0 2 minuti 2 anni

La quarta dose di anti Covid con il vaccino bivalente Pfizer, detto anche aggiornato, non è esattamente una passeggiata. Gli effetti collaterali sono più pesanti (ancora più pesanti, si potrebbe dire) rispetto alla quarta dose con la versione originale del preparato.

Lo dice un preprint fresco di pubblicazione su Medrxiv, un sito internet specializzato nella diffusion di ricerche mediche in anteprima. Il termine preprint indica uno studio non ancora sottoposto alla revisione fra pari indispensabile per approdare su una rivista scientifica. Gli autori tuttavia hanno uno spessore e un’autorevolezza ben diversa da quella dei Signori Nessuno. Sette di loro lavorano all’ospedale universitario di Wuerzburg, in Germania; l’ottavo, all’Università di Oxford, in Gran Bretagna.

Il vaccino bivalente, o aggiornato, è quello studiato per la variante Omicron del virus – la più lieve – che attualmente è ovunque dominante.

I risultati del preprint su Medrxiv si sommano alla stroncatura del bivalente ad opera della prestigiosa rivista scientifica Nature: la protezione contro la variante Omicron offerta dai vaccini aggiornati è più o meno la stessa di quella che abbiamo potuto apprezzare – si fa per dire – con la versione originaria del preparato. Si sommano anche ad un’altra stroncatura, quella pubblicata dal Wall Street Journal, nientepopodimeno.

Comunque, se qualcuno volesse ugualmente offrire il braccio alla siringa, il preprint gli dà l’idea di ciò che lo aspetta.

Il lavoro ha preso in esame gli effetti secondari che la quarta dose ha mostrato su 76 operatori sanitari. Un gruppo piccolo, questo sì, ma a sua volta suddiviso in due sottogruppi abbastanza omogenei per consistenza numerica, età e sesso.

Sorgente: Bivalente, quarta dose: “Effetti avversi all’84%” – Visione TV


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.