0 4 minuti 1 anno

Il governo israeliano si dimostra sempre più ostaggio delle pretese anti-palestinesi avanzate dai partiti più estremisti che compongono (e tengono in piedi) la maggioranza. Così, a nemmeno una settimana dalle minacce di boicottaggio di ogni iniziativa legislativa da parte del partito Otzma Yehudit, guidato dal ministro per la Sicurezza Nazionale Itamar Ben-Gvir, che denunciava una risposta “debole” dell’esecutivo ai razzi lanciati da Gaza, nella notte raid israeliani hanno colpito la Striscia uccidendo almeno 13 persone, tra cui quattro bambini e quattro donne, e ferendone altre 20.

Secondo le autorità israeliane, l’azione aveva come obiettivo quello di colpire i leader della Jihad Islamica, uno dei principali gruppi attivi nella piccola enclave palestinese. Tre di questi appartenenti alle Brigate al-Quds, il braccio armato della Jihad, sono stati uccisi: secondo l’organizzazione islamista si tratta di Jihad Ghannam, segretario del Consiglio militare delle Brigate Al-Quds, Khalil Al-Bahtini, membro dello stesso consiglio e comandante delle Brigate per il Nord della Striscia di Gaza, e Tareq Ezzedine, “uno dei capi dell’azione militare” del movimento nella Cisgiordania occupata, che ha coordinato dalla Striscia. Ma con loro hanno perso la vita anche dei civili, tra cui quattro bambini e quattro donne, oltre a un cittadino russo, nonostante l’esercito israeliano parli di operazioni mirate. Inoltre, testimoni locali parlano di un edificio in fiamme, con ambulanze che si sono impegnate ad evacuare le vittime.

Da parte loro, le autorità di Gaza hanno ordinato la chiusura di tutti gli istituti scolastici nella Striscia, con lo stato di allerta che è stato elevato anche lungo le coste, probabilmente nel timore di nuovi attacchi israeliani dopo quelli della nottata. Inoltre sono stati mobilitati i combattenti delle varie forze armate, ai quali è stato ordinato di tenersi in stato di massima allerta. Un portavoce della Jihad islamica ha minacciato “vendetta”: “Il nemico comprende solo il linguaggio della forza“. Il ministero degli Esteri dell’Autorità nazionale palestinese (Anp) ha condannato l’azione militare definendola “un crimine atroce commesso dall’occupazione israeliana”: “Una estensione della guerra aperta contro il nostro popolo e suoi giusti e legittimi diritti nazionali”. L’Anp ha quindi chiesto alla Comunità internazionale “un intervento urgente per fermare l’aggressione contro il popolo palestinese” sottolineando a necessità di “un accordo politico negoziato” per il conflitto. I primi ad appoggiare le posizioni palestinesi sono stati gli iraniani, con il portavoce del ministero degli Esteri, Nasser Kanani, che ha dichiarato: “I crimini del regime sionista, commessi alla vigilia della Giornata della Nakba, sono un segno della sua debolezza di fronte all’eroica resistenza dei giovani palestinesi in Cisgiordania e ad Al-Quds. Il silenzio e l’inattività dei rispettivi organismi internazionali e dei Paesi occidentali di fronte alle azioni disumane dei sionisti renderanno il regime più aggressivo”, ha detto chiedendo un’azione immediata, efficace, dissuasiva e coordinata da parte dei Paesi islamici “per fermare la macchina di morte e crimine del regime sionista”.

 

Sorgente: Israele bombarda Gaza: “Uccisi tre leader della Jihad Islamica”. Ma le vittime sono almeno 13: anche 4 donne e 4 bambini – Il Fatto Quotidiano


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.