0 8 minuti 1 anno

I musulmani pregano nella moschea di Al-Aqsa, a Gerusalemme, il 7 aprile 2023 [Mostafa Alkharouf/Anadolu Agency]
Mentre centinaia di agenti di polizia israeliani stavano circondando il complesso della moschea di Al-Aqsa, il governo di occupazione di estrema destra ha mantenuto comunicazioni attive con la Giordania, chiedendo l’allontanamento dei fedeli musulmani palestinesi dalla moschea di Al-Qibli all’interno del santuario. A giustificazione della sua richiesta, il governo israeliano ha descritto i fedeli come una “folla pericolosa” e li ha accusati di prepararsi a combattere contro la polizia di occupazione, i cui ufficiali, ha riferito Haaretz, si stavano preparando a farli fuori .

La tattica è fallita, nonostante l’aiuto dei media nello stato di occupazione. La maggior parte dei media ha ripetuto le affermazioni del governo secondo cui i musulmani di Al-Aqsa in generale, e della moschea di Al-Qibli in particolare, non si sarebbero fermati lì per atti di culto durante il mese benedetto del Ramadan. Secondo la narrazione ufficiale ripetuta a pappagallo dai media, i musulmani nella moschea si stavano preparando ad attaccare la polizia e i coloni ebrei illegali che avevano in programma di visitare il Nobile Santuario di Al-Aqsa, il terzo sito più sacro per due miliardi di musulmani nel mondo.

“Centinaia di fedeli si sono barricati all’interno della moschea Al-Aqsa di Gerusalemme sabato scorso”, ha riferito Haaretz , “mentre gli agenti di polizia israeliani tentano di rimuoverli dal luogo sacro”. Il messaggio è stato ripetuto dalla maggior parte dei media israeliani.

È stato anche Haaretz , tuttavia, a riferire lo scorso dicembre che cartelli in inglese ed ebraico avvertono gli ebrei che “Secondo la Legge della Torah, entrare nell’area del Monte del Tempio [complesso di Al-Aqsa] è severamente vietato a causa della santità del sito” aveva stato rinnovato e reinstallato. L’autorità dietro i segni è il Rabbinato Capo di Israele. In altre parole, secondo l’ebraismo, gli ebrei non dovrebbero entrare in quello che chiamano il Monte del Tempio ei musulmani chiamano il Nobile Santuario di Al-Aqsa, o semplicemente la Moschea di Al-Aqsa.

LEGGI: ​​Minore palestinese ucciso dal fuoco israeliano in Cisgiordania

I fedeli musulmani non avevano pistole né indossavano divise da combattimento mentre si nascondevano dietro le barricate in attesa che la polizia di occupazione israeliana oi coloni venissero ad ucciderli. Fatto sta che hanno chiuso le porte di una delle sale di preghiera della moschea di Al-Aqsa — nota come moschea di Al-Qibli — e hanno continuato le loro preghiere notturne che, durante il Ramadan, i musulmani eseguono in aggiunta alle normali cinque preghiere quotidiane. Queste preghiere Tarawih a tarda notte vengono eseguite nelle moschee di tutto il mondo musulmano; non sono specifici di Al-Aqsa.

Quando la scorsa settimana i musulmani di Al-Aqsa sono stati brutalmente picchiati e trascinati fuori con la forza dalla polizia israeliana, hanno deciso di rimanere nella moschea in numero ancora maggiore e proteggersi dall’aggressione. Nelle ultime notti, centinaia di palestinesi sono stati arrestati e gli è stato impedito di entrare nella moschea di Al-Aqsa, anche residenti nella Città Vecchia nella Gerusalemme occupata da Israele, dove si trova il luogo sacro.

Israele ha inviato un messaggio alla Giordania, custode internazionalmente riconosciuto dei luoghi sacri nella Gerusalemme occupata, esortando le autorità del Waqf a “rimuovere immediatamente i palestinesi che si sono barricati all’interno della moschea di Al Aqsa… che si preparano a scontrarsi con la polizia e gli ebrei in visita il sito e partecipare alla tradizionale benedizione sacerdotale della Pasqua ebraica presso l’adiacente Muro Occidentale al mattino “.

Il messaggio è stato inviato dal ministero degli Esteri israeliano. “Coloro che profanano la santità della moschea di Al-Aqsa e si barricano al suo interno sono una folla pericolosa, radicalizzata e incitata da Hamas e altre organizzazioni terroristiche”. Questo è stato ironico da parte delle autorità i cui agenti di polizia hanno profanato la moschea e l’hanno distrutta la scorsa settimana, descrivendo i fedeli come “estremisti”. La terminologia – “folla”, “radicalizzato e incitato” ed “estremisti” – è la classica propaganda israeliana, così come la menzione d’obbligo di “Hamas” e “organizzazione terroristica”.

La Giordania ha respinto le affermazioni israeliane sui fedeli e ha accusato lo stato di occupazione di cercare di “fabbricare i fatti” sulla questione. Un funzionario giordano ha affermato che la richiesta israeliana era un tentativo di “attribuire la responsabilità al Waqf [gestito dalla Giordania] per la pericolosa escalation derivante dagli attacchi di Israele ai fedeli”.

OPINIONE: il nuovo governatore colono di Israele

Il funzionario anonimo ha affermato che Amman ha rifiutato di accettare i messaggi israeliani inviati tramite mediatori, aggiungendo che accetterà messaggi diretti se includono promesse da parte dello stato di occupazione di “smettere di violare lo status quo, fermare gli attacchi ai fedeli e annullare le restrizioni alla libertà di culto.”

Allo stesso tempo, Amman ha avvertito di “conseguenze catastrofiche” se la polizia di occupazione israeliana farà irruzione nella moschea di Al-Aqsa e rimuoverà i palestinesi. Una mossa del genere, hanno aggiunto i giordani, porterebbe a “più tensione e violenza, per le quali tutti ne pagheranno il prezzo”.

Israele non ha il diritto di decidere quando i fedeli musulmani possono entrare, rimanere o uscire dalla moschea di Al-Aqsa. In base alle leggi e alle convenzioni internazionali, in quanto Stato di occupazione, Israele è obbligato a proteggere i fedeli musulmani ea garantire loro il libero accesso alla Moschea di Al-Aqsa.

Un’intesa con la Giordania è in vigore da quando Israele ha occupato Gerusalemme Est nel 1967. Tra il 1948 e il 1967, la Cisgiordania e Gerusalemme Est sono state controllate dal Regno Hascemita. Lo status quo ufficiale è che sia Israele che Giordania riconoscono i pieni diritti dei fedeli musulmani nella moschea di Al-Aqsa e che i non musulmani possono visitarla, ma non pregare lì. Come notato sopra, secondo la loro stessa legge della Torah, gli ebrei non dovrebbero nemmeno visitare il sito.

Il numero crescente di coloni ebrei illegali che fanno irruzione nel luogo sacro solleva preoccupazioni tra i musulmani di tutto il mondo su un piano israeliano per dividere temporalmente e spazialmente la moschea di Al-Aqsa tra musulmani ed ebrei, come è stato fatto nella moschea Ibrahim di Hebron. I dati pubblicati dal gruppo di coloni ebrei Beyadenu mostrano che un record di 51.483 ebrei sono entrati ad Al-Aqsa – sempre protetti dalle forze di sicurezza dell’occupazione israeliana – solo lo scorso anno.

LEGGI: ​​Oltre 1.500 coloni israeliani assaltano il complesso della moschea di Al-Aqsa

Le fazioni della resistenza palestinese hanno sempre messo in guardia Israele dal tentare di cambiare l’identità storica e religiosa di Al-Aqsa, o di violare lo status quo. “L’aggressione dell’occupazione incontrerà solo resistenza, e la resistenza è pronta a rispondere ai crimini dell’occupazione”, ha detto il portavoce di Hamas per la città di Gerusalemme, Mohammad Hamada. Il ministro israeliano per la sicurezza nazionale di estrema destra Itamar Ben-Gvir e il suo governo hanno la piena responsabilità di ciò che accade alla moschea di Al-Aqsa e a coloro che vi soggiornano, ha aggiunto. “La moschea di Al-Aqsa è una linea rossa e gli attacchi contro di essa esploderanno in faccia all’occupazione”.

Sorgente: Israel demonises worshippers to justify its raids on Al-Aqsa Mosque – Middle East Monitor


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.