0 7 minuti 1 anno

Non c’è dubbio che il ripristino delle relazioni diplomatiche tra Arabia Saudita e Iran sia una notizia importante che ha sorpreso quasi tutti, nonostante le fughe di notizie su altre mediazioni regionali dell’Oman. Dall’aprile 2021, ad esempio, Baghdad ha ospitato cinque round di colloqui tra i due Paesi in lotta per l’influenza regionale e la leadership del mondo islamico. Tuttavia, l’unico vantaggio è stata la tregua nello Yemen, che più o meno regge ancora.

Improvvisamente, però, Pechino ha annunciato un accordo sotto i suoi auspici per l’Arabia Saudita e l’Iran per ripristinare le relazioni diplomatiche e riaprire le loro ambasciate entro pochi mesi. Perché tra due mesi e non subito? È per tastare il terreno e mostrare buone intenzioni? È un messaggio a Washington e Tel Aviv che stanno aspettando una risposta? O ci sono altri obiettivi?

Ci sono molte altre domande che circondano questo problema. Perché ora e quali saranno le ripercussioni regionali? Perché la Cina e non l’Oman o l’Iraq? Questo significa la fine delle guerre regionali per procura in Iraq, Yemen, Siria e Libano? L’accordo è tattico o strategico? Questo significa che l’Arabia Saudita sta guardando a est, lontano da Washington a causa delle politiche del presidente degli Stati Uniti Joe Biden nei confronti del Regno? Sì, Biden ha visitato Riyadh lo scorso luglio per placare il principe ereditario e sovrano de facto Mohammed Bin Salman, ma non ha ottenuto ciò che voleva e ha detto esplicitamente che gli Stati Uniti non lasceranno un vuoto in Medio Oriente da riempire con la Cina o la Russia, e che non permetterà mai loro di infiltrarsi in Medio Oriente. Il presidente cinese Xi Jinping ha visitato il Regno a dicembre e ha ricevuto un caloroso benvenuto,

LEGGI: ​​Reazioni alla ripresa dei legami tra Iran e Arabia Saudita – Citazioni

Tuttavia, secondo il portavoce della sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, gli Stati Uniti hanno apparentemente accolto con favore l’accordo tra Arabia Saudita e Iran. Ha detto che Washington spera che ciò significhi la fine della guerra nello Yemen e contribuisca a ridurre la tensione in Medio Oriente. Tuttavia, ha espresso dubbi sulla portata dell’impegno di Teheran nei confronti dell’accordo: “Resta davvero da vedere se gli iraniani onoreranno la loro parte dell’accordo”.

Sappiamo che la diplomazia internazionale spesso implica dire una cosa e farne un’altra, quindi forse questa dichiarazione mira a salvare la faccia agli Stati Uniti e dare l’impressione che l’accordo sia stato raggiunto con la conoscenza e la benedizione di Washington. È chiaro che non è piaciuto agli Stati Uniti e ha fatto arrabbiare Israele, soprattutto perché l’Arabia Saudita è vista come uno dei suoi alleati del Golfo in un asse strategico contro l’Iran. Sebbene un’alleanza saudita-israeliana non sia stata annunciata esplicitamente, le discussioni si svolgono a porte chiuse da almeno due anni. L’Arabia Saudita ha persino aperto il suo spazio aereo agli aerei israeliani dal luglio dello scorso anno. Supponendo che le ambasciate riaprano come concordato, vedremo aerei da guerra israeliani sorvolare l’Arabia Saudita per colpire l’Iran? La situazione sta ovviamente diventando più complicata, e il Regno è ancora preoccupato per il programma nucleare iraniano e ha aspettato un attacco USA-Israele alle sue strutture negli ultimi dieci anni. Riyadh si trova quindi ora in una posizione scomoda, anche se probabilmente spera che un attacco all’Iran non utilizzi lo spazio aereo saudita in modo da non essere coinvolto direttamente e affrontare ritorsioni iraniane.

LEGGI: ​​I legami politici tra Iran e Arabia Saudita porteranno al cessate il fuoco nello Yemen: Teheran

Riyadh ha interrotto i suoi rapporti con Teheran nel gennaio 2016, a seguito di un attacco alla sua ambasciata nella capitale iraniana e al suo consolato nella città di Mashhad, da parte di manifestanti contro l’esecuzione da parte del Regno del religioso sciita Nimr Al-Nimr. L’Iran e l’Arabia Saudita sono due potenze regionali e grandi esportatori di petrolio con importanti posizioni geopolitiche e strategiche in Medio Oriente. Le loro relazioni sono state spesso segnate dalla tensione, con occasionali riconciliazioni e miglioramenti relativamente di breve durata sin dal governo di Shah Muhammad Reza Pahlavi. Tuttavia, le loro differenze non erano ideologiche, e nessuno dei due usò la carta sunnita-sciita fino a dopo la vittoria della rivoluzione islamica iraniana nel 1979. Entrambi i paesi erano alleati degli Stati Uniti, che regolarono le loro relazioni, ma dopo il successo dell’Ayatollah Khomeini’

Le politiche e le relazioni estere di Teheran da allora si sono basate su questa ostilità, guidata da un’ideologia che si basa sull’esportazione della rivoluzione islamica e sulla competizione con l’Arabia Saudita per la leadership del mondo islamico. Ciò ha spinto l’Arabia Saudita a sostenere finanziariamente e militarmente l’ex leader iracheno Saddam Hussein nella sua guerra contro l’Iran che è durata otto anni fino a quando Khomeini “ha bevuto veleno”, come ha detto lui, e l’ha conclusa.

Ora pare che il principe ereditario saudita abbia anche “bevuto veleno” per porre fine all’allontanamento con l’Iran dopo aver fallito miseramente la sua guerra contro lo Yemen, durata otto anni senza raggiungere nessuno dei suoi obiettivi. È stato lui a minacciare l’Iran di portare la battaglia nel cuore di Teheran dopo che il Regno è stato colpito dai missili iraniani usati dagli Houthi dello Yemen, i delegati dell’Iran nello Yemen.

La decisione di Bin Salman di volgersi a est e di allontanarsi dall’orbita statunitense è, di per sé, una mossa strategica che comporta gravi rischi interni e potrebbe costargli molto, inclusa la sua terra e forse il suo trono. La mano dell’America poggia su tutte le istituzioni del Regno e Washington può cambiare l’intera scena saudita. Questo potrebbe essere il motivo per cui, è stato riferito , il principe saudita si offre di normalizzare con Israele in cambio della protezione degli Stati Uniti, dell’aiuto con un programma nucleare civile e della revoca delle restrizioni sulla vendita di armi.

Sorgente: Has Bin Salman ‘drank the poison’ to end the split with Iran? – Middle East Monitor


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.