0 3 minuti 10 mesi

pulsante di condivisione di Facebook

Ventitré organizzazioni della società civile hanno messo in guardia contro “una crisi umanitaria devastante” se  il blocco posto dai legislatori repubblicani sugli aiuti destinati ai palestinesi non verrà revocato. Si dice che circa 1,2 milioni di palestinesi siano sull’orlo della crisi alimentare a causa delle lotte intestine tra i legislatori di Washington.

“Si profila una crisi umanitaria devastante, con più di 1,2 milioni di persone potenzialmente rimaste senza cibo già a metà settembre, tra cui centinaia di migliaia di bambini che rimarranno affamati”, hanno affermato i 23 gruppi della società civile, tra cui arabi, ebrei, musulmani e Organizzazioni cristiane, ha detto.

“Negare l’assistenza alimentare ai rifugiati palestinesi è incoerente con la vostra annunciata iniziativa sull’insicurezza alimentare e rimuoverà le ultime vestigia di speranza per le persone che semplicemente desiderano un’esistenza dignitosa”, hanno aggiunto.

LEGGI:  ​​Israele legalizza 3 avamposti in Cisgiordania

L’allarme di un’imminente crisi alimentare è arrivato sulla scia di un avvertimento emesso dall’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi (UNRWA). Il gruppo ha affermato che non sarebbe stato in grado di rifornire i propri magazzini se i fondi non fossero stati forniti entro il 1° settembre.

I principali democratici in entrambe le camere del Congresso hanno recentemente spinto l’amministrazione Biden e i repubblicani ad allentare il controllo sugli aiuti in mezzo alle crescenti preoccupazioni per l’incombente crisi umanitaria che potrebbe scatenare ulteriori violenze.

La settimana scorsa il Dipartimento di Stato americano  ha dichiarato di voler vedere 75 milioni di dollari in aiuti alimentari per i rifugiati palestinesi.

I legislatori filo-israeliani dalla linea dura, il senatore Jim Risch e il deputato Michael McCaul, i principali repubblicani nelle commissioni per le relazioni estere del Senato e della Camera dei Rappresentanti, sono stati accusati di fare politica con la vita dei palestinesi. Dalla fine di luglio hanno impedito al Dipartimento di Stato di fornire fondi all’organismo delle Nazioni Unite.

L’UNRWA è stata un obiettivo frequente di repubblicani e israeliani. Dopo aver assunto l’incarico, il presidente Biden  ha annullato  gli sforzi dell’ex presidente Donald Trump  di spremere finanziamenti  all’agenzia delle Nazioni Unite e ai palestinesi in generale.

I repubblicani hanno cercato di forzare concessioni da parte dei palestinesi minacciando di rifiutare gli aiuti salvavita. Nonostante la donazione  annuale di 3,8 miliardi di dollari a Israele , non viene richiesta alcuna concessione allo stato occupante nonostante le sue quotidiane violazioni dei diritti umani e  la pratica dell’apartheid .

Sorgente: 1.2m Palestinians face devastating humanitarian crisis because of US aid block


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.