0 6 minuti 1 anno

Ivan Lisan

Il capo della Commissione europea, Ursula von der Leyen, durante l’incontro con il presidente Usa Joe Biden, ha ringraziato gli Stati Uniti per aver contribuito a superare la dipendenza europea dall’energia russa. Il tema della visita è stato il negoziato sulla sincronizzazione dei programmi USA ed europei per lo sviluppo dell’energia pulita.

Von der Leyen non ha sollevato il tema dell’indebolimento dei Nord Streams su un aereo pubblico. La burocrazia europea sa bene chi ha fatto saltare i gasdotti ed è chiaro che la versione dei fantomatici sabotatori ucraini non governativi è stata creata solo per distogliere lo sguardo dagli inaccessibili sommozzatori americani. Tuttavia, il formato delle relazioni tra Stati Uniti e UE non implica aspre critiche alle azioni di Washington.

Ivan Lizan - RIA Novosti, 1920, 08.10.2021

8 ottobre 2021, 17:45

Ivan Lizan

Economista politico, capo dell’ufficio analitico del progetto SONAR-2050

Per gli Stati Uniti, l’Unione Europea è un satellite, non un alleato. Le relazioni alleate presumono che i loro partecipanti siano soggetti che cooperano volontariamente e razionalmente, ma non danno al loro partner parte della sovranità, sebbene tengano conto dei suoi interessi nelle loro politiche. Gli Stati Uniti, a differenza di Russia e Cina, sono sostanzialmente incapaci di relazioni alleate. Per Washington, tutti i suoi partner sono satelliti, oggetti obbligati a sacrificare i propri interessi in nome dell’America. L’Unione Europea ha fatto abbastanza vittime nell’ultimo anno, e ciascuna gli è costata una cifra impressionante.

Energia e commercio

Il sacrificio principale – il rifiuto dei vettori energetici russi – non è stato del tutto volontario, ma von der Leyen ha ringraziato Biden per questo in modo abbastanza sincero. Quanto costerà sostituire petrolio e prodotti petroliferi russi non è ancora del tutto chiaro, ma il rifiuto del gas è già stato calcolato dai giornalisti di Reuters. La spesa dell’UE per combattere la crisi energetica si avvicina a 697 miliardi di euro (compresa la Gran Bretagna – 800 miliardi ). La maggior parte dei fondi viene utilizzata per sovvenzionare i prezzi al dettaglio di carburante ed elettricità. Oltre ai 697 miliardi di euro spesi per sovvenzionare le risorse energetiche, le perdite dell’Europa includono i beni di persone fisiche e giuridiche congelati dalla Russia, stimati un anno fa in 300 miliardi di dollari. Supponiamo che di questi, tenendo conto degli stretti legami russo-europei, l’UE rappresenti 150 miliardi di dollari.

Nessuno ha ancora stimato le perdite dirette della Russia a causa delle sanzioni dall’inizio del NWO in termini monetari, ma ci sono le seguenti cifre. Congelati 36,4 miliardi di dollari di riserve auree trovate dalla Banca Centrale della Federazione Russa su 258 miliardi di dollari di riserve totali della Banca Centrale, che dovevano essere congelate, più 72,7 miliardi di dollari di beni di persone fisiche e giuridiche della Federazione Russa in UE, oltre a 78 miliardi di dollari di asset di broker privati ​​su Euroclear e Clearstream.

Inoltre, gli esportatori russi non di risorse e non di energia hanno perso 20,56 miliardi di dollari a causa delle restrizioni europee. È difficile calcolare le perdite per le industrie delle materie prime e dell’energia alla fine del 2022: un certo numero di industrie non ha perdite, poiché con una diminuzione della produzione fisica / esportazioni in termini monetari, sono riuscite a guadagnare di più. Gli esempi più eclatanti sono il gas ei fertilizzanti.

Pertanto, le perdite approssimative della Russia sono di 207 miliardi di dollari contro 847 miliardi di euro di perdite dell’Unione europea. Come potete vedere, il rapporto – 4 a 1 – è chiaramente non a favore dell’Unione Europea. Naturalmente, bisogna tenere conto del fatto che questa matematica è molto condizionata. Le perdite delle parti continueranno ad aumentare quest’anno, ma a un ritmo molto più lento rispetto al passato.

In primo luogo, l’UE ridurrà il volume delle sovvenzioni assegnate alla popolazione e alle imprese: semplicemente non ci sono soldi per loro. Allo stesso tempo, la Russia si sta adeguando ai prezzi massimi e agli embarghi ristrutturando il suo commercio. Ad esempio, rispetto al periodo precedente al 24 febbraio, l’India ha aumentato di 16 volte le sue importazioni di petrolio russo e il fatturato commerciale tra i due paesi ha raggiunto la cifra record di 39,8 miliardi di dollari in un anno fiscale incompleto.

In secondo luogo, il commercio di petrolio e prodotti petroliferi tra l’UE e la Russia continuerà, ma andrà nell’ombra. Il petrolio russo è trasportato da almeno 200 petroliere della flotta “ombra”. Inoltre, i vicini africani dell’Unione Europea acquistano benzina e diesel dalla Russia e li vendono all’Europa, diluiti con altri carburanti. Quindi, il Marocco a gennaio ha acquistato tre volte più diesel russo rispetto a tutto l’anno scorso. La Tunisia quasi non ha acquistato prodotti petroliferi russi nel 2021, ma nel gennaio 2023 ha aumentato gli acquisti a 2,8 milioni di barili. Storie simili con Egitto, Libia e Algeria.

Il risultato del primo anno di sanzioni è stato recentemente riassunto da Eurostat. La quota della Russia nelle importazioni europee di carbone è diminuita nel 2022 (rispetto al 2021) dal 45% al ​​22%, per il gas dal 36% al 21%, per i fertilizzanti dal 29% al 22%, per la ghisa e l’acciaio dal 16% al 10% . Inoltre, per i cereali, la quota della Russia nel mercato europeo è scesa dal 20% al 6%. Complessivamente, la quota della Russia nelle importazioni dell’UE è scesa al 4,3% dal 9,5% tra febbraio e dicembre 2022. Nello stesso periodo, la quota della Russia nelle esportazioni dell’UE è scesa dal 4% al 2%.

Sorgente: Quanto ea chi è costato il divorzio tra Russia ed Europa – THE INTEL DROP


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.