0 5 minuti 4 settimane

Lavorando a stretto contatto con i giornalisti di Fault Lines di Al Jazeera , Forensic Architecture ha collaborato con Earshot per esaminare le circostanze relative all’uccisione di Hind Rajab, dei suoi quattro cugini, di sua zia e di suo zio e dei due paramedici accorsi in suo soccorso.

La nostra indagine ha cercato di rispondere alle seguenti domande: dove si trovavano i veicoli militari israeliani il giorno in cui l’auto di Hind è stata attaccata? Da quale posizione e vicinanza è stato ucciso Layan, cugino quindicenne di Hind, dopo essere stato collegato telefonicamente agli operatori della Mezzaluna Rossa Palestinese? Sarebbe stato possibile per l’assassino vedere Layan prima di ucciderla? Che tipo di munizioni sono state utilizzate? Da quale posizione e direzione è stata sparata l’ambulanza? Le risposte a queste domande potrebbero aiutarci a identificare gli autori della sparatoria?

Il 29 gennaio 2024, una bambina palestinese di sei anni a Gaza City, Hind Rajab, ha chiesto telefonicamente agli operatori di emergenza di salvarla da un’auto crivellata di proiettili. Il suo corpo è stato ritrovato due settimane dopo, il 10 febbraio, insieme ai corpi di sei membri della sua famiglia nell’auto che guidavano per fuggire dal loro quartiere durante l’invasione delle forze israeliane. I corpi di due paramedici della Mezzaluna Rossa Palestinese (PRCS), scomparsi dalla sera della chiamata quando erano stati inviati a salvare Hind, sono stati scoperti nella loro ambulanza a circa 50 metri di distanza.

Nelle Vicinanze

In un’intervista con Fault Lines, Wissam Hamada, la madre di Hind Rajab, ha spiegato che Hind e sei membri della sua famiglia sono partiti nelle prime ore del 29 gennaio 2024 da una casa nel quartiere Tel al-Hawa di Gaza City, dirigendosi verso nord. .

Fig 1. Blocchi stradali sul percorso di evacuazione. Immagine satellitare: 29 gennaio 2024 ©️ Planet Labs PBC (Forensic Architecture, 2024)

Alle 9:32, subito dopo che Hind e la sua famiglia avevano lasciato la casa, un portavoce militare israeliano ha pubblicato un ordine di evacuazione sui social media, chiedendo ai residenti della zona ovest di Gaza City, compreso il quartiere di Tel al-Hawa, di spostarsi a sud. Un’analisi delle immagini satellitari (Figura 1) mostra che non era possibile per Hind e la sua famiglia guidare verso sud quella mattina perché la strada era bloccata dai detriti di un grattacielo recentemente bombardato.

Fig 2. Immagine satellitare (29 gennaio 2024 ©️ Planet Labs PBC) delle 15:31 mostra la presenza di veicoli israeliani. (Architettura forense, 2024)

Wissam ha assistito a spari contro l’auto da un incrocio a nord della casa. Molti veicoli militari israeliani – la loro forma e dimensione coerenti con quella dei carri armati israeliani Merkava – sono visibili nelle immagini satellitari (Figura 2) dell’incrocio dal giorno dell’attacco.

“Li abbiamo visti aprire il fuoco ma abbiamo pensato che forse quelli a bordo dell’auto erano vivi perché avevano svoltato leggermente a sinistra, quindi abbiamo detto che avevano parcheggiato alla stazione. Quindi abbiamo pensato che dovessero essere al sicuro, e che sarebbero andati in una casa sicura, che sarebbero andati in un posto sicuro.’ – Wissam Hamada

Il veicolo civile

I corpi di Hind e dei suoi sei parenti sono stati ritrovati all’interno del loro veicolo, una Kia Picanto. Lo stato del veicolo è stato documentato dai giornalisti sul posto dopo il ritiro delle forze israeliane dall’area dodici giorni dopo l’attacco all’auto.

Fig 3. Mappatura dei danni sulla Kia Picanto. Fonte immagine: Dawoud Abo Alkas/Anadolu tramite Getty Images (Architettura forense, 2024)

Un’analisi cinetica della posizione e dello stato del veicolo (rotazione del volante, deformazione del pneumatico, vicinanza della portiera del conducente a un segnale stradale e forma della deformazione del cofano e del paraurti anteriore) suggerisce che il veicolo è stato spinto dal paraurti anteriore destro.

Inoltre, la forma della depressione del parabrezza suggerisce che sia stato investito da un veicolo leggero come un bulldozer militare israeliano della Caterpillar.

Fig 4. Utilizzando le immagini satellitari, abbiamo mappato le posizioni della Kia Picanto durante i dodici giorni tra l’attacco e la data in cui è stato revocato l’ordine di evacuazione. Fonte immagine: ©️ Planet Labs PBC. (Architettura forense, 2024)

Confrontando le immagini satellitari catturate durante i dodici giorni tra l’attacco e la data in cui è stato revocato l’ordine di evacuazione, FA è riuscita a mappare la posizione originale della Kia Picanto prima che fosse spostata. Le immagini satellitari dell’8 febbraio mostrano la Kia appoggiata sul marciapiede vicino a un’aiuola, dove era rimasta il 10 febbraio. In un’immagine scattata il giorno dell’attacco alle 15:31, la Kia appare parcheggiata davanti a una stazione di servizio.

da https://forensic-architecture.org/investigation/the-killing-of-hind-rajab


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.