0 6 minuti 3 settimane
Le indagini rivelano che l’auto dei Rajab è stata colpita da 355 proiettili e ritiene che “non sia plausibile” che un carro armato israeliano non potesse vedere i bambini all’interno dell’auto
 
 :21 giugno 2024 19:13 BST Ultimo  

Un gruppo di ricerca con sede nel Regno Unito ha pubblicato venerdì i risultati di un’indagine forense, rivelando che Hind Rajab, la bambina palestinese di sei anni trovata morta insieme ai membri della sua famiglia nel nord di Gaza all’inizio di quest’anno, è stata molto probabilmente uccisa da israeliani. incendio del carro armato.

L’ indagine  ha rilevato che l’auto in cui è stato ucciso Rajab era stata colpita da 355 proiettili, la maggior parte dei quali provenivano dal lato destro del veicolo. L’indagine è stata condotta da Forensic Architecture, Fault Lines di Al Jazeera e la ONG Earshot.

Forensic Architecture ha affermato che l’arma utilizzata per questo attacco “sparava a una portata di 750-900 colpi al minuto” e che questa portata supera quella del fucile d’assalto di tipo AK comunemente attribuito ai combattenti palestinesi che operano a Gaza.

“Questa gamma di colpi al minuto è coerente con le armi fornite dall’esercito israeliano come il fucile d’assalto M4 o la mitragliatrice FN MAG su un carro armato Merkava”, ha affermato l’indagine.

L’indagine, utilizzando un mix di analisi cinetiche, immagini satellitari e filmati provenienti dal luogo dell’incidente, ha anche scoperto che il carro armato israeliano che ha sparato sul veicolo Rajab all’interno doveva essere posizionato entro 13-23 metri quando ha ucciso Layan. , cugino quindicenne di Rajab.

 

La vicinanza significa che il carro armato deve aver potuto vedere all’interno del veicolo, e gli investigatori concludono: “Non è plausibile che l’assassino non possa aver visto che l’auto era occupata da civili, compresi bambini”. 

“Dalla posizione del serbatoio indicata dal massimo allineamento tra i fori di entrata e di uscita, abbiamo concluso che l’assassino avrebbe avuto una visione chiara dell’auto e dei suoi passeggeri”, ha detto l’inchiesta.

“In altre parole, si sarebbero accorti della presenza di due bambini.”

L’inchiesta confuta l’affermazione di Israele che nega la responsabilità dell’omicidio e afferma che le forze israeliane non erano presenti nella zona al momento della morte di Rajab.

“Ho paura del buio, vieni a prendermi”

Rajab è stata trovata morta il 10 febbraio di quest’anno nel nord di Gaza, dopo essere rimasta intrappolata per quasi due settimane all’interno di un’auto con la sua famiglia mentre era circondata dalle forze militari israeliane ed era soggetta al fuoco israeliano.

Anche Yousef Zeino e Ahmed al-Madhoun, due paramedici inviati a salvare Rajab dopo che lei aveva chiamato chiedendo aiuto dall’interno del veicolo, che era sotto il fuoco israeliano, sono stati trovati morti. 

L’ultima volta che i soccorritori hanno avuto notizie di Rajab è stato il 29 gennaio.

Guerra a Gaza: essere un bambino palestinese è una maledizione, non una benedizione

Per saperne di più “

Sua madre, Wissam Rajab, aveva precedentemente detto a Middle East Eye che la famiglia si era separata quando avevano cercato di fuggire dalla zona, che era sotto intensi attacchi israeliani. 

A causa del maltempo, Wissam aveva messo sua figlia nel veicolo insieme ai parenti più stretti, mentre il resto della famiglia era fuggito a piedi.

Dopo aver sentito degli spari nella zona, la famiglia ha chiamato la Mezzaluna Rossa per dire loro che stavano sparando all’auto.

Inizialmente, Wissam pensava che tutti quelli nell’auto fossero stati uccisi finché non ha ricevuto una telefonata da Layan Hamadeh, cugino quindicenne di Hind, che le diceva: “Hind e io siamo feriti e tutta la mia famiglia è morta. Non voglio morire”. . Per favore chiamate un’ambulanza per salvarci. Ho paura. I carri armati sono a 500 metri da me.”

La linea si interruppe e Wissam pensò che fossero stati uccisi entrambi. Ma quando ha chiamato di nuovo, Hind ha risposto e ha detto: “Sono viva, ma Layan è stata martirizzata. Mamma, temo, sono tutti morti. Vieni a prendermi”.

All’inizio di quest’anno, la Mezzaluna Rossa Palestinese ha pubblicato una registrazione audio dell’ultima telefonata con Hind, durante la quale si possono ascoltare le sue ultime suppliche in mezzo al crepitio degli spari.

“Ho paura del buio, vieni a prendermi”, ha detto.

La sua morte è diventata un simbolo per i manifestanti filo-palestinesi di tutto il mondo. Alla Columbia University di New York City, i manifestanti studenteschi presero il controllo e occuparono un edificio nel campus e lo ribattezzarono “Hind’s Hall” in onore di Rajab.

Il 6 maggio, il rapper americano Macklemore ha pubblicato una canzone intitolata “Hind’s Hall”, sia per commemorare Rajab che per gli accampamenti di solidarietà a Gaza in corso eretti nei campus universitari negli Stati Uniti.

https://forensic-architecture.org/investigation/the-killing-of-hind-rajab

Sorgente: L’indagine di Architettura Forense conclude che un carro armato israeliano probabilmente ha ucciso il bambino palestinese Hind Rajab | Occhio del Medio Oriente


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.