0 6 minuti 1 anno

Putin firma la nuova strategia di politica estera: “Eliminare il dominio dei Paesi ostili”. L’intelligence britannica: “Il Capo di Stato maggiore russo Gerasimov è in bilico, troppi fallimenti”. Perquisito il metropolita di Kiev Pavel: “Mi accusano di aver maledetto Zelensky”

  • In Evidenza
    11:08

    Milley: “Improbabile cacciare i russi dall’Ucraina entro l’anno”

     

    “È improbabile che l’Ucraina riesca a cacciare tutte le forze russe dal suo territorio entro quest’anno, non credo che si possa fare a breve termine. È un compito militare molto, molto difficile”, ha dichiarato il capo dello stato maggiore congiunto Usa Mark Milley in un’intervista a Defense one. “Si tratta di 200mila russi che si trovano ancora nell’Ucraina occupata. Non dico che non si possa fare. Dico che è difficile”, ha spiegato. E ha aggiunto che intanto la Russia “ha fallito” dal punto di vista strategico e operativo, “e ora sta fallendo anche dal punto di vista tattico”.

     

    Leggi tutto
  • 11:22

    Shoigu visita le truppe: “Aumentata la produzione di armi”

     

    Il ministro della Difesa russo, Sergei Shoigu, ha visitato il quartier generale del Gruppo congiunto di forze per ascoltare i rapporti sulla situazione dell’operazione speciale in Ucraina e ha affermato che è stata “aumentata in modo significativo la produzione di armi per le truppe, comprese quelle convenzionali e di alta precisione”. Lo rende noto il ministero della Difesa russo citato dalla Tass. “Tutto questo ci permette di raggiungere gli obiettivi fissati dal Comandante supremo in capo sulla base del piano dell’operazione militare speciale”, ha detto Shoigu, sottolineando che “il governo russo e il ministero della Difesa tengono sotto costante controllo le forniture di armi”.

     

  • 11:19

    Il metropolita di Kiev: “Mi accusano di aver maledetto Zelensky”

     

    Il metropolita Pavel, alla guida del monastero Pechersk Lavra di Kiev, ha riferito di essere stato formalmente messo sotto accusa dalle autorità ucraine, e che la sua abitazione sarà perquisita. Lo riportano i media russi. “Dicono che ho maledetto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky”, ha affermato il metropolita, spiegando che invece si trattava di riferimenti a dei versi del Vangelo. Pavel ha affermato di essere stato accusato di “collaborazione con la Russia e odio interreligioso”. L’agenzia statale russa Ria Novosti, citando testimoni oculari, riporta che gli ufficiali della Sbu, i servizi segreti ucraini, hanno già iniziato a perquisire il 42esimo edificio della Lavra, dove vive l’abate.

     

  • 11:17

    Putin firma nuova strategia di politica estera: “Eliminare dominio Paesi ostili”

     

    Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato una nuova strategia di politica estera russa volta a ridurre il “dominio” occidentale e identificare Cina e India come partner chiave per il futuro. Lo riporta il Guardian, secondo cui il nuovo documento cementa la profonda rottura – in stile guerra fredda – tra la Russia e l’Occidente. “La Federazione Russa intende dare la priorità all’eliminazione delle vestigia del dominio degli Stati Uniti e di altri Paesi ostili nella politica mondiale”, recita il documento. Il termine “Paesi ostili” è usato dalla Russia per riferirsi a quei Paesi, in particolare in Europa e Nord America, che hanno condannato la campagna militare di Mosca in Ucraina e adottato sanzioni.

     

  • 11:15

    Intelligence Uk: “Capo di Stato maggiore russo in bilico, troppi fallimenti”

     

    “Su diverse linee del fronte del Donbass, le forze russe hanno ottenuto solo successi marginali a costo di decine di migliaia di vittime, sprecando il vantaggio di personale militare dovuto alla mobilitazione parziale”. Lo scrive l’intelligence del ministero della Difesa britannico nel report quotidiano su Twitter. “È realistico pensare che il Capo di stato maggiore Valerij Gerasimov stia superando i limiti della tolleranza dei fallimenti per la leadership russa”, si legge.  Gerasimov, viene ricordato, doveva estendere il controllo russo sul Donbass: “Dopo ottanta giorni è sempre più evidente che questo progetto è fallito”.

     

  • 11:11

    Milley: “Per ora non forniremo missili a lungo raggio a Kiev”

     

    “Ad oggi c’è una decisione politica di non fornire missili a lungo raggio Atacms all’Ucraina. Per ora. Il raggio d’azione dell’Atacms è più lungo, ma ci sono altri sistemi che coprono la stessa distanza. Ci sono droni per esempio che possono fare lo stesso lavoro, e gli inglesi hanno un paio di sistemi. Sono alcune cose che stiamo valutando per dare all’esercito ucraino un po’ più di gambe”. Lo ha dichiarato il capo dello stato maggiore congiunto Usa Mark Milley in una intervista a Defense one.

     

  • 11:04

    Bombe su Kherson, tre civili uccisi

     

    L’esercito russo ha bombardato zone residenziali della regione di Kherson, nel sud dell’Ucraina: tre civili sono rimasti uccisi e altri due feriti. Lo riferisce il capo dell’amministrazione militare regionale Alexander Prokudin.

     

  • 10:55

    Von der Leyen: “Programma Fmi aiuterà economicamente l’Ucraina”

     

    “Un altro segno del forte sostegno internazionale all’Ucraina. Accolgo con favore l’approvazione da parte del Fondo monetario internazionale di un programma quadriennale da 15,6 miliardi di dollari”. Lo scrive su Twitter la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. ”Il programma contribuirà a mantenere l’Ucraina economicamente stabile durante la guerra, per poi sostenerne la ripresa e i progressi sul percorso”, sottolinea.

     

Sorgente: Ucraina, la diretta – Bombe su Kherson, tre civili uccisi. Il generale Usa Milley: “Improbabile cacciare i russi dal Paese entro l’anno” – Il Fatto Quotidiano


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.