Croce Rossa: è necessaria un’azione urgente nel nord-ovest della Siria per prevenire il collasso dei sistemi idrici – Middle East Monitor

Croce Rossa: è necessaria un’azione urgente nel nord-ovest della Siria per prevenire il collasso dei sistemi idrici – Middle East Monitor
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

La Croce Rossa ha avvertito che è necessaria un’azione urgente per prevenire il collasso dei sistemi idrici nel nord-ovest della Siria a seguito dei mortali terremoti che hanno colpito il paese il 6 febbraio.

Quasi 6.000 persone sono state uccise nel nord-ovest della Siria e altre migliaia sono rimaste ferite quando due terremoti hanno colpito la regione di confine insieme a Turkiye meridionale.

I danni diretti alle infrastrutture hanno aumentato il rischio che l’acqua contaminata possa inquinare l’approvvigionamento, afferma l’organizzazione internazionale, soprattutto perché il sistema idrico è già stato colpito da 12 anni di conflitto.

Parte del sistema fognario di Aleppo è crollato e le cisterne d’acqua sui tetti delle case sono state distrutte durante i terremoti, aumentando il rischio di malattie infettive.

Oltre cinque milioni di persone sono rimaste senza casa in tutta la Siria dopo i terremoti, il che significa che sempre più persone dipendono dallo stesso sistema idrico.

La Croce Rossa ha affermato che in un rifugio temporaneo ad Aleppo 850 persone condividono sette bagni.

GUARDA:  Sopravvissuto nel nord-ovest della Siria: “Ho visto la mia casa crollare e uccidere tutta la mia famiglia”

La mancanza di acqua pulita e servizi igienici sanitari ha portato i bambini a soffrire di gastroenterite acuta.

Solo il 50% dei sistemi idrici e fognari funziona correttamente nel paese.

Entro il 1 marzo,  due persone erano morte di colera nel nord-ovest della Siria  dopo i terremoti a causa di infrastrutture sanitarie e idriche danneggiate e linee fognarie.

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha affermato che l’epidemia è stata aggravata dalla grave carenza di acqua pulita in tutto il paese.

Dall’inizio dell’epidemia lo scorso anno, 22 persone sono morte di colera. Solo a febbraio sono stati registrati oltre 6.000 casi.

Verso la fine di febbraio, Medici Senza Frontiere (MSF)  ha lanciato una richiesta urgente di assistenza  per le persone nel nord-ovest della Siria.

L’ente di beneficenza ha chiesto un aumento immediato dell’assistenza, inclusi rifugi, acqua, attrezzature igienico-sanitarie e forniture mediche.

Sorgente: Red Cross: Urgent action needed in NW Syria to prevent collapse of water systems – Middle East Monitor

Spread the love
seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: