0 3 minuti 2 anni

Pubblico Chiunque su Facebook o fuori Facebook
Serata di proiezione, riflessione e confronto grazie all’ultimo film di Samantha Comizzoli “Non c’è più tempo”.
Dopo l’anteprima a Ravenna presso il Cinema Mariani, dove ha avuto il “tutto esaurito”, siamo alla prima proiezione del film.
Oltre a Samantha saranno presenti due degli attori, Simone Capula e Cinzia Laganà, la cantante lirica con la colonna sonora originale Gabriella Selvaggio e il tecnico del suono Lorenzo Alberti, che ci aiuteranno nel dibattito.
La serata sarà anche dedicata alla raccolta fondi per le spese legali di Alfredo Cospito e sarà occasione di dibattito sul 41 bis.
Anno 2022. Italia.
Sottotitoli in inglese e spagnolo di Giedre Steikunaite e Giojana Ruta Regia di Samantha Comizzoli
Aiuto regia Orazio Ruta
Scritto da Simone Capula e Samantha Comizzoli
Musiche colonna sonora originale di Gabriella Selvaggio
Con: Simone Capula, Cinzia Laganà, Orazio Ruta, Graziano De Gianni, Rossella Gambi, Francesco Capece, Adelaide Turchetti, Samuele Cilla, Giovanni Maria Serra.
Autoprodotto tramite Cor A Onlus e Produzioni Dal Basso In un “non luogo” e senza collocazione temporale, in una realtà senza telefoni cellulari né internet.
Simone e Cinzia vivono in una casetta in campagna, poco lontano dalla città. Hanno i loro campi dove coltivano qualche ortaggio e vivono in completa armonia fra di loro e con la natura che li circonda. Simone, contadino, ma anche poeta. Adelaide, Orazio, Francesco e Samuele vivono assieme in un appartamento in città; alcuni di loro studiano, altri lavorano. Rossella e Giovanni sono due giovani in carriera in una società privata convenzionata col governo; il loro compito è la confisca/esproprio delle terre, ai privati, per interesse pubblico. Graziano è un senza-tetto che affronta la vita in libertà e con la metodicità nel trovare una panchina sulla quale dormire e un po’ di cibo nei bidoni della spazzatura. Questi diversi modi di vivere si incroceranno fra di loro per un grande cambiamento che da alcuni sarà visto come l’arrivo di Dio in terra, da altri come la fine del mondo. L’intento è di spiegare alle nuove generazioni come si viveva senza cellulare/internet, e ricordarlo, altresì, alle generazioni più cresciute. L’occhio dello spettatore non trova una linea netta di cattivo/buono, ma piuttosto sarà spinto ad una riflessione sui diversi modi di vivere.

Sorgente: Non c’è più tempo (un film di Samantha Comizzoli) | Facebook


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.