0 6 minuti 4 settimane

Il Ministero degli Esteri cinese si è scagliato contro la NATO dopo che il capo della NATO ha diffamato la Cina per aver “appoggiato” la Russia sul campo di battaglia, il Ministro degli esteri cinese ha affermato che gli USA  in quanto erede della Guerra Fredda e il più grande gruppo militare del mondo  che trall’altro  svolge un  ruolo nella crisi ucraina, dovrebbe riflettere su se stesso, invece di denigrare e attaccare la Cina.

Incolpare la Cina è più che altro un modo per sfogare la frustrazione per una conferenza di pace in Ucraina, in gran parte improduttiva, e serve anche a deviare la pressione sulla stagnazione del conflitto in corso tra Russia e Ucraina, dove gli aiuti militari a lungo termine all’Ucraina non hanno prodotto i risultati attesi, secondo gli analisti. disse.

Lunedì, durante un evento al Wilson Center di Washington DC, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha accusato la Cina di sostenere silenziosamente Mosca e di inviarle forniture militari, e ha anche condannato la Cina per aver alimentato il più grande conflitto armato in Europa dalla seconda guerra mondiale, secondo i media. rapporti. 

In risposta, Lin Jian, un portavoce del Ministero degli Esteri cinese, ha dichiarato alla conferenza stampa di martedì che la NATO è l’eredità della Guerra Fredda e il più grande gruppo militare del mondo. “Il mondo ha visto che tipo di ruolo ha giocato la NATO nella crisi ucraina. Ciò che la NATO dovrebbe fare è riflettere su se stessa, piuttosto che diffamare e attaccare la Cina”, ha affermato. 

Lin ha esortato le parti interessate a smettere di deviare le colpe e seminare discordia, a smettere di alimentare la fiamma e incitare allo scontro tra blocchi, e ad intraprendere azioni concrete per promuovere la soluzione politica della crisi.

Cui Heng, ricercatore del Centro per gli studi russi dell’Università Normale della Cina orientale, ritiene che Stoltenberg abbia fatto queste osservazioni per sfogare la frustrazione per una conferenza di pace improduttiva sull’Ucraina.

La conferenza di pace di due giorni tenutasi in Svizzera si è conclusa domenica in modo deludente , lasciando alcune potenze regionali chiave tra cui Brasile, India, Sud Africa e Arabia Saudita che non hanno firmato un comunicato congiunto rilasciato al termine dell’incontro.

La Cina non è artefice o complice della crisi ucraina. Ci impegniamo a promuovere colloqui per la pace. L’obiettivo, la giusta posizione e il ruolo costruttivo della Cina sono ampiamente riconosciuti dalla comunità internazionale, ha sottolineato Lin durante la conferenza stampa. 

La posizione della NATO mira a spostare la colpa dell’attuale situazione di stallo nel conflitto russo-ucraino, ha affermato Zhang Hong, ricercatore associato presso l’Istituto di studi russi, dell’Europa orientale e dell’Asia centrale dell’Accademia cinese delle scienze sociali.

Il sostegno militare della NATO all’Ucraina è diventato un meccanismo a lungo termine, ma l’ingerenza occidentale nel conflitto non ha prodotto i risultati attesi, portandola ad incolpare la Cina per gli esiti sfavorevoli sul campo di battaglia, ha spiegato Zhang al Global Times. 

Secondo Euronews, i ministri della Difesa della NATO hanno recentemente concordato un piano per fornire assistenza di sicurezza a lungo termine e addestramento militare all’Ucraina. Stoltenberg ha dichiarato che dall’inizio della guerra, gli alleati hanno fornito ogni anno circa 40 miliardi di euro in sostegno militare. “Ho proposto di mantenere questo livello di sostegno come minimo per tutto il tempo necessario”, ha detto il capo della NATO.

Il conflitto tra Russia e Ucraina, che va avanti ormai da oltre due anni, ha accresciuto le preoccupazioni e le ansie in materia di sicurezza in tutta Europa. Qualsiasi paese che mantenga una normale cooperazione con la Russia, anche nel commercio generale, potrebbe essere visto dalle nazioni occidentali come un sostenitore del paese, ha affermato. “Il prolungamento del conflitto Ucraina-Russia potrebbe aumentare i rischi di ricadute”, ha affermato Zhang. 

Lunedì John Kirby, coordinatore delle comunicazioni strategiche del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha affermato che la vittoria nel conflitto Russia-Ucraina è un prerequisito per l’adesione dell’Ucraina alla NATO. 

Sollevare una richiesta irraggiungibile con l’Ucraina mette in luce la reale intenzione dell’Occidente, che è quella di prolungare la guerra in Ucraina per stremare la Russia e dividere il mondo, hanno osservato gli esperti. 

Cui ha affermato che l’imposizione di misure economiche contro la Cina va ovviamente oltre l’autorità della NATO come blocco militare. Tuttavia, Zhang ha avvertito che la possibilità che gli Stati Uniti utilizzino sanzioni a lungo termine per interrompere le normali interazioni tra Cina e Russia non può essere esclusa se la situazione dovesse aggravarsi nel conflitto Russia-Ucraina. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti potrebbero anche spingere più attivamente per un disaccoppiamento tra Cina ed Europa con il pretesto di sicurezza e politica, ha aggiunto Zhang. 

Sorgente: Il capo della NATO accusa la Cina di “sfogare la frustrazione” per l’improduttiva conferenza di pace in Ucraina – Global Times


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.