0 3 minuti 1 anno

All’inizio di questa settimana, il ministro degli Esteri israeliano Eli Cohen ha telefonato al capo della politica estera dell’UE Josep Borrell chiedendogli di non interferire negli affari interni di Israele. Ciò è avvenuto dopo un dibattito di un’ora tenuto dal Parlamento europeo sulla prevista controversa revisione giudiziaria in Israele e sui suoi effetti sul conflitto israelo-palestinese.

Il Jerusalem Post israeliano ha riferito che Borrel ha detto: “Siamo un osservatore attento perché Israele è un partner chiave e i nostri valori condivisi si basano su una società democratica e aperta e sullo stato di diritto”. Tuttavia, ha spiegato che l’UE ha discusso della situazione della democrazia in Israele perché è un osservatore e Israele è un “partner chiave”, Cohen ha insistito sul fatto che l’UE si sbagliava.

Anche un articolo che Borrell ha pubblicato la scorsa settimana ha fatto arrabbiare Cohen. In esso, Borrell ha criticato l’escalation della violenza dei coloni israeliani e le operazioni militari israeliane che spesso portano a vittime tra i palestinesi. Ha anche notato che gli insediamenti sono in aumento, così come i tentativi di cambiare lo status quo nei luoghi santi di Gerusalemme.

“La violenza da parte dei coloni israeliani in Cisgiordania sta minacciando sempre più le vite ei mezzi di sussistenza dei palestinesi, quasi sempre impunemente”, ha sottolineato. “Inoltre, le operazioni militari israeliane causano frequentemente la morte di civili palestinesi, spesso senza un’effettiva responsabilità; gli insediamenti illegali si stanno espandendo sui territori occupati; e il delicato status quo relativo ai Luoghi Santi si sta erodendo”.

Il rimprovero di Cohen ha dato i suoi frutti quando Borrell è tornato a rimorchiare la linea. Calmò il tono e implorò perdono da Israele. Ha affermato che la discussione dell’UE sullo status della democrazia in Israele non era un mezzo per intromettersi negli affari interni di Tel Aviv, ma era un tentativo di “capire cosa succede lì rispetto alla nostra percezione dei valori e degli interessi nella regione”.

Borrell ha anche affermato che discutere della situazione della democrazia in Israele non significa necessariamente che ci fossero errori da correggere, ma potrebbe essere una sorta di “apprezzamento” per lo stile di vita di un amico. “Questo non può essere visto come un’ingerenza, ma un modo per mostrare il nostro interesse e il nostro apprezzamento per la democrazia israeliana”, ha detto Borrell.

LEGGI:  ​​Israele blocca la visita di Borrell in risposta alle critiche dell’UE

This was vepulsante di condivisione e-mail

condividi questo pulsante di condivisione

Sorgente: Is the EU a ‘key partner’ in starving, displacing and killing Palestinians? – Middle East Monitor


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.