0 4 minuti 1 anno

Un durissimo editoriale del Telegraph lascia pochi margini a Kiev: “La prospettiva di una controffensiva fallita e di significative concessioni territoriali non farebbe che incoraggiare Russia e Cina.” 

The Telegraph non da scampo all’offensiva ucraina

Il Telegraph è il più letto e diffuso quotidiano politico del Regno Unito, in edicola dal 1855 e ancora oggi nel formato classico “broadsheet, di orientamento conservatore ma non “troppo”. Dunque una testata non tenera con la Russia di Putin, tanto che potremmo annoverarla tra i think thank più “agguerriti”.

Eppure, nell’ultimo editoriale a firma Robert Clark, ha espresso giudizi lapidari sulle prospettive del conflitto, già a partire dal titolo: “L’Ucraina e l’Occidente stanno affrontando una sconfitta devastante.”

Scrive il Telegraph: “C’è una crescente incertezza sulla sostenibilità a lungo termine della guerra, in particolare tra i sostenitori occidentali dell’Ucraina.
La controffensiva pianificata da tempo, ora al suo secondo mese, ha incontrato diversi problemi, non ultimo il fatto che Kiev sta ancora aspettando circa la metà dell’equipaggiamento militare occidentale promesso all’inizio dell’anno.” 

“I campi minati russi mettono a dura prova carri armati e genieri ucraini forniti dall’occidente, le loro forze hanno finora riconquistato circa cinque miglia delle sessanta miglia di cui hanno bisogno per dividere il ponte di terra che collega la Russia alla Crimea. La terra tra Mariupol a est e Melitopol a ovest è vista come il terreno vitale per raggiungere questo obiettivo.”

Continua Clark: “È incredibilmente dura per gli ucraini. Mancano della copertura aerea e dei jet avanzati per proteggere le loro forze di terra dagli elicotteri d’attacco e dai caccia russi. I loro soldati, nel frattempo, devono attraversare chilometri di campi minati, trappole per carri armati e infine le reti di trincee russe pesantemente scavate.
Questo sforzo estenuante avrebbe richiesto più tempo di quanto il pubblico internazionale  impaziente fosse disposto ad aspettare.” 

 

 

“La variabile che non è dalla loro parte è il tempo. In guerra, il tempo è forse il fattore più crudele che non si possa cambiare. Lo abbiamo visto nell’operazione della NATO in Afghanistan, dove i talebani si sono divertiti molto a ripetere un famoso proverbio afghano; “Potresti avere gli orologi, ma noi abbiamo il tempo”.

“L’estate inizierà presto a rotolare verso l’autunno. In effetti, siamo già a metà stagione. I combattimenti inizieranno a fermarsi mentre il gelido inverno indebolisce la capacità delle truppe di condurre una guerra ad alta intensità. Ciò darà solo alla Russia più tempo per rafforzare ulteriormente le sue difese , come ha fatto lo scorso inverno.”

Elezioni Usa e generale inverno

A questo punto in Occidente, nel frattempo, tutti gli occhi saranno puntati sulle imminenti elezioni americane , con maggiore attenzione politica deviata dalle elezioni generali del Regno Unito. Kiev sa di avere una finestra di opportunità ridotta per capitalizzare la sua iniziativa sul campo di battaglia e riconquistare quanto più terreno possibile.

Se Kiev fallisce nei suoi sforzi sul campo di battaglia per dividere quel ponte di terra e riconquistare gran parte del proprio territorio entro l’inverno, allora gli appelli vocali di concessioni territoriali per risultati politici marginali diventeranno probabilmente molto più diffusi, non solo in Ucraina ma probabilmente dalle capitali occidentali, mentre la cosiddetta “stanchezza della guerra” inizia a farsi sentire, le scorte internazionali di attrezzature e munizioni si esauriscono ei politici iniziano a preoccuparsi dei bilanci nazionali in vista delle elezioni nazionali.

Sorgente: The Telegraph durissimo: “Ucraina e Occidente stanno affrontando una sconfitta devastante” – Kulturjam


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.