0 7 minuti 11 mesi

Il Ministero della Cultura e del Turismo cinese ha recentemente pubblicato un avviso in cui annuncia il terzo gruppo di tour di gruppo in uscita approvati, con il Giappone che è una delle destinazioni turistiche più popolari. Tuttavia, in seguito all’inizio dello scarico delle acque reflue contaminate dal nucleare da parte del Giappone, sono già iniziate le cancellazioni dei tour nel paese, hanno riferito domenica i media locali.

Secondo Ctrip, una delle più grandi agenzie di viaggio online cinesi, la piattaforma ha lanciato più di 5.000 pacchetti turistici di gruppo, voli e hotel in uscita, coprendo più di un terzo dei paesi e delle regioni del terzo gruppo di 78 paesi approvati, compreso il Stati Uniti, Regno Unito, Giappone e Turchia.

Tuttavia, tutto cambiò quando il Giappone iniziò a scaricare le acque reflue contaminate dal nucleare nell’Oceano Pacifico.

Il First Financial Journal ha riferito sabato che, sebbene i prodotti turistici giapponesi siano ancora venduti sulle piattaforme di viaggio online, non vengono messi in evidenza.

Allo stesso tempo, gli addetti ai lavori del settore turistico hanno rivelato che alcuni viaggiatori hanno già iniziato a cancellare i loro viaggi. Diverse agenzie di viaggio hanno segnalato situazioni simili. In vista dell’attuale escalation del piano di dumping, molte aziende turistiche hanno dichiarato che apporteranno modifiche ai loro prossimi piani di marketing, in particolare nella promozione di pacchetti di viaggio per le prossime festività della Festa Nazionale. Secondo quanto riferito, molti pianificano di ridurre temporaneamente la promozione dei tour giapponesi o di sospendere i relativi piani di marketing per i viaggi in Giappone.

Attualmente, la piattaforma di Ctrip offre più di 80.000 tour di gruppo in uscita e pacchetti di volo e hotel disponibili per l’acquisto.

“Mio marito ed io abbiamo prenotato un viaggio di gruppo in Giappone e abbiamo presentato i nostri visti la settimana scorsa, ma dopo aver visto la notizia dell’irresponsabile piano di dumping del Giappone, abbiamo deciso di annullare il viaggio e trasferirci in un altro paese,” una coppia di sposini che sta scegliendo un posto per la loro luna di miele, ha detto domenica al Global Times. 

“Il Giappone non è una destinazione turistica insostituibile e il loro comportamento irresponsabile è per noi inaccettabile.”

I dati di Ctrip mostrano che il volume delle prenotazioni per i tour di gruppo in Giappone è aumentato di quasi il 90% nella settimana precedente rispetto allo stesso periodo del mese scorso, mentre il volume delle prenotazioni per i prodotti dei tour di gruppo in Giappone con partenza durante le festività della Festa Nazionale è aumentato di oltre cinque volte.

Tuttavia, influenzate dagli effetti collaterali del dumping forzato in Giappone, le piattaforme e le agenzie di viaggio stanno promuovendo attrazioni turistiche in altri paesi. Ad esempio, Lümama sta attualmente promuovendo pacchetti per la Germania, il Regno Unito e altre destinazioni del Nord Europa rispetto a quelli per il Giappone.

Anche se viaggiare in Giappone ha attirato molta attenzione da quando la lista è entrata in vigore, in realtà non è l’opzione n. I, ha detto domenica al Global Times un responsabile marketing della cinese CYTS Tours Holding Co.

 Si prevede che il dumping forzato del Giappone avrà un impatto sulle aspettative di viaggio dei turisti. Per le prossime festività nazionali, il Giappone potrebbe non essere così caldo come previsto, ha detto Xu. Al momento, CYTS Tours fornisce ancora una guida neutrale agli ospiti che chiedono informazioni su un viaggio in Giappone. Tuttavia, secondo Xu, verranno offerti promemoria e riprogrammazioni agli ospiti che desiderano mangiare pesce.

Nel breve termine, si prevede che il piano di dumping del Giappone influenzerà il turismo in Giappone e l’esportazione di marchi giapponesi, e potrebbe anche influenzare gli scambi culturali come lo studio all’estero in Giappone. Tuttavia, a medio e lungo termine, lo stato della comunicazione e le politiche dei governi bilaterali sono i principali fattori che influenzano la mentalità delle persone, Da Zhigang, direttore dell’Istituto di studi sull’Asia nordorientale presso l’Accademia provinciale di scienze sociali di Heilongjiang, ha detto al Global Times.

Molti netizen cinesi hanno affermato che non frequenterebbero più i ristoranti giapponesi e i consumatori cinesi sono sempre più restii ad acquistare prodotti giapponesi, compresi i cosmetici, con molti che creano liste nere di oltre 30 marchi di cosmetici giapponesi ed elenchi di alternative, mentre alcuni hanno persino iniziato a restituire quelli acquistati. merce.

Secondo le ultime statistiche diffuse il 16 agosto, il numero di turisti stranieri in Giappone nel mese di luglio ha superato i 2 milioni per il secondo mese consecutivo, pari a circa 2.320.600, mentre il numero di turisti nel mese è tornato a circa il 78% rispetto allo stesso periodo del 2019. prima della pandemia di COVID-19. I visitatori provenienti dalla Cina continentale si sono classificati al quinto posto nella prima metà del mese con 594.600 visitatori. Inoltre, il governo giapponese ha fissato un nuovo obiettivo per la ripresa del turismo, ovvero raggiungere un nuovo numero record di visitatori in Giappone entro il 2025.

Gli osservatori ritengono che il Giappone avrebbe dovuto beneficiare di un aumento dell’attività turistica durante le vacanze di una settimana per la Giornata Nazionale Cinese. Tuttavia, a seguito delle preoccupazioni per la sicurezza causate dallo scarico in mare di acque reflue contaminate dal nucleare da parte del Giappone, l’entusiasmo dei turisti cinesi nel viaggiare in Giappone durante le vacanze è notevolmente diminuito. Se i turisti cinesi “votassero con i piedi”, l’economia turistica complessiva in Giappone potrebbe ridursi per un periodo di tempo considerevole a causa di una diminuzione prolungata del numero di turisti cinesi.

Sorgente: Travel companies start canceling tours to Japan due to radioactive water dumping


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.