0 4 minuti 1 anno

Le carceri israeliane sono sempre state luoghi di oppressione, vessazioni e abusi. Sono stati creati a tale scopo per fungere da deterrente oltre che da punizione per tutti coloro che resistono all’occupazione e alle sue atroci politiche. Il fatto che il nuovo ministro della sicurezza nazionale, Itamar Ben-Gvir, sia un estremista di estrema destra e un intransigente suggerisce, tuttavia, che le arroganti e malvagie autorità di occupazione non hanno imparato nulla dall’aspro impegno con i palestinesi, specialmente i nostri prigionieri. Israele continua a costruire le sue politiche sull’aggressione e cerca nuovi modi per imporre l’oppressione criminale e uccidere lo spirito umano dentro di noi. In tal modo, può solo chiedersi quale perdita ne deriverà.

Questa è un’equazione di cui dobbiamo essere ben consapevoli. Cosa ha da perdere lo stato di occupazione in cambio della sua aggressione e dei suoi crimini contro i nostri prigionieri? Dobbiamo aspettare per vedere cosa potrebbe avere in serbo per loro e poi reagire? Nella migliore delle ipotesi, questo tornerebbe come stavano le cose e saremmo entrati in uno scantinato buio. È come il vecchio proverbio di qualcuno che ha chiesto un ampliamento della propria casa e il costruttore ha messo con loro una capra, un asino e una mucca. Il costruttore ha quindi fatto marcia indietro di fronte al reclamo del proprietario della casa e ha rimosso la capra, e il proprietario ha pensato di aver ottenuto qualcosa e di aver vinto.

I prigionieri palestinesi sono molto consapevoli della mentalità delle autorità di occupazione. Sanno esattamente come pensano e come gestire la lotta, che sia fuori o dentro il carcere. Sono vigili e cauti e sanno dove colpire. Ecco perché non hanno aspettato a lungo che il neofascista Ben-Gvir e questo governo estremista provassero le loro armi su di loro e poi rispondessero. Erano pronti; si unirono; e stabiliscono bene le nuove regole di ingaggio. I loro messaggi iniziarono ad arrivare e il loro slogan era dignità o martirio, uno slogan con molte grandi connotazioni e indicatori, mentre cominciavano a posizionarsi all’interno dei loro blocchi di celle. La loro dignità li ritrae chiaramente come prigionieri della libertà, con una giusta causa; e combatteranno fino alla fine per questa causa.

LEGGI: ​​Il mondo ha dimenticato i prigionieri palestinesi

I prigionieri sono anche ben consapevoli delle carte che hanno in mano; conoscono le proprie forze e le debolezze del nemico; e sanno come colpire i punti deboli. Ad esempio, i carcerati non hanno nulla da perdere se non qualche privilegio ottenuto dopo lunghe battaglie con la carceraria, mentre i carcerieri perdono molto di più. Le guardie non possono nemmeno prendersi una vacanza a causa della tensione e dello stato di emergenza nelle carceri, e questo le colpisce duramente. Inoltre, le guardie devono convivere con la paura e l’ansia per la potenziale violenza 24 ore su 24, 7 giorni su 7; sono terrorizzati.


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.