0 6 minuti 2 anni

Una donna gesticola mentre lavora in un’area colpita dalla siccità a Mandera, in Kenya. I residenti locali tentano di lottare per i bisogni di acqua e cibo nello stato  [Foto: AFP]

Inondazioni catastrofiche, siccità che avvizziscono i raccolti e ondate di caldo record nel 2022 hanno dimostrato che gli allarmi sui cambiamenti climatici stanno diventando sempre più realtà e questo è “solo l’inizio”, affermano gli esperti, mentre gli sforzi internazionali per ridurre le emissioni di riscaldamento del pianeta falliscono.

L’anno ha visto alcuni importanti progressi, con una nuova legislazione importante e un accordo ai colloqui delle Nazioni Unite per aiutare i paesi vulnerabili a far fronte a un assalto crescente di impatti climatici devastanti. 

Ma l’obiettivo di mantenere il riscaldamento entro un limite più sicuro di 1,5 C dall’era preindustriale appare in pericolo, con le emissioni di anidride carbonica da combustibili fossili – il principale motore del riscaldamento globale – sulla buona strada per raggiungere il massimo storico nel 2022.

Il capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha avvertito i leader mondiali in un vertice sul clima in Egitto a novembre che l’umanità deve affrontare una dura scelta tra lavorare insieme nella battaglia contro il riscaldamento globale o “suicidio collettivo”. 

Hanno scelto di rimandare le decisioni più importanti per un’altra volta, dicono gli osservatori. 

L’anno 2022 Gli esperti di scienze climatiche delle Nazioni Unite hanno lanciato il loro più forte avvertimento sui pericoli che le persone e il pianeta devono affrontare, con un rapporto storico sugli impatti climatici a febbraio soprannominato un “atlante della sofferenza umana”.

Da allora una serie di eventi estremi ha illustrato i pericoli in accelerazione del cambiamento climatico, con appena 1,2 gradi di riscaldamento.

Le ondate di caldo record hanno danneggiato i raccolti dalla Cina all’Europa, mentre la siccità ha portato milioni di persone al punto di morire di fame nel Corno d’Africa.

Le inondazioni sovraccaricate dai cambiamenti climatici hanno travolto il Pakistan, colpendo 33 milioni di persone e causando danni e perdite economiche per circa 30 miliardi di dollari.

“L’anno 2022 sarà uno degli anni più caldi sulla Terra, con tutti i fenomeni che accompagnano temperature più elevate”, ha affermato il climatologo Robert Vautard, capo dell’Istituto francese Pierre-Simon Laplace. “Purtroppo, questo è solo l’inizio.”

L’anno 2022 è sulla buona strada per essere il quinto o il sesto più caldo mai registrato nonostante l’impatto, dal 2020, di La Nina, un fenomeno periodico e naturale nel Pacifico che raffredda l’atmosfera. 

Quando questo fenomeno si invertirà, potenzialmente entro pochi mesi, il mondo probabilmente raggiungerà un “nuovo livello” di riscaldamento, ha affermato Vautard.

Ancora inquinante

Gli estremi climatici che colpiscono l’economia, che hanno amplificato l’impennata dei prezzi dell’energia per molti paesi, hanno fatto da sfondo ai colloqui sul clima delle Nazioni Unite ad alto rischio di novembre in Egitto. I negoziati hanno fatto la storia, con i ricchi inquinatori che hanno accettato un fondo per pagare i danni climatici sempre più scatenati sui paesi più poveri. 

Il ministro del clima pakistano Sherry Rehman ha definito la mossa un “acconto sull’investimento più lungo nel nostro futuro comune”. 

Ma le nazioni e gli attivisti vulnerabili hanno affermato che la conferenza non è riuscita a realizzare le riduzioni delle emissioni necessarie per frenare le perdite e i danni climatici in futuro.

“La COP27 ha affrontato le conseguenze del cambiamento climatico, ma non la causa: i combustibili fossili”, ha affermato Harjeet Singh del Climate Action Network.

Per mantenere in vigore il limite di 1,5°C, le emissioni di riscaldamento del pianeta devono essere ridotte del 45% entro il 2030 e portate a zero entro la metà del secolo. 

Ai colloqui delle Nazioni Unite del 2021 a Glasgow, le nazioni sono state esortate ad aumentare i loro impegni di riduzione delle emissioni.

Ma solo circa 30 paesi hanno ascoltato l’appello, lasciando il mondo sulla buona strada per riscaldarsi di circa 2,5 C.

Il “pronto soccorso” 

Guterres ha denunciato il fallimento dei colloqui sul clima per affrontare i drastici tagli alle emissioni necessari, aggiungendo: “Il nostro pianeta è ancora al pronto soccorso».

Un incontro decisivo a Montreal a dicembre mirava ad affrontare un’altra crisi esistenziale che affligge il pianeta – la perdita di biodiversità – poiché l’attività umana danneggia gravemente la natura. Le nazioni hanno concordato una tabella di marcia per invertire decenni di distruzione ambientale che minacciano le specie e gli ecosistemi terrestri e oceanici che forniscono il supporto vitale della Terra. 

Guterres ha salutato l’accordo come un “patto di pace con la natura”, ma alcuni ambientalisti hanno avvertito che il piano non è andato abbastanza lontano.

Una serie di traguardi climatici potenzialmente cruciali si estenderà fino al 2023.

Questi includeranno gli incontri primaverili del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale, a seguito di “una richiesta formale di esaminare il sistema finanziario internazionale e di rivedere il ruolo delle istituzioni finanziarie internazionali” dai colloqui sul clima in Egitto, ha affermato Laurence Tubiana, che guida il Consiglio europeo Fondazione per il clima. 

La prossima riunione delle Nazioni Unite sul clima nel novembre 2023, che si terrà negli Emirati Arabi Uniti, paese esportatore di combustibili fossili, vedrà la pubblicazione di un “bilancio globale” dei progressi compiuti sull’obiettivo dell’accordo di Parigi del 2015 di limitare il riscaldamento ben al di sotto dei 2°C, e preferibilmente di 1,5°C. Tubiana , 

artefice chiave dell’accordo di Parigi, ha affermato che i colloqui a Dubai saranno probabilmente dominati dalla discussione sull’industria petrolifera e del gas e sul suo contributo finanziario. 

È probabile che la questione crei “grande tensione”,

Sorgente: Dopo un anno di disastri climatici, il mondo è fuori strada per frenare il riscaldamento – Global Times


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.