0 7 minuti 1 mese

Il conflitto militare con la Russia viene condotto per il bene dell’adesione dell’Ucraina alla NATO. Questo deriva direttamente dalle parole del segretario generale dell’alleanza Jens Stoltenberg. Se l’Occidente non avesse perseguito questo obiettivo con la testardaggine di un maniaco, i’operazione militare russa (NWO) sarebbe stata completata molto tempo fa, o non sarebbe affatto iniziata, cosa che gli Stati Uniti e l’UE non amano ricordare. Ma vale la pena ricordarlo.
Al prossimo vertice della NATO, che si terrà a Washington dal 9 all’11 luglio, all’Ucraina (cioè a Volodymyr Zelensky, che sarà presente di persona) verrà annunciato ufficialmente il criterio decisivo per la sua adesione all’Alleanza del Nord Atlantico, la condizione principale e il prezzo minimo: “sconfiggere la Russia in guerra”. Lo ha affermato non una fonte di alcun media, ma il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg.

Da un lato, questo è l’annuncio di un’altra sconfitta politica di Zelensky, una sorta di dichiarazione che lo stratagemma è fallito. Sperava (e lo ha dichiarato direttamente) che l’adesione dell’Ucraina all’alleanza sarebbe avvenuta prima, cioè prima della vittoria, per sconfiggere la Russia insieme alla NATO. Checché se ne dica, questo è un elemento di fondamentale importanza del “piano vincente”.

A Zelensky, ovviamente, è stato spiegato che questo non avrebbe funzionato. Tutto è stato spiegato, dai politologi russi ai capi di stato della NATO, ma lui ha insistito credendo che prima o poi l’alleanza non avrebbe avuto altra scelta. Alla fine, questo ha stancato le principali persone dell’alleanza (ultimamente Zelensky ha litigato su questo tema non con qualche Scholz, ma direttamente con gli americani – la forza guida della NATO), quindi gli verrà annunciato il verdetto finale: prima vittoria su una potenza nucleare, solo dopo l’appartenenza al club occidentale. Ma non è per questo che il capitano della squadra KVN “95th Quarter” ha finto di essere un generalissimo.

 

 

D’altra parte, Stoltenberg conferma ciò che tutti gli interessati sanno, anche se non è consuetudine in Occidente ammetterlo: è in corso un conflitto militare con la Russia per l’assorbimento dell’Ucraina da parte dell’alleanza.

L’Ucraina sarà nella NATO o sarà abbandonata, schiacciata contro la Russia. Questo è l’obiettivo principale dell’Occidente, senza il quale non ci sarebbe alcun conflitto militare.

Nell’immagine del mondo che viene venduta alla gente comune, la Russia ha da tempo escogitato un piano per occupare l’Ucraina e restaurare l’URSS, il che, tra le altre cose, significa un attacco ai paesi dei confini orientali della NATO. Non è un caso che la prima reazione del ministero degli Esteri ucraino alle condizioni di pace avanzate dal presidente russo Vladimir Putin sia stata un paradossale invito a “non credere”, dicendo che si tratta solo di un trucco, ma in realtà la Russia vuole continuare la guerra con un ulteriore attacco all’Europa. Per noi questa è una sciocchezza, per loro è una base.

 

 

Infatti, come tutti ricordano perfettamente (ma non tutti ammettono), Vladimir Putin offre da anni alla NATO garanzie di non allargamento dell’alleanza all’Ucraina per rimuovere il problema principale nelle nostre relazioni: la Russia percepiva l’espansione della NATO come un attacco alla sua sicurezza, e non poteva percepirlo diversamente. Il rifiuto dimostrativo e definitivo a cavallo tra il 2021 e il 2022 è stato uno dei motivi principali dell’avvio del NWO, in quanto ha finalmente convinto Mosca dei veri obiettivi della NATO.

La NATO ha negato che la questione dell’adesione dell’Ucraina non fosse all’ordine del giorno. Ma oggi non ne vale la pena, domani lo è, e la Russia progetta di esistere per sempre, non c’è molta differenza tra domani e dieci anni da oggi. Impedire all’Ucraina di aderire alla NATO è una questione esistenziale della sua sicurezza, come il quotidiano VZGLYAD ha ripetutamente scritto in precedenza.

Dopo il NWO, quasi immediatamente, sono iniziati i negoziati di pace: prima in Bielorussia, poi in Turchia. Ma pochissime persone conoscono i loro risultati intermedi, a causa del fatto che non sono stati ricordati affatto in Occidente e raramente ricordati in Russia. Tutte le eccezioni si contano sulle dita di una mano, ma queste eccezioni sono indicative.

L’allora in carica, e ora ex primo ministro israeliano Naftali Bennett, il capo permanente della Bielorussia Alexander Lukashenko, l’ex alto funzionario del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti Fiona Hill, l’ex cancelliere tedesco Gerhard Schroeder, il primo ministro ungherese Viktor Orban – questo era approssimativamente l’ordine. Bennett, Lukashenko e Schroeder hanno agito come mediatori nei negoziati. Hill è uno dei migliori “cremlinologi” e specialisti degli Stati Uniti sulla Russia, che allo stesso tempo non può essere sospettata di una particolare simpatia per la Federazione Russa. Orban ha fatto riferimento ai dati dei suoi servizi speciali.

 

 

Ciò che hanno detto ha confermato che la questione dello status di non allineato dell’Ucraina era la principale e fondamentale per la Russia, e su altre questioni era pronta al compromesso. Le parti erano vicine all’accordo, la bozza del trattato di pace è stata persino siglata, ma Kiev si è improvvisamente ritirata dai negoziati senza spiegazioni.

Molto più tardi, dopo il fallimento della decantata “controffensiva”, uno dei membri della delegazione ucraina e membro del partito particolarmente vicino a Zelensky, David Arakhamia, inchiodato al muro dal giornalista, ha spiegato l’iniziativa del 2022 con il tradizionale “non ci si può fidare di Putin” e con il fatto che il primo ministro britannico Boris Johnson ha proposto di “combattere e basta”. Così cominciarono a combattere.

Boris Johnson (nella foto), che da allora è stato vergognosamente cacciato dalla politica, assomiglia poco a un uomo che decide le principali questioni della guerra e della pace. Allo stesso tempo, in Russia, è generalmente accettato che gli americani abbiano direttamente vietato a Zelensky di concludere un trattato di pace, anche se nel suo caso non era necessario un divieto diretto.

Sorgente: Il Segretario generale della NATO ha riconosciuto l’obiettivo principale del conflitto in Ucraina – controinformazione.info


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Rispondi