0 9 minuti 1 anno

Bilancio amaro in seguito all’ondata di maltempo che ha colpito l’Emilia-Romagna: tre morti e centinaia di persone evacuate

(guarda il video cliccando il link in fondo all’articolo)

Sembra finita l’ondata di maltempo che si è abbattuta con forza su gran parte dell’Emilia-Romagna. Le conseguenze  sono pesanti. Qualche numero: due persone hanno perso la vita, a centinaia sono state evacuate, 15 i corsi d’acqua esondati, oltre 400 gli interventi dei vigili del fuoco, ancora dai quantificare i danni a edifici e strade.

Le immagini raccolte da BolognaToday, con l’aiuto dei suoi lettori e dei canali dedicati alla stampa di Vigili del Fuoco, Polizia, Anas e Soccorso Alpino, hanno permesso una ricostruzione di quanto successo nelle ultime 48 ore.

Torna il sole, ma non il sereno. Summit a Imola per fare il punto

Oggi sul bolognese è tornato a splendere il sole. Ma l’acqua ha lasciato il suo segno. E’ il momento della conta dei danni. E della riflessione. Un punto sarà fatto alle ore 12, in municipio a Imola. Luogo scelto non a caso, essendo l’imolese il territorio che raccoglie il bilancio più drammatico contando due morti . Il sindaco metropolitano, Matteo Lepore, e gli altri sindaci del bolognese colpiti dall’emergenza maltempo incontreranno il presidente della Regione Emilia–Romagna, Stefano Bonaccini e la vicepresidente Irene Priolo. Sarà presente anche il prefetto di Bologna, Attilio Visconti.

Morte nel sonno

A centinaia gli interventi per il maltempo registrati sul territorio.

Tracciando un primo, sommario, bilancio, in attesa che venga ricostruito il quadro completo, le maggiori criticità riscontrate in questa 48 ore di inferno sono state a Fontanelice, nell’imolese. Il cedimento di una collina ha provocato una valanga di fango che ha investito il  casolare dove viveva un settantenne. Il crollo dell’abitazione non gli ha lasciato scampo , probabilmente cogliendolo nel sonno, come dimostrerebbe il corpo senza vita trovato accanto alla stufetta dove era solito riposare, come ha raccontato un vicino.

Inizialmente si pensava che potesse esserci un’altra persona con lui, individuata però in un’altra abitazione poco dopo il ritrovamento del corpo dell’anziano.

I comuni del bolognese più gravati

Non solo Fontanelice, l‘Imola in più parti provata dall’esondazione del Sillaro e del Ladello, soprattutto nelle aree di Sesto Imolese e Spazzate Sassatelli. “Il livello di acqua e dei corsi d’acqua ha superato qualsiasi precedente, stiamo quindi parlando di un evento atmosferico e climatico fuori scala”, così aveva fatto sapere il sindaco di Imola Marco Panieri. Varie le strade  chiuse per allagamenti. A essere chiuse sono state  anche le scuole comunali e statali di Sesto Imolese, Sasso Morelli e San Prospero. Banchi vuoti qui pure oggi, giovedì 4 maggio.

Duramente provato anche il comune di Medicina a seguito dell’esondazione del torrente Gaiana. Le squadre dei vigili del fuoco hanno provveduto alla evacuazione di alcune persone bloccate nelle loro abitazioni nelle località di Spazzate Sassatelli e Medicina per un totale di 25 persone. Nessuna persona è risultata ferita.  Soccorsi anche tre automobilisti rimasti bloccati all’interno delle loro vetture. Attivata infine un’operazione di recupero di 30 pecore sommerse dall’acqua nelle campagne.

Paura anche a San Lazzaro di Savena, dove  è stata disposta l’evacuazione di alcune abitazioni e a Castello, nel territorio di Castel Maggiore  dove il sistema idraulico locale ha  smesso di funzionare per l’alto livello raggiunto dalle acque del canale, portando all’allagamento di alcune cantine dei palazzi  sulla destra del Navile, più bassi rispetto al corso d’acqua. L’acqua,  ha raggiunto le soglie su cui la Protezione civile aveva posto sacchetti di sabbia. L’azione di Polizia locale Reno Galliera, Vigili del fuoco, volontari di Protezione civile, ha arginato gli effetti dell’acqua, grazie all’utilizzo di pompe idrovore.

Criticità anche a Molinella, dove a causa di una rottura dell’argine per tracimazione, l’acqua ha raggiunto l’abitato di Selva Malvezzi.

Diverse le in tutto territorio metropolitano.

Viabilità ko Bologna. Trasporti in tilt

Bologna pure ha avuto la sua parte. Disagi alla viabilità, mezzi di trasporto in tilt, traffico congestionato, allagamenti.

A causa del maltempo è infatti stata interrotta la circolazione dei treni sulla linea Adriatica.

Disagi anche in aeroporto. Al Marconi stamane si è verificato un blackout di circa due ore, con conseguente blocco dei varchi di sicurezza e dei gate di imbarco. Ripercussioni sui voli

Congestionata a viabilità sulle strade del capoluogo felsineo, il traffico veicolare cittadino dalla prima mattinata  è risultato pesantemente rallentato dal maltempo. Il nodo più critico è stato via Saffi, chiusa dopo la piena del Ravone e il conseguente allagamento di qualche cantina e pure alcuni negozi. Stremati residenti ed esercenti: “Qui è sempre la stessa storia”, hanno sbottato alle telecamere di BolognaToday.

Per consentire lo snellimento del traffico cittadino l’amministrazione ha dato l’ok alla apertura al traffico di alcune corsie preferenziali. 

Stato d’emergenza

Per fronteggiare la situazione il Governatore Stefano Bonaccini ha richiesto e ottenuto l’attivazione dello stato di mobilitazione del sistema di Protezione civile nazionale in Emilia-Romagna: il decreto è stato firmato nel pomeriggio di ieri dal ministro della Protezione Civile, Nello Musumeci, che ha raggiunto il nostro territorio per toccare con mano il disastro causato dalla furia dell’acqua. Una situazione di emergenza, violenta e improvvisa, che non ha potuto richiamare alla mente di qualcuno il terremoto che undici anni fa piegò, ancor più malamente, l’Emilia Romagna.

Vigili del fuoco ancora al lavoro, oggi alle prese con i seminterrati allagati

Enorme la mole di lavoro per i vigili del fuoco. Impegnati nelle operazioni 300 caschi, con rinforzi giunti da Veneto, Lombardia, Toscana.  Sono 1.000 gli interventi eseguiti fino alla serata di ieri, 3 maggio, tra le province di Bologna, Ravenna e Forlì Cesena.
Nel ravennate i vigili del fuoco hanno operato tra Faenza, Massa Lombarda, Conselice, Castel Bolognese, aree dove è tracimata l’acqua dal fiume Lamone e dai suoi affluenti.   Nella notte scorsa il maggior numero di interventi è stato svolto nella parte bassa della provincia, tra Bagnacavallo, Boncellino e Villanova di Bagnacavallo, dove le squadre in assetto alluvionale hanno evacuato dalle loro abitazioni circa cinquanta persone.
Nel bolognese squadre impegnate con mezzi di movimento terra per liberare da fango e detriti alcune strade, tra Monzuno e Pianoro, coinvolte da movimenti franosi. Evacuate nove persone dalle proprie abitazioni a Sesto Imolese. Dal mattino di ieri motopompe e tre idrovore provenienti dai comandi di Modena, Parma e Ferrara hanno iniziato le attività di prosciugamento tra Castel San Pietro, Medicina e Imola.
Attività di ripristino della viabilità con pale meccaniche anche in provincia di Forlì Cesena, dove alcune squadre dei vigili del fuoco hanno operato nelle zone di Dovadola e Modigliana.

Ancora nelle scorse ore si sono registrati gli ultimi interventi dei caschi rossi nel territorio bolognese e per stamane, 4 maggio, è in programma l’attività con idrovore per iniziare lo svuotamento dei seminterrati allagati.

Maltempo, gli approfondimenti

Maltempo, 400 interventi dei Vigili del Fuoco: arrivati rinforzi da altre regioni | FOTO e ViDEO

Lepore: “Siamo preoccupati, emaneremo bollettini” (e smorza la polemica politica) | VIDEO

Saffi allagata: “Qui è sempre la stessa storia” | FOTO e VIDEO

VIDEO| Fiumi in piena e allagamenti

Temporale e piena dei torrenti. Chiusa la Trasversale di Pianura 

Meteo Bologna, le previsioni della prima settimana di maggio

A San Lazzaro evacuati piani terra e seminterrati

Criticità pure a Casalecchio di Reno: chiuse alcune strade 

Campi sott’acqua, gli agricoltori: “Sistema idrico non regge” | FOTO -VIDEO

Sorgente: Maltempo a Bologna e in Emilia-Romagna, 48 ore di inferno: il video racconto


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.