0 4 minuti 1 settimana

Dopo nove mesi di blocco quasi totale degli aiuti umanitari da parte di Israele , martedì dieci massimi esperti delle Nazioni Unite hanno dichiarato di aver visto abbastanza, dichiarando che Israele è impegnato in una “campagna mirata di carestia” a Gaza . 

“Dichiariamo che la campagna intenzionale e mirata di carestia condotta da Israele contro il popolo palestinese è una forma di violenza genocida e ha provocato la carestia in tutta Gaza”, hanno affermato gli esperti.

“Invitiamo la comunità internazionale a dare priorità alla distribuzione di aiuti umanitari via terra con tutti i mezzi necessari, a porre fine all’assedio di Israele e a stabilire un cessate il fuoco”, hanno aggiunto. 

La dichiarazione è stata rilasciata da Michael Fakhri, relatore speciale sul diritto al cibo, insieme ad altri esperti come Francesca Albanese, relatrice speciale sulla situazione dei diritti umani nei territori palestinesi, e Paula Gaviria Betancur, relatrice speciale sui diritti umani degli sfollati interni.

Secondo il ministero della Salute palestinese, dall’inizio della guerra, in ottobre, almeno 33 bambini sono morti per malnutrizione, soprattutto nel nord di Gaza.

Il gruppo di dieci esperti in diritti umani ha citato la morte di tre bambini di tredici, nove e sei mesi, per malnutrizione a Khan Younis e Deir al-Balah dalla fine di maggio, il che li ha portati ad affermare che è in corso una carestia.

“Con la morte di questi bambini per fame nonostante le cure mediche nella Gaza centrale, non c’è dubbio che la carestia si sia diffusa dalla Gaza settentrionale alla Gaza centrale e meridionale”, hanno affermato gli esperti.

La missione diplomatica di Israele a Ginevra ha affermato che la dichiarazione è “disinformazione”.

“Israele ha costantemente aumentato il suo coordinamento e la sua assistenza nella distribuzione degli aiuti umanitari nella Striscia di Gaza, collegando di recente la sua linea elettrica all’impianto di desalinizzazione dell’acqua di Gaza”, ha affermato la missione.

Carestia per mesi

A giugno un rapporto pubblicato da un gruppo di esperti indipendenti noto come Famine Early Warning Systems Network, o Fews Net, ha avvertito che la carestia a Gaza potrebbe essere in corso da aprile e probabilmente continuerà fino a luglio “se non ci sarà un cambiamento fondamentale nel modo in cui l’assistenza alimentare viene distribuita e accessibile” dopo il suo ingresso nella Striscia.

Nel frattempo,  Israele  continua a bloccare il valico di Rafah con  l’Egitto e a limitare l’ingresso degli aiuti attraverso il valico di Karem Shalom con la striscia di Gaza meridionale.

“L’accesso e l’utilizzo dell’assistenza alimentare disponibile da parte della popolazione sono stati insufficienti per soddisfare il livello di necessità attuale e molto di più deve essere fatto immediatamente per garantire che l’assistenza alimentare umanitaria venga distribuita in modo efficace una volta entrata a Gaza”, si legge nel rapporto.

L’organizzazione statunitense Fews Net ha condotto la sua analisi sulla carestia a Gaza basandosi su tre condizioni che devono essere soddisfatte: consumo di cibo, malnutrizione acuta e mortalità. 

Lo studio ha concluso che l’impennata dei tassi di mortalità nell’enclave assediata è direttamente collegata ai livelli di carestia “vicini” e che tassi “estremamente elevati” di malnutrizione tra i bambini porteranno a gravi impatti fisiologici.

Tuttavia, si legge nel rapporto, ad aprile nel nord di Gaza sono state raggiunte le soglie di carestia.

Sorgente: La “campagna mirata di fame” di Israele ha portato alla carestia in tutta Gaza: esperti delle Nazioni Unite | Middle East Eye


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.