0 8 minuti 1 anno

Haram al-Sharif noto come Moschea Qubbat al-Sakhra nel complesso di Masjid al-Aqsa nelle prime ore del mattino del 9 aprile 2023 a Gerusalemme [Mostafa Alkharouf/Anadolu Agency]

Haram al-Sharif noto come Moschea Qubbat al-Sakhra nel complesso di Masjid al-Aqsa nelle prime ore del mattino del 9 aprile 2023 a Gerusalemme [Mostafa Alkharouf/Anadolu Agency]
pulsante di condivisione facebook
pulsante di condivisione di Twitter
pulsante di condivisione reddit
pulsante di condivisione di whatsapp
pulsante di condivisione e-mail
condividi questo pulsante di condivisione

La vista della polizia israeliana che ha preso d’assalto la sacra moschea di Al-Aqsa con i suoi stivali e manganelli, picchiando i fedeli tra nuvole di gas lacrimogeni, è stata spaventosa. Centinaia di palestinesi sono stati legati e portati via come bestiame nel modo più disumano.

Sì, il mese sacro del Ramadan è arrivato e ciò di cui tutti stavano mettendo in guardia è accaduto nel peggior modo possibile. “Tutti” include i media israeliani, il governo israeliano, le forze di sicurezza israeliane, i palestinesi, gli stati arabi, gli europei e gli americani, che tutti hanno anticipato un’ondata di violenza durante il mese di digiuno, anche perché coincide con il mese di digiuno ebraico Pasqua (e, quest’anno, Pasqua). Gruppi di coloni ebrei hanno annunciato che avrebbero celebrato la Pasqua ebraica nella moschea di Al-Aqsa, dove migliaia di musulmani trascorreranno i loro giorni e le loro notti in vari atti di culto.

Uno dei motivi del vertice di Aqaba tra israeliani e palestinesi del 26 febbraio è stato quello di allentare la tensione nella Cisgiordania occupata prima dell’inizio del Ramadan. Hanno partecipato anche rappresentanti di Giordania, Egitto e Stati Uniti. Gli Stati Uniti hanno proposto un piano per ridurre l’escalation e fermare la resistenza palestinese in Cisgiordania. Secondo il Dipartimento di Stato americano, il comunicato congiunto seguito all’incontro di Aqaba del 26 febbraio ha affermato che Israele e l’Autorità palestinese hanno ribadito la necessità di impegnarsi a ridurre l’escalation sul campo e di prevenire ulteriori violenze; Israele si è impegnato a sospendere per quattro mesi le discussioni su eventuali nuove unità di insediamento ea sospendere per sei mesi l’autorizzazione di qualsiasi avamposto di insediamento; e lo status quo storico nei luoghi santi di Gerusalemme deve essere mantenuto e immutato nelle parole e nella pratica,

LEGGI: ​​Il governo israeliano e l’opposizione tengono colloqui sulla revisione giudiziaria

I cinque paesi si sono nuovamente incontrati a Sharm El-Sheikh il 19 marzo, come concordato ad Aqaba, e hanno ribadito quasi gli stessi punti, ma questa volta con maggiore enfasi sul Ramadan. “Hanno sottolineato la necessità sia degli israeliani che dei palestinesi di prevenire attivamente qualsiasi azione che possa interrompere la santità di questi siti, tra l’altro durante il prossimo mese sacro del Ramadan, che quest’anno coincide con la Pasqua e la Pasqua ebraica”, ha affermato il secondo comunicato congiunto.

Tuttavia, sul campo, i sionisti religiosi ebrei avevano un’altra visione. I rapporti dalla città santa hanno notato che il Movimento Ritorno al Monte stava distribuendo volantini nella Città Vecchia che invitavano gli ebrei a portare un agnello al “Monte del Tempio” (complesso della Moschea di Al-Aqsa) per il sacrificio pre-Pasqua. Il movimento ha offerto circa $ 700 per chiunque fosse arrestato lì con un agnello e $ 8.240 per un sacrificio riuscito.

Questi gruppi hanno assalito frequentemente Al-Aqsa sotto la protezione della polizia israeliana e hanno eseguito alcuni dei loro rituali all’interno della moschea, mentre i suoi legittimi proprietari sono trattati come criminali senza alcun diritto. I coloni hanno ricevuto potere ora che uno di loro, Itamar Ben-Gvir, è un membro del governo di coalizione israeliano.

L’estremista di estrema destra Ben-Gvir è ministro della sicurezza nazionale e sta incoraggiando tali azioni da parte dei coloni. Gli è stato dato il via libera per formare una cosiddetta “Guardia Nazionale”, che sarà, in effetti, una milizia di coloni finanziata dallo stato di occupazione. La maggior parte dei suoi sostenitori proviene da comunità ebraiche non ashkenazite della “periferia socio-economica”. Molti provengono dalla comunità ultraortodossa, in particolare da una banda di coloni chiamata “la giovinezza della collina”. Li difendeva in tribunale come avvocato, quindi non ci sono premi per indovinare chi formerà il nucleo della nuova milizia.

LEGGI: ​​Israele invischiato su 3 fronti tra gravi dispute interne

Ben-Gvir ha pubblicamente accolto con favore i membri di due grandi bande di coloni, La familia e La hava, che sono principalmente ebrei mizrahi (orientali) e sefarditi, affinché si unissero alla forza “per combattere il terrore e i crimini nazionalistici, oltre a far rispettare l’ordine pubblico”. Dovrebbe essere composto da circa 2.000 ufficiali. Diversi membri del gabinetto israeliano sono contrari ad avere un taglio dell’1,5% nei loro bilanci ministeriali per finanziare la Guardia Nazionale.

Un certo numero di importanti figure politiche e di sicurezza israeliane, come il leader dell’opposizione Yair Lapid, il commissario di polizia Kobi Shabtai, l’ex capo della polizia Moshe Karadi e il parlamentare Ofer Cassif, si oppongono alla creazione della milizia. I media hanno riferito che Karadi ha affermato che è pericoloso concedere un tale potere a un politico e ha suggerito che Ben-Gvir potrebbe usare la forza “per organizzare un colpo di stato”.

Israele viene ora attaccato dall’interno e oltre i suoi confini ancora non dichiarati. I razzi stanno cadendo da Gaza a sud, dal Libano a nord e dalla Siria a nord-est, mentre quasi ogni giorno ci sono palestinesi arrabbiati pronti a morire e portare con sé quanti più israeliani possibile. Lo stato di occupazione che si stava preparando a un devastante attacco agli impianti nucleari iraniani non sembra in grado di comprendere cosa sta accadendo. Sembra proprio che si trovi in ​​una spirale discendente di autodistruzione.

Con tutto ciò che sta accadendo nella politica israeliana, nelle strade, nell’esercito e in altre agenzie statali, come sarà in grado Israele di combattere l’Iran e indulgere in una potenziale guerra regionale? L’idea del nemico esterno che univa gli israeliani dietro il governo questa volta non funziona. A ogni incidente di sicurezza, Israele diventa più diviso e più debole. Anche le cosiddette soluzioni come la Guardia Nazionale di Ben-Gvir avranno un effetto negativo sullo stato.

GUARDA: I ministri israeliani si uniscono a una manifestazione a favore degli insediamenti nella Cisgiordania occupata

Imponendo il controllo ebraico sulla moschea di Al-Aqsa, Ben-Gvir spera di ridefinire le priorità di Israele, reindirizzare la sua politica e ristrutturare la sua identità in un modo che porti gli ebrei mizrahi e sefarditi, così come altri gruppi diseredati, dalla periferia al centro. In altre parole, vuole smantellare Israele come progetto sionista ashkenazita europeo e rimontarlo come progetto ebraico sefardita/mizrahi. In questo senso, forse inconsapevolmente, Ben-Gvir può essere visto come l’antitesi di Israele così come lo conosciamo, il che lo rende un incubo vivente per lo stato sionista ei suoi alleati.

Sorgente: Israel is in a downward spiral of self-destruction – Middle East Monitor


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.