0 5 minuti 1 anno

La politicizzazione ha reso la traccia scientifica delle origini di COVID-19 una questione difficile da condurre, hanno affermato gli osservatori, dopo che un esperto senior dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha espresso frustrazione per la riluttanza degli Stati Uniti a condividere maggiori informazioni sulla traccia delle origini della malattia.

“Se un paese ha informazioni sulle origini della pandemia, è essenziale che tali informazioni siano condivise con l’OMS e la comunità scientifica internazionale”, ha dichiarato venerdì il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico del COVID-19 dell’OMS, ha twittato lo stesso giorno affermando di essere “profondamente frustrata” dal fatto che gli Stati Uniti non offrano ulteriori informazioni dai loro rapporti che valutano le origini del COVID-19.

“Noi [OMS] accogliamo con favore il sostegno degli Stati Uniti nella ricerca delle origini della pandemia di COVID-9 e nella prevenzione di future pandemie. Quello che state facendo non ci aiuta a raggiungere questo obiettivo”, ha scritto Maria.

“La ricerca delle origini dovrebbe essere puramente una questione di scienza, ma fin dall’inizio la questione si è mescolata con la politica. Spinti da interessi politici, abbiamo visto gli Stati Uniti - dalle accuse mosse dall’FBI al Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti - non ha mai smesso di politicizzare la questione”, ha dichiarato al Global Times un esperto senior del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie (China CDC), che ha chiesto l’anonimato.

“Sulla questione della tracciabilità delle origini, gli Stati Uniti hanno scelto di fingere di essere sordi nell’udire risposte basate sui fatti provenienti da altri paesi, e desiderano solo indagare su paesi che gli Stati Uniti sospettano, ma non consentono alla comunità internazionale di indagare su se stessa per essere un sospetto su questo argomento”, ha detto domenica al Global Times un esperto di Pechino specializzato in studi statunitensi a condizione di anonimato. 

La mentalità degli Stati Uniti nell’affrontare la questione della ricerca delle origini è esattamente la stessa di come affronta le questioni diplomatiche: detiene sempre una mentalità egemonica e doppi standard. Consentire alla propria comunità di intelligence di occuparsi di una questione scientifica dimostra chiaramente che gli Stati Uniti hanno politicizzato la questione, ha osservato l’esperto. 

“Dato il track record della comunità dell’intelligence statunitense nell’inventare storie, c’è poca o nessuna credibilità nelle loro conclusioni. Gli Stati Uniti non riusciranno a screditare la Cina rimaneggiando la teoria della ‘fuga di laboratorio’, ma danneggeranno solo gli stessi Stati Uniti reputazione”, ha confutato mercoledì il portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning. 

Gli Stati Uniti hanno ignorato le domande e le preoccupazioni della comunità internazionale sul suo Fort Detrick e sui laboratori biologici militari in tutto il mondo. Invece, è stato impegnato a confondere giusto e sbagliato facendo uso della sua voce forte e del dominio del potere del discorso, hanno detto gli esperti.

L’FBI ha recentemente affermato che le origini della pandemia sono molto probabilmente un potenziale incidente di laboratorio a Wuhan, nella provincia di Hubei nella Cina centrale. Il Wall Street Journal del 26 febbraio ha anche riportato in esclusiva che il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti aveva concluso che “la pandemia di COVID molto probabilmente è nata da una fuga di notizie di laboratorio”. Tuttavia, il rapporto è stato persino etichettato come fatto con “scarsa fiducia” dallo stesso Dipartimento dell’Energia, secondo quanto riferito dai media in precedenza.

Tedros ha anche affermato venerdì che “la continua politicizzazione della ricerca sulle origini ha trasformato quello che dovrebbe essere un processo puramente scientifico in un calcio geopolitico, il che rende solo più difficile il compito di identificare le origini e che rende il mondo meno sicuro”.

La politicizzazione del tracciamento delle origini ha reso difficile condurre l’indagine su base scientifica, ostacolando gli sforzi di scienziati, virologi ed esperti di salute di tutto il mondo per scoprire la verità, ha detto al Global Times un membro cinese del team congiunto OMS-Cina la domenica.

La Cina attribuisce grande importanza e partecipa attivamente alla cooperazione scientifica sulla tracciabilità globale, ma per risolvere questo problema scientifico serio e complesso, è necessaria una cooperazione scientifica globale, ha affermato l’esperto membro, chiedendo un atteggiamento aperto e trasparente da parte dei singoli paesi in materia.

Sorgente: Esperto dell’OMS “frustrato” per la riluttanza degli Stati Uniti a condividere informazioni sulla tracciabilità delle origini di COVID – Global Times


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.