya di Gaza City, dove infuriavano importanti battaglie dopo un ordine di evacuazione israeliano del 27 giugno, un portavoce dell’agenzia di difesa civile ha affermato che c’era una “distruzione” diffusa.
Shujaiya è diventata una “città fantasma”, ha affermato Mahmud Bassal.
Bassal e testimoni hanno detto che le truppe israeliane si sono ritirate dall’area, sebbene l’esercito abbia detto all’AFP che le sue forze erano “ancora operative” lì.
Nel frattempo, una delegazione israeliana guidata dal capo delle spie David Barnea è arrivata a Doha per colloqui di tregua, ha detto una fonte a conoscenza dei delicati negoziati.
Anche il direttore della CIA William Burns era atteso nella capitale del Qatar dopo aver tenuto colloqui al Cairo martedì.
Nel frattempo, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha incontrato l’inviato speciale del presidente degli Stati Uniti Joe Biden per il Medio Oriente, Brett McGurk.
Netanyahu “ha sottolineato il suo impegno” per un piano di tregua proposto, “finché le linee rosse di Israele saranno preservate”, ha detto il suo ufficio.
L’attacco del 7 ottobre di Hamas al sud di Israele che ha scatenato la guerra ha provocato la morte di 1.195 persone, per lo più civili, secondo un conteggio dell’AFP basato su cifre israeliane.
I militanti hanno anche sequestrato 251 ostaggi, 116 dei quali rimangono a Gaza, di cui 42 secondo l’esercito sono morti.
Israele ha risposto con un’offensiva militare che ha ucciso almeno 38.295 persone a Gaza, per lo più civili, secondo i dati del ministero della Salute del territorio.
Il ministro della Difesa Yoav Gallant ha detto ai legislatori israeliani che il 60 percento dei combattenti di Hamas era stato “eliminato o ferito” durante la guerra.
Israele ha imposto un assedio punitivo ai 2,4 milioni di abitanti di Gaza, alleviato solo da sporadiche consegne di aiuti.
Il gruppo umanitario Medici Senza Frontiere ha avvertito di carenze “critiche” di forniture mediche a Gaza, senza rifornimenti da più di due mesi.
Martedì, esperti indipendenti delle Nazioni Unite per i diritti umani hanno accusato Israele di aver condotto una “campagna mirata di carestia”, un’affermazione fortemente respinta da Israele.
I parenti degli ostaggi israeliani, che hanno fatto pressione su Netanyahu chiedendo un’azione rapida per salvare i loro cari, hanno iniziato una marcia di quattro giorni da Tel Aviv alla sede del governo a Gerusalemme.
“Vogliamo che tutto Israele esca con noi” e “ricordi a Netanyahu che… deve firmare un accordo per riportarli indietro e fermare questa terribile guerra”, ha detto Ayala Metzger, nuora dell’ostaggio Yoram Metzger morto in prigionia.
Dall’inizio della guerra di Gaza, le forze israeliane hanno anche scambiato regolarmente il fuoco con i militanti di Hezbollah in Libano, alleati di Hamas, scatenando i timori di una più ampia conflagrazione regionale.
Mentre gli scontri transfrontalieri si intensificavano, il capo di Hezbollah Hassan Nasrallah ha detto mercoledì che il suo gruppo avrebbe posto fine agli attacchi se i combattimenti a Gaza fossero finiti.
“Se si raggiungesse un cessate il fuoco, e tutti noi lo speriamo… il nostro fronte cesserebbe il fuoco senza alcuna discussione”.

Sorgente: L’esercito israeliano ordina l’evacuazione della città di Gaza devastata dalla battaglia


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.