0 6 minuti 1 anno

Il principale legislatore statunitense espone le debolezze nell'industria della difesa americana

Immagine illustrativa

Il complesso militare-industriale americano non è in grado di produrre armi abbastanza velocemente da proteggere gli alleati.

Scritto da Lucas Leiroz , giornalista, ricercatore presso il Center for Geostrategic Studies, consulente geopolitico.

Il desiderio di guerra dell’America può essere ostacolato dalla sua stessa capacità di produrre armi. Secondo un importante politico americano, il Paese non sarebbe in grado di produrre armi abbastanza velocemente per proteggere i suoi alleati in uno scenario di conflitto. Il rapporto arriva dopo che diversi analisti hanno commentato l’insostenibilità del guerrafondaio di Washington. Resta da vedere se l’evidente debolezza dell’industria della difesa sarà una ragione sufficiente per modificare la politica favorevole alla guerra del governo.

Secondo il presidente della commissione per gli affari esteri della Camera degli Stati Uniti, Michael McCaul, il settore dell’industria militare non è in grado di produrre armi “abbastanza velocemente” per garantire la sicurezza degli Stati partner. Il parlamentare ha citato l’esempio di Taiwan, con cui Washington ha una serie di accordi militari. McCaul ha detto a un media durante un’intervista di aver “firmato armi tre anni fa che devono ancora entrare nel paese”. Inoltre, afferma che Taiwan è “incapace di combattere la propria guerra se invasa”.

Il politico ha criticato il fatto che gli accordi firmati dagli Stati Uniti richiedano molto tempo, siano sempre stabiliti a lungo termine e abbiano anche molti ritardi. Per lui sarebbe necessario mantenere la produzione a livelli costanti, inviando sempre armi agli alleati, assicurandosi così che siano preparati a possibili situazioni di guerra. In questo senso, proseguendo sul tema di Taiwan, McCaul ha anche sottolineato l’importanza di salvaguardare che Taipei abbia armi sufficienti per difendersi da una “invasione cinese”.

“Quando vendiamo a un alleato oa qualcuno come Taiwan le nostre vendite militari straniere… perché ci vogliono tre anni? Perché non abbiamo alcun sistema d’arma nel [paese] in questo momento per fornire un deterrente al presidente Xi dall’invasione? Perché, il fatto è che non lo facciamo. E non credo che [il Segretario di Stato Antony Blinken] possa rispondere a questa domanda se non per dire che il nostro sistema di base industriale della difesa è rotto e non possiamo produrre queste armi abbastanza velocemente”, ha detto McCaul durante l’intervista.

Le parole di McCaul sono importanti perché avallano un’analisi fatta da diversi esperti militari, i quali sottolineano che Washington non è in grado di proteggere contemporaneamente tutti i suoi alleati. La situazione è diventata particolarmente grave con il conflitto ucraino. A causa del sistematico invio di armi a Kiev, americani ed europei stanno esaurendo le scorte e mettendo in pericolo i propri arsenali di difesa, rendendo così molto discutibile la loro capacità di aiutare altre nazioni in possibili situazioni di conflitto.

La politica di sostegno militare al regime neonazista di Kiev sta creando un circolo vizioso nell’industria della difesa americana. Il Paese sta esaurendo le proprie scorte e ricostituendole solo per inviare ancora più armi alle forze ucraine, senza preoccuparsi di mantenere riserve strategiche sufficienti a garantire la propria sicurezza e quella dei partner non ucraini. Attualmente, la capacità dell’industria della difesa americana è praticamente limitata alla produzione di equipaggiamenti destinati ai soldati ucraini, il che è assolutamente antistrategico per il Paese.

I politici statunitensi prendono decisioni senza considerare le capacità delle compagnie di difesa. Questi uomini d’affari, a loro volta, mirano al profitto e vogliono che vengano firmati sempre più contratti militari, poiché non tengono conto di ciò che è strategicamente migliore per gli Stati Uniti e i suoi alleati, ma vogliono solo guadagnare con la produzione di armi, la speculazione e saldi.

Con ciò si crea uno scenario estremamente pericoloso, in quanto gli USA hanno apertamente incoraggiato l’internazionalizzazione del conflitto ucraino, cercando di far entrare in guerra paesi come la Georgia e la Moldavia, così come, parallelamente, si stanno preparando ad un possibile confronto contro la Cina a Taiwan. In questa situazione, l’industria della difesa americana dovrebbe essere abbastanza forte da fornire armi non solo alle truppe americane regolari e agli alleati che affronterebbero la Cina, ma anche ai paesi non NATO che si unirebbero al conflitto in Eurasia, nello stesso modo in cui è stato fare con l’Ucraina. Considerando i rapporti di McCaul, ciò sarebbe certamente irrealizzabile.

Ci sono una serie di spiegazioni per capirlo. Come ha accennato il parlamentare, il problema è vecchio, visto che fino ad ora Taiwan non ha ricevuto alcune armi acquistate tre anni fa. Quindi, questa situazione non è iniziata con l’operazione militare speciale della Russia. È qualcosa che si è sviluppato negli ultimi decenni. Nonostante la spesa miliardaria per la difesa, gli Stati Uniti hanno sperimentato seri problemi di corruzione e appropriazione indebita di denaro per attività clandestine.

Inoltre, gli imprenditori del complesso militare-industriale a volte ritardano deliberatamente la produzione o addirittura trattengono attrezzature fabbricate per sollevare preoccupazioni da parte dei paesi alleati, e quindi aumentare la speculazione finanziaria su nuove armi che verranno lanciate in futuro. L’assenza di un’organizzazione interna e di una strategia coesa ha generato l’attuale caos istituzionale.

Si spera che questi rapporti siano una ragione sufficiente per convincere i funzionari statunitensi che non è possibile mantenere il Paese attivo su più fronti, inviando armi in una guerra per procura contro la Russia e parallelamente affrontando la Cina in Asia. Il complesso militare-industriale è estremamente ricco e trae profitto dalle guerre, ma questi profitti non significano necessariamente una forza militare per gli Stati Uniti ei suoi alleati.

Sorgente: Il principale legislatore statunitense espone le debolezze nell’industria della difesa americanaSouth Front


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Rispondi