0 5 minuti 1 anno

Pubblicato: 06 febbraio 2023 22:40

 

Il cacciatorpediniere per missili guidati USS Barry lancia un missile da crociera Tomahawk dalla prua della nave nel Mar Mediterraneo in questa foto della US Navy scattata il 29 marzo 2011. (Foto Reuters)

Il cacciatorpediniere per missili guidati USS Barry lancia un missile da crociera Tomahawk dalla prua della nave nel Mar Mediterraneo in questa foto della US Navy scattata il 29 marzo 2011. (Foto Reuters)

Stati Uniti e Giappone discuteranno del dispiegamento di nuove armi, inclusi missili a medio raggio, missili da crociera Tomahawk e armi ipersoniche a lungo raggio, in alcune isole giapponesi vicine alla Taiwan cinese con il pretesto della “difesa”, secondo alcuni resoconti dei media. Gli analisti militari cinesi avvertono che il piano rappresenta una seria minaccia per i paesi della regione, tra cui Cina, Corea del Nord e Russia. La Cina ha ragione ed è in grado di fornire una “risposta strategica” per contrastare il potenziale atto provocatorio, hanno osservato.   

Gli Stati Uniti hanno suggerito di schierare missili a medio raggio in Giappone come parte di un piano per rafforzare le “difese contro la Cina” lungo il Mar Cinese Orientale e Meridionale, secondo quanto riportato sabato dal quotidiano giapponese Sankei, citando persone non identificate coinvolte nelle relazioni USA-Giappone.

Song Zhongping, un esperto militare cinese e commentatore televisivo, lunedì ha dichiarato al Global Times che se il piano verrà finalmente realizzato, ciò significa che gli Stati Uniti intendono danneggiare ulteriormente la pace e la sicurezza regionali e stanno effettivamente pianificando interventi militari per interrompere il processo di riunificazione della Cina in futuro. 

“Il nuovo dispiegamento di missili statunitensi in Giappone rappresenterà una minaccia non solo per la Cina, ma anche per la Corea del Nord e la Russia nella regione. La Cina ha ragione a intraprendere un’azione strategica per rispondere se un atto così provocatorio e pericoloso viene compiuto dagli Stati Uniti, “Canzone notato. 

Il Tomahawk è un tipo di missile da crociera subsonico, e diverse varianti hanno gittate diverse, generalmente di circa 2.000 chilometri, il che significa che se schierato a Kyushu, il missile può coprire non solo l’isola di Taiwan e il Mar Cinese Orientale, ma anche la costa orientale costa della Cina continentale, ha detto lunedì al Global Times un esperto militare con sede a Pechino che ha chiesto l’anonimato.

Sebbene non ancora in servizio, negli Stati Uniti sono in corso numerosi progetti di missili ipersonici. Sono caratterizzati da velocità superiori a Mach 5 e possono accoppiarsi con i Tomahawk più lenti per vari scopi tattici, tra cui attaccare obiettivi nella Cina continentale e forze di sbarco anfibie dell’Esercito popolare di liberazione cinese (PLA), ha affermato l’esperto.

Mentre Washington intende schierare nuove armi per le forze statunitensi in Giappone, Tokyo sta anche pianificando di acquistare missili Tomahawk dagli Stati Uniti e sta sviluppando i propri missili ipersonici, secondo i resoconti dei media.

Riflette l’ovvio piano degli Stati Uniti e del Giappone per contenere militarmente la Cina e la loro intenzione di interferire con la forza nella questione di Taiwan, hanno detto gli analisti.

Tuttavia, il Giappone deve capire che gli Stati Uniti lo stanno usando come base operativa avanzata, in altre parole, il Giappone viene usato come carne da macello, ha detto l’esperto. “Se le forze statunitensi in Giappone e la Forza di autodifesa giapponese interferiscono nella questione di Taiwan, le installazioni militari da cui vengono lanciati attacchi sul suolo giapponese sono destinate a vedere decisi contrattacchi dalla Cina”, ha affermato.

Song ha detto che se quelle armi vengono dispiegate su quelle isole giapponesi vicino a Taiwan, saranno facilmente prese di mira e distrutte perché non hanno modo di funzionare su quelle piccole isole, e i missili trasportati dalle navi statunitensi e giapponesi rappresenteranno una minaccia maggiore durante tempo di guerra. 

Il Giappone è completamente all’interno del raggio d’attacco del PLA, poiché la Marina e l’Aeronautica del PLA effettuano regolarmente pattuglie vicino al Giappone e la PLA Rocket Force gestisce missili più avanzati, tra cui il missile ipersonico DF-17, il missile balistico anti-nave DF-21D , il missile da crociera subsonico DF-10A e il missile da crociera supersonico DF-100, hanno detto gli osservatori.

Sorgente: La Cina potrebbe “fare una risposta strategica” se gli Stati Uniti dispiegassero missili a medio raggio in Giappone – Global Times


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.