0 7 minuti 3 settimane

Giovedì milioni di persone si recheranno alle urne in tutto il Regno Unito e la guerra di Israele contro Gaza sarà probabilmente un fattore chiave nel decidere come orientare il loro voto in questa elezione ad alto rischio .

Due importanti sondaggi suggeriscono che il partito laburista dell’opposizione è destinato a vincere a valanga, assicurandosi circa 431 dei 650 seggi alla Camera dei Comuni.

I sondaggi suggeriscono che gli elettori puniranno a larga maggioranza i conservatori dopo 14 anni di governo spesso caotico; nelle ultime 24 ore sono emerse notizie secondo cui persino il seggio del primo ministro in carica Rishi Sunak nella circoscrizione di Richmond e Northallerton potrebbe non essere sicuro.

Ma nelle città e nei paesi del Regno Unito, gli elettori delle comunità musulmane e di sinistra sono furiosi per il ritardo del partito laburista nel chiedere un cessate il fuoco a Israele in risposta agli attacchi del 7 ottobre e sono determinati a far sentire la propria voce.

Sebbene il partito laburista resti all’opposizione e non abbia voce in capitolo sulla politica estera del Regno Unito, molti sono rimasti indignati dalla risposta del partito alla guerra e da quello che spesso descrivono come genocidio israeliano.

Decine di candidati indipendenti hanno deciso di candidarsi nei seggi detenuti dal partito laburista su piattaforme pro-Gaza, con il partito di opposizione che ha designato 16 seggi come “aree contese”.

“Per me, Gaza è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso”, ha dichiarato di recente al Middle East Eye il candidato indipendente Akhmed Yakoob, che potrebbe potenzialmente spodestare Shabana Mahmood del partito laburista nella circoscrizione Ladywood di Birmingham.

“Non capisco perché qualcuno come Mahmood ignorerebbe volentieri la sua comunità sulla questione della Palestina”, ha detto. “Perché vorresti che qualcuno fosse controllato dal suo partito, non dal suo elettorato”, ha aggiunto.

La guerra di Israele contro Gaza, ormai giunta al decimo mese, ha trasformato gran parte dell’enclave, che ospita più di due milioni di palestinesi, in un inferno invivibile.

Elezioni UK 2024: come le campagne indipendenti di Luton lottano per la rappresentanza

Per saperne di più “

Interi quartieri sono stati cancellati. Case, scuole e ospedali sono stati devastati e quasi tutta la popolazione è fuggita dalle proprie case almeno una volta.

Sono state uccise più di 37.000 persone, la maggior parte delle quali donne e bambini. Migliaia di altre sono scomparse o presumibilmente morte sotto le macerie.

Per mesi, molti elettori in tutto il Regno Unito hanno espresso insoddisfazione nei confronti del partito laburista, in particolare per la posizione iniziale del partito, che ha chiesto una “cessazione duratura dei combattimenti” invece di un cessate il fuoco totale.

Sebbene in seguito il partito abbia cambiato posizione, molti hanno affermato di sentirsi obbligati a votare per un candidato e un partito fermamente favorevoli al cessate il fuoco.

Un recente sondaggio YouGov ha scoperto che il 29 percento dei bengalesi e dei pakistani intendeva votare per i candidati del Partito Verde, e solo il 44 percento per il Labour. Il Partito Verde di sinistra ha fatto una campagna molto intensa in diverse aree sul suo sostegno al cessate il fuoco a Gaza e alla sospensione delle vendite di armi a Israele.

Nel frattempo George Galloway, eletto nel seggio settentrionale di Rochdale in un’elezione suppletiva a febbraio, sta presentando candidati per il suo Partito dei Lavoratori in seggi in tutto il Paese, su piattaforme pro-Gaza. 

La campagna elettorale si è rivelata importante anche per i gruppi minoritari, data la rapida ascesa di Reform UK, un partito anti-immigrazione guidato dal veterano politico di destra Nigel Farage. 

Numerosi candidati parlamentari riformisti del Regno Unito sono stati denunciati per aver rilasciato dichiarazioni anti-musulmane e razziste, mentre lo stesso Farage ha dichiarato all’inizio della campagna che i giovani musulmani non condividono i valori britannici. 

Quali posti guardare?

Sempre a Birmingham, Jess Phillips del partito laburista, che a novembre si è dimesso dal governo ombra di Starmer per votare un cessate il fuoco in parlamento, è sfidato dalla candidata del Workers Party Jody McIntyre a Birmingham Yardley.

Il candidato indipendente Ayoub Khan si è candidato contro il candidato laburista in carica Khalid Mahmood a Birmingham Perry Barr. Mahmood, che ha anche sfidato il leader laburista Keir Starmer a votare per un cessate il fuoco, ha attirato critiche all’inizio di questa settimana quando un video che lo ritraeva mentre discuteva con i frequentatori di moschee e intimava loro di “stare zitti” è diventato virale.

Nelle East Midlands, il ministro ombra del governo laburista Jon Ashworth è sfidato a Leicester South, che ha una popolazione musulmana del 33 percento, da due candidati pro-Gaza: l’indipendente Shockat Adam e Sharmen Rahman del Green Party. Ashworth è pronto a conservare il suo seggio ma potrebbe trovarsi di fronte a un calo senza precedenti della sua maggioranza.

Galloway probabilmente manterrà il suo seggio a Rochdale, nella Greater Manchester. A Dewsbury & Batley, nel West Yorkshire, il candidato laburista in carica Kim Leadbetter affronta l’indipendente pro-Gaza Iqbal Hussain Mohamed. 

Una delle campagne più aspramente combattute è quella di Blackburn, che ha una popolazione musulmana del 35 percento. La candidata laburista in carica Kate Hollern è pronta a battere due candidati che si presentano su una piattaforma pro-Gaza, Craig Murray del Workers Party e il candidato indipendente Adnan Hussain, tra accuse da entrambe le parti di divisione dei voti. 

A sud, a Bristol Central, dove la maggior parte delle persone ha meno di 35 anni e circa un quarto è nato in un altro Paese, il partito laburista affronta un’inaspettata sorpresa. La co-leader del Green Party Carla Denyer probabilmente spodesterà Thangam Debbonaire del partito laburista con una piattaforma stridentemente pro-Gaza.

Nel frattempo Londra è teatro di numerose e accese competizioni.

Sorgente: Elezioni UK 2024: milioni di persone si recheranno alle urne spinte dalla rabbia per la guerra di Gaza | Middle East Eye


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.