0 2 minuti 3 settimane

Un nuovo reportage dell’Associated Press ha evidenziato come la distruzione delle infrastrutture idriche e fognarie da parte di Israele abbia colpito la popolazione di Gaza.

Joanne Perry, un medico che lavora nel sud della Striscia di Gaza con Medici Senza Frontiere (MSF), ha dichiarato che la maggior parte dei pazienti che vede hanno già malattie o infezioni causate dalle scarse condizioni igieniche. Scabbia, malattie gastrointestinali ed eruzioni cutanee sono comuni e Perry teme che il colera possa essere all’orizzonte.

“Le condizioni di affollamento, la mancanza d’acqua, il caldo, le scarse condizioni igieniche sono i presupposti del colera”, ha avvertito.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) afferma che da ottobre sono stati segnalati 485.000 casi di diarrea.

I dati dell’OMS mostrano anche un’epidemia di epatite A, che si diffonde attraverso il consumo di acqua o cibo contaminati da materiale fecale, che ha portato a 81.700 casi di itterizia, all’inizio di giugno.

Sorgente: A Gaza lo spettro del colera, dopo i danni di Israele alle infrastrutture idriche – NOTIZIE BREVI – L’Antidiplomatico


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.