0 3 minuti 2 anni

Il generale Qolamreza Soleimani, capo dell’Organizzazione Basij, ha dichiarato che i Paesi nemici hanno usato una “guerra ibrida” contro l’Iran nei recenti disordini.

Parlando mercoledì mattina davanti a un gruppo di membri del Basij a Teheran, il generale Soleimani ha affermato che la “sedizione delle rivolte” avrebbe dovuto iniziare contemporaneamente all’inizio dell’anno accademico in Iran, ma è avvenuta prima. “47 agenzie di spionaggio hanno intrapreso una guerra ibrida contro la Repubblica Islamica dell’Iran”, ha sottolineato il generale.

I disordini in Iran sono scoppiati dopo che Mahsa Amini è svenuta in una stazione di polizia il 13 settembre ed è morta tre giorni dopo in ospedale. Le autorità forensi iraniane hanno indagato sulla causa della morte e hanno confermato che è morta per una malattia cronica.

Alcuni media stranieri hanno sfruttato la morte della giovane per incoraggiare disordini in tutto il Paese. Le violenze hanno provocato la morte di decine di forze di sicurezza e gente comune. Il generale Soleimani ha fatto eco alla valutazione dell’intelligence iraniana secondo cui i disordini sono stati istigati da Paesi stranieri.

Ingerenza straniera in Iran durante i disordini

Due delle principali agenzie di intelligence iraniane hanno pubblicato un lungo rapporto che descrive in dettaglio l’ingerenza straniera in Iran durante i disordini. Il leader della Rivoluzione Islamica, l’Ayatollah Seyed Ali Khamenei, ha affermato in varie occasioni che gli Stati Uniti e alcuni dei suoi alleati erano coinvolti nei disordini dell’Iran.

In un discorso di inizio ottobre, il Leader aveva affermato che le rivolte scoppiate in seguito alla morte di Mahsa Amini erano state pianificate dal nemico. Le violenze sono scoppiate prima che potessero svolgersi le indagini, prima che tutto fosse ancora certo. Ma ciò che insospettisce sono gli obiettivi dei cosiddetti “rivoltosi”. Infatti, sono stati distrutti centri medici, oltre 60 ambulanze, moschee, banche, stazioni di polizia e ogni bene pubblico a portata di mano. Ma per l’Occidente (che li finanzia) questi criminali sono “combattenti per la libertà”.

“Questa non è stata una risposta naturale. Queste rivolte erano pianificate. Se l’incidente con la giovane Amini non fosse avvenuto, avrebbero trovato un’altra scusa per creare insicurezza e rivolte nel Paese”, ha dichiarato l’Ayatollah Khamenei.

Sorgente: Iran: 47 agenzie di spionaggio implicate nelle violenze – Il Faro sul Mondo


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.