0 4 minuti 1 anno

L’uccisione di palestinesi in Israele è il risultato di “una politica statale”, hanno detto domenica i palestinesi in Israele, in reazione all’uccisione di un giovane palestinese da parte di un israeliano armato nella città di Sandala, in Galilea, il giorno prima.Nella tarda serata di sabato, un israeliano armato ha ucciso a colpi di arma da fuoco il ventenne Diyar Omari  a seguito di una discussione che si è trasformata in una scazzottata. I media israeliani hanno riferito che l’uomo israeliano ha detto alla polizia di aver sparato a Omari perché si sentiva in pericolo quando Omari è corso verso la sua auto.Domenica i palestinesi di Sandala e di altre città palestinesi della Galilea hanno lanciato uno sciopero generale per protestare contro l’uccisione di Omari e chiedere giustizia per la sua morte. La polizia israeliana ha esteso la detenzione dell’uomo israeliano di un’altra settimana, a scopo investigativo.”Mio figlio è stato ucciso prima che avesse il tempo di vedere qualcosa nella vita, e prima che potesse fare una qualsiasi delle cose che voleva fare”, ha detto domenica la madre di Omari ai media palestinesi.”Ritengo le autorità israeliane responsabili della morte di mio figlio perché lo consentono”, ha detto la madre. “Se uno di noi uccidesse un ebreo, le autorità demolirebbero la nostra casa , ma mio figlio è stato ucciso da un ebreo senza alcuna conseguenza”.”Quando siamo andati a chiedere cosa fosse successo, la polizia ci ha trattato in modo violento”, ha detto domenica ai media locali un giovane palestinese di Sandala.”Il capitano mi ha detto che avevano arrestato il sospettato, ma che la questione passerà, ma noi non vogliamo che passi, vogliamo giustizia”, ​​ha aggiunto.”Questo è il risultato del permettere agli ebrei israeliani di portare armi da fuoco e dire loro di usarle quando si sentono minacciati”, ha detto a The New Arab un giovane palestinese di Nazareth, che ha chiesto di non essere nominato .”Questo è ciò che vuole Ben-Gvir, e il risultato è l’uccisione di palestinesi”, hanno aggiunto.All’inizio di febbraio, il ministro della sicurezza israeliano, Itamar Ben-Gvir, ha introdotto nuove regole che facilitano l’acquisizione di armi da fuoco per gli israeliani, consentendo circa 10.000 nuove licenze di armi da fuoco per gli israeliani. Secondo Ben Gvir, la ragione di queste facilitazioni era ridurre le possibilità di attacchi a fuoco palestinesi”Questa situazione non è più limitata alle misure di Ben-Gvir, e nemmeno ai palestinesi in Israele”, ha detto a TNA Razi Nabulsi, ricercatore di sociologia sui palestinesi in Israele, con sede ad Haifa .”Oggi, i palestinesi in Israele, proprio come i palestinesi a Gaza, Gerusalemme o in Cisgiordania, possono essere uccisi senza conseguenze reali, da qualsiasi israeliano”, ha detto Nabulsi.”Ora ci sono chiamate israeliane per raccogliere fondi per aiutare il sospettato israeliano perché è detenuto da quando l’omicidio è stato filmato”, ha osservato Nabulsi. ” Ma quando un giovane palestinese del Naqab è stato ucciso dalla polizia israeliana nei pressi di Al-Aqsa, il mese scorso, non è successo niente, perché l’incidente non è stato filmato”.”Le politiche di Ben-Gvir hanno solo avvicinato la situazione dei palestinesi in Israele alla situazione dei palestinesi in Cisgiordania o a Gaza, ma oggi non è più rilevante parlare dei palestinesi in Israele separatamente dai palestinesi in altri luoghi”, ha aggiunto Nabulsi.Israele ha rafforzato le misure di controllo sui palestinesi in Israele dopo un’ondata di proteste palestinesi nel maggio 2021 contro i tentativi di espulsione israeliani di famiglie palestinesi nel quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme.Dall’inizio dell’anno, 111 palestinesi sono stati uccisi dalle forze israeliane o da israeliani armati, compresi tre palestinesi di cittadinanza israeliana.

Sorgente: “Una politica statale”: i palestinesi reagiscono all’uccisione di Diyar Omari


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.