0 36 minuti 1 mese

La premier: “Sostegno rafforzato all’Ucraina. Nessun passo indietro sui diritti Lgbt. Forte impegno per la global minimum tax”

a cura della redazione Esteri

“Il G7 è stato un successo”. Così la premier Giorgia Meloni ha parlato del vertice in Puglia durante la conferenza stampa finale del summit. “Dal G7 è uscito un sostegno rafforzato all’Ucraina e c’è pieno appoggio alla proposta degli Usa per la tregua in Medio Oriente”, ha spiegato Meloni. Ieri i Grandi della terra hanno raggiunto l’intesa sulle 36 pagine della bozza finale, in cui non si usa esplicitamente il termine “aborto”. Ma la premier taglia corto: “È stata una polemica artefatta”.

 

 

 

Punti chiave

  • Scholz: “Meloni è all’estrema destra, differenze evidenti”

  • Meloni: “Valuteremo la proposta del Ppe, bisogna capire il messaggio del voto”

  • No G7, a Fasano sui muri la foto di Meloni a testa in giù

  • Meloni: “Nessun passo indietro sui diritti Lgbt”

  • Meloni: “Chi dileggia il governo non rispetta le istituzioni”

  • Meloni: Su global tax ora tocca agli Stati, l’Italia c’è”

  • Meloni: “Dal G7 sostegno rafforzato all’Ucraina”

  • Meloni: “Un onore presiedere il G7, è stato un successo”

  • Meloni: “Ringrazio tutti i leader, in particolare il Papa”

Scholz: “Meloni è all’estrema destra, differenze evidenti”

“Non è un segreto” che la premier Giorgia Meloni sia “all’estrema destra dello spettro politico”, ci sono “differenze politiche che sono abbastanza evidenti e che significano anche che lavoriamo in famiglie di partiti molto diverse” in Europa. Lo ha detto il cancelliere tedesco Olaf Scholz al gruppo tedesco Axel Springer dopo il G7. “Penso che sia molto importante che il futuro presidente della Commissione Ue possa fare affidamento sui tradizionali partiti democratici, cioè i conservatori che fanno parte del Ppe, i Socialisti e i Liberali. Dopo i risultati delle europee” questa alleanza “potrebbe funzionare”, ha aggiunto Scholz

Meloni: “Valuteremo la proposta del Ppe, bisogna capire il messaggio del voto”

Sui top jobs Ue “noi avremo una riunione lunedì, sarà la sede per aprire le nostre valutazioni. La proposta spetta al Ppe e quando arriverà nel suo complesso, anche vedendo gli altri ruoli di vertice, faremo le nostre valutazioni”. Lo ha detto la presidente del Consiglio Giorgia Meloni nella conferenza stampa finale del G7. “I primi due temi che mi interessano, sulla base dei quali faremo le nostre valutazioni, sentiti gli altri partiti maggioranza, sono che all’Italia sia riconosciuto il ruolo che le spetta in termini di competenze e che l’Europa comprenda il messaggio che è arrivato dai cittadini europei: se vogliamo trarre dal voto l’indicazione che andava tutto bene è una lettura distorta. I cittadini vogliono pragmatismo, un approccio meno ideologico. I cittadini votano per dare indicazioni su quale linea seguire, il messaggio è arrivato chiaro e questo è quel che mi interessa. Il ragionamento” sui ruoli “si fa a valle e non a monte, questo è un gioco che fanno altri”, ha aggiunto Meloni

Meloni: “Sulla tregua olimpica siamo contenti di aver fatto la nostra parte”

Quella della tregua olimpica “è una buona richiesta, non so se si riuscirà a ottenere”. Lo dice Giorgia Meloni, parlando dell’appello contenuto nella dichiarazione finale, “in linea con la risoluzione dell’Onu”. “Sono contenta che abbiamo fatto la nostra parte e continueremo a farla per vedere se può essere un elemento di de-escalation”, aggiunge la premier nella conferenza stampa finale del G7

Meloni: “Da Putin propaganda, no proposta di negoziato”

“Un’iniziativa propagandistica più che una reale proposta di negoziato”: la presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha definito in questi termini le dichiarazioni del capo di Stato russo Vladimir Putin su un ritiro delle forze dell’Ucraina dalle regioni di Kherson, Zaporizhzhia, Donetsk e Lugansk. Il primo ministro ha aggiunto: “Credo che si voglia fare una controinformazione”.

Meloni: “I ministri dell’Interno lavorano al piano azione G7 sui migranti”

“Abbiamo deciso adesso di incaricare i ministri degli Interni di mettere a punto un piano di azione quanto prima, siamo al lavoro da oggi”. Così la presidente del Consiglio Giorgia Meloni nella conferenza conclusiva del G7 a proposito della Coalizione del G7 per la lotta ai trafficanti e all’immigrazione illegale.

No G7, a Fasano sui muri la foto di Meloni a testa in giù

Una foto della premier italiana a testa in giù con la scritta “Io sono fascista” è stata affissa sui muri di largo Palmina Martinelli a Fasano dove si stanno radunando i manifestanti del coordinamento No G7 che sfileranno in corteo. Al momento sono alcune decine di persone, tra cui molti giovani studenti. “Mai più nella nostra terra – urlano – mancava solo Netanyahu e poi i macellai c’erano tutti”. “Morte a tutti quelli che lo sostengono, Meloni fascista complice sionista”, aggiungono mentre affliggono cartelli anche contro Modi che “maltratta le donne e tutto il suo popolo”, sottolineano

Meloni: “Stiamo lavorando a una missione in Cina nelle prossime settimane”

Stiamo lavorando a una missione in Cina per le prossime settimane, è una delle cose che vorrei fare anche sul piano bilaterale, ho avuto un invito dal presidente Xi da tempo”. Così la premier, Giorgia Meloni, durante la conferenza stampa finale del G7 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Meloni: “Trump? Non sono preoccupata, ma non mi occupo del voto altrui”

“Non sono preoccupata per le elezioni americane, fermo restando che preferisco non entrare a gamba tesa nelle elezioni dei Paesi alleati, esattamente come non mi è mai piaciuto” che altri si occupino delle elezioni italiane. Così la presidente del Consiglio Giorgia Meloni nella conferenza conclusiva del G7 rispondendo a una domanda sulle prossime elezioni Usa che potrebbero essere vinte da Donald Trump.

Meloni: “G7 chiede all’unanimità tregua olimpica”

“La tregua olimpica (nel documento finale del G7) è stata una richiesta francese, una buona richiesta, è stata inserita all’unanimità”, ha spiegato la premier Giorgia Meloni, augurandosi che possa costituire un elemento di de-escalation, pur riconoscendo che la sua applicazione dipende da molti fattori.

Meloni: “Nessun passo indietro sui diritti Lgbt”

“Nel governo in questi due anni non ci sono stati passi indietro rispetto a questioni come il diritto all’aborto o sui diritti Lgbt, la realtà è diversa da un racconto che vedo animato da diversi presunti osservatori, le cui aspettative sono state deluse”. Lo ha detto la premier Giorgia Meloni in conferenza stampa al termine del G7 di Borgo Egnazia, aggiungendo che allo stesso modo “non c’è stato nessun passo indietro” sugli Lgbt al G7.

Meloni: “Von der Leyen? Quando farà la proposta valuteremo”

“Lunedì ci sarà una riunione e quella sarà la sede per aprire le nostre valutazioni. La proposta della presidenza della Commissione spetta al Ppe, che ha ottenuto il maggior numero di parlamentari. Quando la proposta arriverà nel suo complesso, noi faremo le nostre valutazioni”. Lo ha detto la premier Giorgia Meloni parlando degli incarichi di vertici dell’Ue e della possibile conferma di Ursula von der Leyen alla presidenza della Commissione europea che saranno discussi alla cena informale dei leader Ue a Bruxelles.

Meloni: “Non intendo modificare la legge 194, ma va applicata in tutte le sue parti”

“Come ho già detto non intendo modificare la legge 194 ma applicarla in tutte le sue parti, è una legge molto equilibrata e fatta bene”. Così la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, nel corso della conferenza stampa finale del G7.

Meloni: “Israele non ha iniziato la guerra, ora lavoriamo alla pace”

“Credo che dobbiamo ricordare chi ha iniziato tutto questo e non è stato Israele, ma qualcuno che ha ucciso civili, donne e bambini. Adesso dobbiamo lavorare per la pace, che vuol dire dialogare, riconoscere il diritto di Israele a essere sicuro, a vivere in pace, e il diritto dei palestinesi ad aver un proprio Stato in cui vivere in modo pacifico. È l’unico modo per affrontare questo problema, il nostro lavoro è dialogare con tutti”. Lo ha detto la premier Giorgia Meloni nella conferenza stampa finale del G7, rispondendo a una domanda se l’Italia avesse intenzione di bloccare la vendita di armi a Israele. “Sembra che Israele sia caduto in una trappola, in una trappola di Hamas che aveva l’obiettivo di isolarlo e sembra che stia funzionando. Noi lavoriamo alla sua sicurezza, è quello che sta facendo l’Italia”, ha aggiunto.

Meloni: “Chi dileggia il governo non rispetta le istituzioni”

“Penso che i cittadini si debbano interrogare su quale sia l’amore per la nostra nazione di esponenti politici che cercano di provocare per ottenere un risultato dileggiando e occupando banchi del governo: per tutti quelli che sono bravi a darci lezioni sul rispetto delle istituzioni, forse se si parte dal rispetto per la propria nazione si arriva anche al rispetto delle istituzioni, che non ho visto”. Così la presidente del Consiglio Giorgia Meloni nella conferenza conclusiva del G7.

Meloni: “Scongelamento asset russi solo con la pace”

“A me pare evidente che essendo i beni congelati in ragione delle sanzioni e le sanzioni essendo di fatto collegate all’aggressione verso l’Ucraina l’ipotesi di un scongelamento si ha solo in caso di un processo di pace ma presumo che in questo processo di pace verrebbe negoziato anche il tema di chi debba pagare la ricostruzione dell’Ucraina”. Così la premier Giorgia Meloni in conferenza stampa al termine del G7.

Meloni sulla bagarre alla Camera: “Grave maggioranza cada in provocazioni, aumenteranno”

“Trovo molto grave che ci siano esponenti della maggioranza che cadono nelle provocazioni, prevedo che aumenteranno”. Così la presidente del Consiglio Giorgia Meloni nella conferenza conclusiva del G7, interpellata sulle risse in Parlamento dei giorni scorsi, sottolineando che “neanche questo è riuscito a rovinare l’ottima riuscita di questo vertice”.

Meloni: “Nuovo prestito all’Ucraina non finanziato da europei”

“È stato già stabilito che il prestito da 50 miliardi all’Ucraina sarà fornito dagli Usa, anche Canada, Regno Unito e Giappone probabilmente potrebbero partecipare. Attualmente non intervengono le nazioni europee perché gli asset sono tutti mobilizzati in Europa, quindi l’Europa contribuisce già individuando il meccanismo di garanzia”. Lo ha detto la premier Giorgia Meloni in conferenza stampa al termine del G7 di Borgo Egnazia rispondendo alla domanda se l’Italia contribuirà direttamente o meno al prestito che sarà garantito con gli asset russi congelati.

Meloni sui top job: “L’Europa non ignori il messaggio del voto”

Nella riunione di lunedì a Bruxelles sui tob job “vedremo” e “faremo le nostre valutazioni. La proposta spetta al Ppe, quando arriverà nel suo complesso noi faremo le nostre valutazioni. Quello che interessa a me è che all’Italia sia riconosciuto il ruolo che le spetta in termini di competenze nella formazione della commissione e che l’Europa comprenda il messaggio che è venuto dalle elezioni europee”. Lo ha detto la premier Giorgia Meloni nella conferenza stampa finale del G7 .

Meloni: “All’Italia sia riconosciuto il ruolo che le spetta”

Sui vertici europei “i primi due temi che interessano me e sulla base dei quali farò le mie valutazioni come governo italiano e con gli alleati è che all’Italia venga riconosciuto il ruolo che le spetta in termini di competenze dei commissari e che l’Europa comprenda il messaggio arrivato dai cittadini europei”. Così la presidente del Consiglio Giorgia Meloni nella conferenza conclusiva del G7.

Meloni: “Sull’aborto polemica totalmente artefatta”

“La polemica” sulla parola aborto nella dichiarazione finale del G7 è stata “costruita in maniera totalmente artefatta”. La discussione su questo “infatti non è esistita al vertice e nelle nostre discussioni. Capisco le ragioni per cui le polemiche nascono, ma non era un tema dalle nostre parti”. Lo dice la premier Giorgia Meloni nella conferenza stampa finale del G7 di Borgo Egnazia.

Meloni: Su global tax ora tocca agli Stati, l’Italia c’è”

In ambito G7 abbiamo concordato un forte impegno politico in favore di un sistema di tassazione internazionale più giusto e stabile, la famosa global minimum tax, un tema a cui tengo particolarmente. Ieri abbiamo ascoltato il segretario dell’Ocse spiegarci che è pronta per essere firmata sul piano tecnico. Il G7 e l’Ocse hanno lavorato in parallelo”, ora tocca agli Stati e “la volontà dell’Italia c’è e mi auguro sia fatto al più presto”. Così la presidente del Consiglio Giorgia Meloni nella conferenza conclusiva del G7.

Meloni: “Dialogo con la Cina, ma si competa alla pari”

“Al G7 abbiamo voluto mantenere alte le questioni dell’Indo-pacifico e della sicurezza economica”, anche “per dare un messaggio alla Cina: siamo aperti al dialogo ma le nostre imprese devono essere in grado di competere ad armi pari”, in un libero mercato basato sulle regole. Lo ha detto la premier Giorgia Meloni in conferenza stampa al termine del G7 di Borgo Egnazia.

Migranti, Meloni: “Per la lotta ai trafficanti fare come Falcone e Borsellino: seguire i soldi”

Sulla lotta al traffico di essere umani “abbiamo portato un modello tutto italiano che nasce da due grandi italiani come Falcone e Borsellino e che ci dice di seguire i soldi: follow the money“: lo ha detto la premier Giorgia Meloni a conclusione del G7 affermando che tale approccio “può fare la differenza”.

Meloni: “Attenzione alta sul clima, ma con neutralità tecnologica”

“Quella dei cambiamenti climatici è una questione su cui è necessario tenere alta l’attenzione. La sfida dell’Italia però resta quella della neutralità tecnologica. Dobbiamo mantenere gli impegni presi, senza cadere nel paradosso che per proteggere l’ambiente finiamo per avvantaggiare altre nazioni che non hanno problemi ad agire contro l’ambiente”. Così la premier, Giorgia Meloni, durante la conferenza stampa finale del G7 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Meloni: “Al G7 impegno comune per affrontare le cause dell’immigrazione irregolare”

“Dal mio punto di vista il nuovo approccio all’Africa consente anche di affrontare il tema delle migrazioni. Nella dichiarazione finale del vertice c’è l’impegno comune di affrontare le cause profonde delle migrazioni. È importante il diritto a non emigrare. Ma abbiamo anche preso impegni nella lotta ai trafficanti di esseri umani con una coalizione globale contro i trafficanti che concentri gli sforzi per contrastare i flussi illegali che sono la nuova forma di schiavitù”. Lo ha detto la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, nella conferenza stampa finale del vertice del G7.

Meloni: “Il sostegno del G7 ha impedito che l’Ucraina fosse invasa”

“Se oggi si apre in Svizzera la conferenza per la pace cui partecipa anche l’Italia, è perché noi G7 con il nostro sostegno deciso e compatto in questi due anni abbiamo consentito che l’Ucraina non fosse invasa. Vale la pensa ricordarlo sempre”: lo ha detto la premier Giorgia Meloni nella conferenza stampa finale del G7.

Meloni: “Intelligenza artificiale sia a servizio dell’umanità”

L’Intelligenza Artificiale deve essere impiegata “a servizio dell’umanità”. Lo ha sottolineato in conferenza stampa il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, sottolineando la “algoretica” proposta dalla Santa Sede.

Meloni: “Sull’Africa il G7 ha condiviso l’impegno italiano”

Sulle questioni riguardanti l’Africa nel G7 “è stato condiviso l’approccio italiano”. Lo ha detto la premier Giorgia Meloni nel coso della conferenza stampa finale del vertice di Borgo Egnazia. Meloni ha sottolineato come l’Italia “ha cercato fin dall’inizio di creare un punto di riferimento” per quanto riguarda la linea da seguire nei confronti del continente africano: “Unire gli sforzi – ha detto – per continuare a costruire un modello che contribuisca a far crescere e prosperare l’Africa”.

Meloni: “Il G7 non è fortezza chiusa, è aperto al mondo”

Il summit in Puglia ha mostrato che “il G7 non è una fortezza chiusa ma si è aperto al mondo” con l’invito esteso a numerose autorità di Paesi esterni al blocco. Lo ha dichiarato in conferenza stampa il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, sottolineando come tale apertura “smonta la narrazione dell’Occidente contro il resto del mondo”.

Meloni: “Dal G7 sostegno rafforzato all’Ucraina”

“Il G7 ribadisce l’impegno compatto per difendere il sistema internazionale di regole basato sul diritto, messo a repentaglio con la guerra di aggressione russa”. Anche se c’era chi pensava il contrario, “intendiamo continuare a sostenere l’Ucraina e abbiamo scelto di rafforzare le nostre linee di azione con un impegno a 360 gradi”. Lo ha detto la premier Giorgia Meloni in conferenza stampa al termine del G7 di Borgo Egnazia, ricordando “l’accordo non scontato” sui profitti degli asset russi, “da definire dal punto di vista tecnico nelle prossime settimane”.

Meloni: “Da G7 pieno sostegno a proposta Usa per Medio Oriente”

“Nella dichiarazione finale si ritrova piena sintonia sul conflitto in Medio Oriente” con “il sostegno alla preziosa proposta Usa” su cui c’è stato un confronto “con Biden e altri leader anche nella mattinata di oggi. È stato ribadito l’impegno per scongiurare una escalation nel conflitto”.
Lo dice la premier Giorgia Meloni nella conferenza stampa finale del G7 di Borgo Egnazia.

Meloni: “Il sostegno a Kiev è condizione per soluzione di pace”

“Confermare il nostro sostegno all’Ucraina per tutto il tempo che sarà necessario è la ‘conditio sine qua non’ per qualsiasi soluzione di pace”: lo ha detto la presidente del Consiglio Giorgia Meloni, in merito al conflitto in Est Europa. Il primo ministro ha poi confermato la sua partecipazione al “Global Peace Summit” al via oggi a Lucerna, in Svizzera, su iniziativa del presidente Volodymyr Zelensky. Meloni ha parlato nel corso di una conferenza stampa al termine del vertice del G7 a Borgo Egnazia.

Meloni: “Dichiarazione finale definita un giorno prima, non accade spesso”

“Si è concluso ieri con la dichiarazione finale già definita un giorno prima, non accade spesso, è estremamente ampio e significativo, contiene molti impegni su sfide globali. Impegni concreti che riguardano questioni dirimenti per il presente e il futuro. Ribadiamo la compattezza davanti a queste sfide”. Così la premier, Giorgia Meloni, durante la conferenza stampa finale del G7 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Meloni: “Rafforzato sostegno a Kiev, non era scontato”

“A differenza di quanto qualcuno sperava o preconizzava”, il G7 “ha rafforzato il sostegno all’Ucraina, con un accordo tutt’altro che scontato” per utilizzare i profitti degli asset russi bloccati in Occidente a favore di Kiev. Lo ha dichiarato la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, nella conferenza stampa di fine vertice.

Meloni: “Dichiarazione finale definita un giorno prima, non accade spesso”

 

“Si è concluso ieri con la dichiarazione finale già definita un giorno prima, non accade spesso, è estremamente ampio e significativo, contiene molti impegni su sfide globali. Impegni concreti che riguardano questioni dirimenti per il presente e il futuro. Ribadiamo la compattezza davanti a queste sfide”. Così la premier, Giorgia Meloni, durante la conferenza stampa finale del G7 a Borgo Egnazia

Meloni: “Un onore presiedere il G7, è stato un successo”

“Non posso non iniziare dicendo che è stato per me e per l’Italia nel suo complesso un onore presiedere il G7, si è trattato senza timore di smentita di un successo”. Lo ha detto la premier Giorgia Meloni aprendo la conferenza stampa conclusiva del vertice a Borgo Egnazia.

Trudeau si congratula con Meloni per G7

Ilprimo ministro del Canada, Justin Trudeau che ha avuto un incontro bilaterale con la premier Giorgia Meloni a margine del G7 che si è concluso ieri Borgo Egnazia si è “congratulato” con il presidente del Consiglio per l’organizzazione “di un Summit produttivo”. Il premier canadese ha anche ringraziato il presidente del Consiglio per l’attenzione dell’Italia alle priorità attuali del G7 come il sostegno all’Ucraina, gli obiettivi che portano verso un transizione energetica e l’uso e lo sviluppo dell’Ia”. Trudeau e Meloni, si legge in una nota del governo canadese, hanno sottolineato i “rapporti solidi e in crescita” tra il Canada e l’Italia e “hanno ufficialmente lanciato la road map” tra i due paesi per rafforzare la cooperazione bilaterale. Nel corso della bilaterale i due leader hanno discusso delle crisi geopolitiche attuali, in particolare il conflitto in Ucraina e hanno ribadito “il loro impegno” a sostenere Kiev. Nel momento in cui il Canada si appresta ad organizzare il G7 del 2025 Trudeau ha ribadito “l’importanza di proporre al G7 un ordine del giorno pratico ma ambizioso per far fronte alle sfide mondiali e ottenere risultati concreti”. Trudeau e Meloni resteranno in “stretto contatto” per l’entrata in vigore della road map.

Meloni vede Lula: sinergia con G20 su Africa e intelligenza artificiale ed energia

La presidente del Consiglio Giorgia Meloni, ha avuto un incontro bilaterale con il presidente del Brasile, Luiz Inácio Lula da Silva. Il colloquio, si legge in una nota, ha fatto emergere la comune volontà di dare continuità ai risultati del Vertice G7 di Borgo Egnazia in vista del Summit G20 di Rio de Janeiro, in una prospettiva di sinergia tra le due presidenze, a partire dai temi dello sviluppo dell’Africa, dell’intelligenza artificiale, della transizione energetica e della sicurezza alimentare. In conclusione dell’incontro, nel ricordare la storica presenza della Comunità italiana in Brasile, i due Presidenti hanno ribadito l’importanza di approfondire i rapporti economici tra le due Nazioni in settori strategici quale quello infrastrutturale ed energetico dandosi appuntamento al G20 di Rio.

Presidente Kenya chiede al G7 una riforma globale sui prestiti

Il presidente del Kenya William Ruto, invitato al vertice del G7, ha esortato i leader internazionali a sostenere una revisione del sistema di prestiti globale per sbloccare un maggiore sostegno ai Paesi in via di sviluppo, gravati dal debito. Le nazioni africane, alle prese con i crescenti costi del debito e la scarsità di fondi, hanno chiesto una distribuzione più equa delle risorse per affrontare meglio la povertà, far fronte alle calamità climatiche e altre sfide. “Troppi Paesi sono costretti a scegliere tra rimborsare i creditori e investire nella loro economia e nella loro popolazione”, ha dichiarato Ruto ai colloqui in Puglia. Il Corno d’Africa è una delle regioni più vulnerabili ai cambiamenti climatici e gli eventi meteorologici estremi si verificano con maggiore frequenza e intensità. La regione, che sta solo lentamente uscendo da una devastante siccità che ha lasciato milioni di persone alla fame, insieme all’Africa Subsahariana, ha sperimentato piogge pesanti e inondazioni mortali tra marzo e maggio. “Solo un’efficace azione collettiva della comunità internazionale può offrire una ragionevole possibilità di gestire e superare queste sfide”, ha dichiarato Ruto.

Meloni vede il presidente algerino Tebbuone

All’indomani della conclusione del vertice del G7, la presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha incontrato il presidente della Repubblica Algerina Democratica e Popolare Abdelmadjid Tebboune. Nel corso del colloquio, spiega una nota di Palazzo Chigi, è stata espressa “profonda soddisfazione per l’eccellente stato delle relazioni bilaterali”, in particolare in ambito economico dove continuano a svilupparsi i rapporti nei settori energetico, agricolo e industriale. Al centro della conversazione, lo stato di avanzamento dei progetti nell’ambito del Piano Mattei per l’Africa nel settore agricolo e della formazione professionale, nonché l’impegno congiunto nel quadro del Processo di Roma su migrazioni e sviluppo.
In tale ambito, è in via di adozione il progetto di agricoltura sostenibile che coinvolgerà il Gruppo agroindustriale italiano controllato da Bonifiche Ferraresi SpA per la concessione strategica di circa 36.000 ettari da sviluppare con attività agro-industriali in collaborazione con i partner algerini. Il “più grande investimento in agricoltura sostenibile fatto sinora dall’Italia nella sponda sud del Mediterraneo”, sottolinea Palazzo Chigi.
Meloni e Tebboune hanno quindi discusso “le principali questioni internazionali, anche alla luce del ruolo dell’Algeria come membro del Consiglio di Sicurezza” dell’Onu per il biennio 2024-25.

Bilaterale Meloni-Trudeau: “Rafforzamento dei rapporti”

Giorgia Meloni ha avuto oggi un incontro con il primo ministro del Canada, Justin Trudeau, che assumerà la presidenza del G7 nel 2025, e i due leader – informa sempre una nota di Palazzo Chigi – si sono soffermati sulle prospettive di rafforzamento delle relazioni bilaterali. A tale proposito, hanno adottato, come concordato in occasione del loro precedente incontro di marzo a Toronto, un piano d’azione per la cooperazione rafforzata tra Italia e Canada. Tale intesa – si legge ancora – riflette l’impegno a collaborare nell’affrontare insieme le sfide globali promuovendo la prosperità sostenibile, la stabilità internazionale e un ordine internazionale basato sulle regole. Tra i settori di cooperazione bilaterale privilegiata si annoverano la sicurezza e la transizione energetica; il cambiamento climatico; il commercio e gli investimenti; la promozione della crescita economica inclusiva e sostenibile; le migrazioni; la sicurezza e la difesa; la ricerca e l’innovazione, con particolare riguardo all’intelligenza artificiale e alla tecnologia quantistica.

Meloni: “Ringrazio tutti i leader, in particolare il Papa”

“Voglio ringraziare tutti i leader del Gruppo dei Sette per il grande contributo che hanno dato al successo di questo vertice. Ringrazio anche i leader delle nazioni e delle organizzazioni internazionali che hanno partecipato alla sessione outreach, una delle più nutrite e rappresentative di sempre, e che hanno reso questo vertice ancor più significativo. E un grazie speciale a sua Santità Papa Francesco”. Cosi’, sul suo profilo Facebook, Giorgia Meloni. Al post sono allegate alcune fotografie della presidente del Consiglio con i leader durante il summit.

 

 

 

Concluso il bilaterale tra Scholz e Lula

Si è concluso il colloquio bilaterale tra il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, e il presidente brasiliano, nonché presidente di turno del G20, Inacio Lula da Silva. Lo riferiscono fonti della presidenza brasiliana. “Olaf Scholz ha espresso solidarietà al popolo brasiliano per le inondazioni del Rio Grande do Sul”, spiegano le fonti, “hanno parlato della situazione politica in Europa e America Latina e dei conflitti a Gaza e in Ucraina. Il presidente Lula ha parlato anche del G20, invitando la Germania all’iniziativa dell’Alleanza Globale contro la Fame e ad altre iniziative e priorità del Brasile, come la riforma delle istituzioni di governance globale”. I presidenti, inoltre, “hanno parlato dell’accordo tra il Mercosur, l’Unione europea e l’Organizzazione mondiale del commercio”, si apprende.

Mattinata di incontri bilaterali per Meloni

Mattinata di bilaterali per il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni che, a margine del vertice del G7, ha incontrato il premier del Canada, Justin Trudeau, il presidente dell’Ageria Abdelmadjid Tebboune e il presidente della Banca africana di Sviluppo (Afdb), Akinwumi Adesina.

Bocelli intona “Nessun dorma” e Biden si appisola

Andrea Bocelli intona il ‘Nessun dorma’ di Giacomo Puccini e incanta i leader del G7, nel concerto che ieri ha chiuso il summit a Borgo Egnazia. Il tenore, accompagnato da una violinista in dolce attesa, è stato testimonial del bel canto italiano. La premier Giorgia Meloni, seduta in prima fila tra Joe Biden e Rishi Sunak, assiste entusiasta alla performance e con un gesto della mano rimarca il suo apprezzamento sulle note di ‘vincerò’. Accanto a lei il presidente statunitense chiude gli occhi e sembra appisolarsi per qualche secondo, per ridestarsi quando dalla platea parte un sentito applauso rivolto a Bocelli.

 

Al G7 Bocelli canta “Nessun dorma”, applausi dai leader. E Biden chiude gli occhi

 

Oxfam: “Bene tasse su super ricchi, ma G7 non all’altezza delle sfide”

“Per la prima volta in cinquanta anni di storia il G7 parla, nella sua dichiarazione finale, di tassazione dei super-ricchi. È l’unica nota positiva in un vertice non all’altezza di rispondere alle sfide della povertà e delle disuguaglianze a livello globale”. Lo ha sottolineato Paolo Pezzati, portavoce di Oxfam Italia. “I leader del G7 hanno chiaramente scelto di non stare dalla parte dell’umanità – ha aggiunto Pezzati – Chiedono a Israele di rispettare gli obblighi previsti dal diritto internazionale, ma non dicono nulla sul potenziale genocidio, sugli oltre 37.000 bambini, donne e uomini palestinesi uccisi da Israele, sulle migliaia di prigionieri palestinesi detenuti illegalmente o sulla recente sentenza della Corte internazionale di giustizia che ha imposto di fermare le operazioni militari a Rafah e di consentire l’ingresso degli aiuti umanitari a Gaza. Abbiamo bisogno di una chiara tempistica per il cessate il fuoco, perché il costo in termini di vite è intollerabile ogni giorno di più. È necessaria inoltre la garanzia che l’esercito israeliano lasci Gaza e che ponga fine all’occupazione della Palestina”.

Modi sui social rilancia il post di Meloni: “Lunga vita all’amicizia Italia-India”

“Lunga vita all’amicizia India – Italia”. Così il premier indiano, Narendra Modi che rilancia il video in cui scherza con il presidente del Consiglio italiano, Giorgia Meloni (“Hello from the ‘Melodi’ team”). Il premier indiano è ripartito oggi a Nuova Delhi dopo degli incontro “molto produttivi” a margine del G7 come ha sottolineato lo stesso Modi su ‘X’ a conclusione della giornata di ieri. “Ho interagito con i leader mondiali e discusso vari argomenti. Insieme puntiamo a creare soluzioni di grande impatto a beneficio della comunità globale e a creare un mondo migliore per le generazioni future”, ha spiegato Modi in un post su X, dopo aver concluso la visita. “Ringrazio il popolo e il governo italiano per la loro calorosa ospitalità”, ha aggiunto.

 

 

 

Meloni pubblica una foto con Milei al G7: “Viva la libertà”

“Viva la libertà”. Lo scrive sui social la presidente del Consiglio Giorgia Meloni pubblicando una foto con il presidente argentino Javier Milei al suo arrivo ieri a Borgo Egnazia, in Puglia, dove è in corso il vertice del G7. L’ultima mattinata è dedicata ai bilaterali tra i leader. Il summit si concluderà oggi pomeriggio con la conferenza stampa della premier, prevista alle 14.

 

 

 

Scholz: “Pacchetto aiuti all’Ucraina entro la fine dell’anno”

Le proposte di pace del presidente russo Vladimir Putin “non sono serie”. Tutti sanno che “hanno qualcosa a che fare con la conferenza di pace che si svolge in Svizzera”. Lo ha dichiarato il cancelliere tedesco Olaf Scholz a margine del G7 che si è chiuso ieri sera in Puglia. In un’intervista con Zdf, Scholz ha ribadito che “Putin ha anche rivelato ciò che gli interessa veramente: la classica conquista imperialista della terra”. E ha promesso: “il pacchetto di aiuti promesso dai paesi del G7 arriverà in Ucraina entro la fine dell’anno”. “Ora è chiaro per l’Ucraina che riceverà sostegno”, ha spiegato. Allo stesso tempo, “è un messaggio ai paesi che hanno un modo per organizzare il sostegno. Ed è un messaggio a Putin che non è giusto scommettere sul calo del sostegno.”

Trudeau: nel 2025 il G7 in Canada a Kanskis, in Alberta

L’anno prossimo il Canada, che assumerà la presidenza del G7, ospiterà il summit dei leader a Kananaskis, in Alberta. Lo ha annunciato sui social il premier Justin Trudeau. Si tratta della stessa località che ha ospitato il G8 del 2002.

Dimesso l’attivista svenuto durante il confronto con la polizia

Èstato dimesso questa mattina dal Policlinico di Bari l’attivista che si era sentito male ieri sera, e secondo i suoi compagni era ‘svenuto’ durante una manifestazione del movimento ecologista Extinction Rebellion durante la quale alcuni giovani si sono incatenati ai cancelli dell’ingresso della fiera del levante di Bari dove è allestito il media center per il G7. Secondo la versione dei manifestanti, il giovane si stava incatenando a un tirante, come atto di resistenza passiva, “e la polizia è intervenuta, un agente ha tirato la catena stringendogli il collo mentre era seduto” e lui “è rimasto incastrato e ha perso i sensi”. Differente la versione della questura, secondo cui “l’attivista non sarebbe svenuto e nessuno lo ha stretto”. “Ha cercato di incatenarsi ai cancelli e mentre gli agenti di sicurezza tentavano di impedirglielo, ha detto di sentirsi male ed è stato portato con un’ambulanza del 118 in ospedale”. Saranno le immagini delle telecamere di sicurezza che sono stata già acquisite a chiarire la dinamica dell’accaduto. Intanto il giovane è stato tenuto sotto controllo tutta la notte e dimesso questa mattina. La protesta era stata avviata nel pomeriggio davanti ai cancelli della fiera del Levante per richiamare l’attenzione sul mancato rispetto degli accordi presi dai governi per frenare i cambiamenti climatici.

Meloni pubblica sui social una gag con Modi: “Hello from Melodi team”

”Hello from the ‘Melodi’ team”. La premier Giorgia Meloni, nell’ultima giornata del G7 a Borgo Egnazia, posta un video in cui scherza con il primo ministro indiano Narendra Modi, unendo i nomi di una coppia che, in questi 18 mesi, si è dimostrata affiatata, tanto da diventare protagonista di meme e clip in India.

 

 

 

Macron: “Da parte mia nessuna polemica con Meloni”

“Da parte mia non c`è voglia di polemica. Per niente. Voglio che andiamo avanti efficacemente sul nostro lavoro internazionale. L’ho detto, ringrazio la presidenza Italiana, penso che non dovremmo dargli più spazio. Conosciamo i nostri disaccordi, non li ho messi sul tavolo. Ho risposto onestamente, come altri, a uno dei tuoi colleghi italiani, niente di più, niente di meno”. Così il presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, ha risposto a un giornalista sulle polemiche sul tema dell’aborto e sulle accuse di fare campagna elettorale al G7 messe in risalto sulla stampa italiana, in una intervista diffusa anche dall’Eliseo.

Biden lascia la Puglia

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, è partito dall’aeroporto di Brindisi con l’Air Force One al termine delle conclusioni del G7.

Sorgente: G7 Puglia 2024, la conferenza stampa di Giorgia Meloni in diretta – la Repubblica


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.