0 3 minuti 1 anno

L’Alto commissariato dell’Onu accoglie il ricorso presentato dai legali di Alfredo Cospito in merito alle condizioni detentive del proprio assistito

Importante novità sul caso riguardante Alfredo Cospito, l’anarchico in regime di 41 bis che, attualmente, sta seguendo uno sciopero della fame da 134 giorni. L’Alto commissariato dell’Onu per i diritti umani ha chiesto all’Italia di assicurare il rispetto in carcere della dignità e dell’umanità dell’anarchico.

La richiesta è arrivata il 1° marzo ed è stata notificata alla rappresentanza del governo italiano a Ginevra e al legale difensore Flavio Rossi Albertini, che lo scorso 25 febbraio, dopo il rigetto del ricorso per Cospito in Cassazione, aveva inoltrato una comunicazione individuale alla Commissione Diritti Umani nella quale denunciava le condizioni di detenzione del proprio assistito.

In attesa della decisione sul merito della petizione individuale presentata per Alfredo Cospito – fanno sapere in un comunicato il legale e il presidente di ‘A buon diritto’ Luigi Manconi – il Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite ha deciso di applicare una misura provvisoria che consiste nel richiedere all’Italia di assicurare il rispetto degli standard internazionali e degli articoli 7 (divieto di tortura e trattamenti o punizioni disumane o degradanti e divieto di sottoposizione, senza libero consenso, a sperimentazioni mediche o scientifiche) e 10 (umanità di trattamento e rispetto della dignità umana di ogni persona privata della libertà personale) del Patto internazionale sui diritti civili e politici in relazione alle condizioni detentive di Alfredo Cospito“.

Nonostante la richiesta dell’Onu, Manconi e Rossi Albertini fanno sapere che “nessuna iniziativa è stata assunta dal ministro della Giustizia per revocare o quantomeno migliorare la condizione detentiva di Cospito. Rappresenterebbe un grave precedente se la decisione adottata dal Comitato rimanesse lettera morta, se l’Italia emulasse l’indifferenza dimostrata per l’Onu dai regimi autocratici“.

Le misure urgenti – aggiungono -, che avrebbero un effetto immediato, vengono adottate dal Comitato quando sussiste il rischio imminente per la tutela dei diritti essenziali della persona e al fine di evitare danni irreparabili al ricorrente nelle more della decisione finale del Comitato. Il danno irreparabile sarebbe ad esempio la morte di Alfredo Cospito durante la detenzione“.

È chiaro – dichiarano in conclusione – che con questa azione la Commissione sta per la prima volta mettendo in dubbio la legittimità del regime 41 bis rispetto alle convenzioni internazionali. È molto difficile che l’Italia possa dimostrare che una detenzione a vita e in un regime di estremo isolamento stia garantendo il fine essenziale di ravvedimento e riabilitazione sociale“.

Sorgente: Caso Cospito, l’Onu accoglie il ricorso dell’anarchico sul 41 bis: ecco cosa deve fare l’Italia


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.