0 11 minuti 1 anno

Edizione del 10 marzo 2023

A Cutro, tra proteste e lanci di peluche, il cdm approva il decreto immigrazione. Ruvida, Meloni assolve il governo e dichiara la lotta ai trafficanti «in tutto il globo». In attesa dei numeri dei flussi d’ingresso, espulsioni più facili e stretta sulla protezione speciale

Muro a mare
POLITICA

Muro a mare

Andrea Colombo

NAUFRAGIO DELL’UMANITÀA Cutro, tra proteste e lanci di peluche, il cdm approva il decreto immigrazione. Ruvida, Meloni assolve il governo e dichiara la lotta ai trafficanti «in tutto il globo». In attesa dei numeri dei flussi d’ingresso, espulsioni più facili e stretta sulla protezione speciale

COMMENTI

C’è una sola possibilità: tornare a Mare Nostrum

Enrico Pugliese

STRAGE DI CUTRONei commenti immediatamente successi alle sciagure c’è un copione unico: un vacuo dibattito caratterizzato dalla tesi secondo che i migranti sono vittime di una figura che ne determina le decisioni e ne organizza il viaggio spesso stimolandolo: gli scafisti o i «mercanti di carne »

POLITICA

Esposto in procura di oltre 40 associazioni

Redazione

Oltre 40 associazioni italiane e europee hanno presentato un esposto alla Procura di Crotone per chiedere di fare luce sul naufragio di Steccato di Cutro. «Davanti a così tanti morti […]

ITALIA

Scontro al vertice dell’Anpal servizi, la crisi delle «politiche attive del lavoro» in cifre

Roberto Ciccarelli

WORKFARE ALL’ITALIANAReddito di cittadinanza (e quello che verrà) nel caos. Il conflitto tra l’ex presidente di Anpal Servizi Cristina Tajani ed il governo contro la decisione del ministro del Lavoro Marina Calderone, adottata d’intesa con il Mef, di revocare il Cda della società. Pubblicati dall’Anpal i nuovi dati dei centri per l’impiego aggiornati al 31 dicembre 2022: oltre il 70% degli “occupabili” sono difficili da occupare, ma su di loro saranno scaricate le responsabilità del sistema

ITALIA

Cutro, la protesta silenziosa. Peluche contro le auto blu

Claudio Dionesalvi, Silvio Messinetti

IL CORTEO DI PALAZZO CHIGIUn drappo bianco sui balconi. Ma c’è anche chi urla «assassini» e «dimissioni» alla volta dei ministri. La carovana di governo non si ferma a visitare i parenti. Neppure un fiore in omaggio.

ITALIA

Un comitato contro i fascismi vecchi e nuovi

Mauro Ravarino

TORINOSono arrivati in tanti e tante, lunedì sera a Torino, all’assemblea pubblica autoconvocata alla Fabbrica delle E, sede del Gruppo Abele, per dare vita a una mobilitazione permanente e strutturata […]

EUROPA

La Gran Bretagna, spietata contro i migranti, ora vuole mano d’opera

Leonardo Clausi

ILLEGAL IMMIGRATION BILLL’Illegal Immigration Bill, la scialuppa di salvataggio razzista al quale il premier affida le sorti elettorali di una maggioranza conservatrice data – prematuramente? – per spacciata alle prossime elezioni è stato presentato ieri alla camera dei Comuni, ma la sua navigazione parlamentare si preannuncia perigliosa

CULTURA

Régis Jauffret racconta la nascita di Hitler

Guido Caldiron

L’INTERVISTAParla l’autore di «1889» (Clichy) che partecipa domenica a Book Pride. «Il dittatore è nato in una famiglia in cui le donne venivano abusate, sottoposte a violenza domestica. L’incesto e lo stupro erano diffusi. Lui era immerso in una atmosfera sordida e violenta». «Penso che la narrativa sia uno strumento di ricerca. Lo storico non penetra nella mente dei protagonisti, cosa che il romanziere si permette di fare. Anzi, credo che questa sia la sua funzione»

CULTURA

Le avventuriere di Lucie Azema

Alessandra Pigliaru

BOOK PRIDEIntervista alla giornalista e femminista francese sul suo libro «Donne in viaggio» (edito da Tlon) di cui discuterà domani a Milano nell’ambito della fiera degli editori indipendenti (da oggi al 12 marzo) sul tema «Nessun luogo è lontano». Secondo Azema: «Quando il destino di un uomo promette loro spazi esterni, quello delle donne è limitato all’interno e alla casa. Sono proprio questi muri che le esploratrici hanno voluto abbattere. Nei diari o resoconti maschili, assistiamo a una erotizzazione dei territori, come Polinesia o Asia»

CULTURA

Vera e Lucas, lontani ma vicini

Arianna Di Genova

LETTERATURA RAGAZZI«Dove finisce il mondo» dell’autrice russa Anna Desnitskaya. L’albo, edito da Donzelli, sarà da oggi nelle librerie. «Essermi allontanata dal mio paese è la cosa più dura che mi sia mai capitata. Amo così tanto Mosca, è la mia casa, tutta la mia famiglia ha vissuto lì fin dal 1917. Ma ora mi sembra che la mia adorata città sia ostaggio di un bandito»

COMMENTI

Spagna e Italia, due scelte contrapposte

Massimo Serafini

TRANSIZIONE ECOLOGICAIl governo di coalizione e di sinistra spagnolo ha deciso qualche giorno fa di dedicare 5000 KM2 dei suoi mari per installarvi turbine eoliche galleggianti, aspirando così a diventare il […]

RUBRICHE

L’animazione «acquatica» di Shigeru Tamura

Matteo Boscarol

MABOROSHIQuando si parla o si scrive di animazione giapponese, le prime immagini che vengono in mente sono inevitabilmente legate a serie animate o lungometraggi di un certo tipo, quelle che solitamente vengono accomunate al termine «anime».


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Rispondi