0 9 minuti 1 anno

Edizione del 31 gennaio 2023

Alfredo Cospito trasferito a Milano e ricoverato nel carcere di Opera, resta però al 41 bis. Il consiglio dei ministri affronta il caso ma se ne lava le mani. «Si deciderà nelle sedi appropriate», cioè le Corti. Per il governo di destra-destra torna il «pericolo anarchico per lo Stato»

Anarcord

Anarcord

Eleonora Martini

Alfredo Cospito trasferito a Milano e ricoverato nel carcere di Opera, resta però al 41 bis. Il consiglio dei ministri affronta il caso ma se ne lava le mani. «Si deciderà nelle sedi appropriate», cioè le Corti. Per il governo di destra-destra torna il «pericolo anarchico per lo Stato»

COMMENTI

Cospito, è urgente un provvedimento del ministro

Livio Pepino

Il copione è noto e sperimentato: l’aggravarsi delle condizioni di salute di Alfredo Cospito sollecita un intervento per salvarne la vita (revoca, quantomeno interlocutoria, del regime di 41 bis); intervengono […]

POLITICA

Un nuovo patto sociale per democratizzare il Metaverso

Stefano Bocconetti

Il convegno promosso dal Garante della privacy in occasione della Giornata europea della protezione dei dati personali per analizzare le problematiche legate all’impatto che il nuovo “habitat” digitale avrà sulle relazioni sociali e sui comportamenti dei singoli

POLITICA

Con Bonaccini il ritorno al futuro del renzismo

Andrea Carugati

Dietro i nuovi rayban di Bonaccini si ripropone la vecchia minestra, come in una scena di Ritorno al futuro: ricette blairiane, fighettismo spacciato per modernità, peana alla crescita e alle imprese

ECONOMIA

Sul fondo europeo Meloni si scontra il «sovranismo» della Germania

Mario Pierro

La presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha incontro quello del Consiglio europeo, Charles Michel, a Roma e alla Fortezza Europa ha chiesto più cooperazione nelle politiche anti-migranti. Il problema della Germania che si oppone alla richiesta di una politica di bilancio europea. Venerdì sarà a Berlino per parlarne con il Cancelliere Scholz

CULTURA

Shruti Swamy, un’epica quotidiana e porosa

Giorgia Sallusti

Intervista con la scrittrice statunitense sulla sua raccolta «Una casa è un corpo», edita da Racconti. «Le storie come quelle del Ramayana resistono nel tempo perché sono particolari e complesse. Come figlia di immigrati indiani, ho esitato a rivendicare le mie origini chiedendomi se, come americana, avessi il diritto di farlo. Il racconto è un flash che dura un attimo nell’oscurità, o un temporale che passa intenso ma veloce. Il romanzo è più tecnico»

VISIONI

Al Sundance tra affari, scoperte e storie

Giulia D’Agnolo Vallan

Si è concluso il festival statunitense, i premi hanno riflettuto la linea contenutistica attenta al sociale. Le scelte dei distributori, il primato delle piattaforme, il ritorno in presenza


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.