0 5 minuti 2 anni

I SOLDI MUOVONO IL MONDO (CAPITALISTA)

di Bruno Steri

Tutto arriva come un improvviso terremoto; ma in realtà erano anni che il fuoco stava covando sotto la cenere. Un ex segretario della Camera del Lavoro di Milano (sic!), ex parlamentare Ue e dirigente Pd poi transitato in Articolo 1, lui con tutta la famiglia è denunciato da un’inchiesta internazionale per corruzione e riciclaggio. In sede Ue, ha preso soldi dal Qatar (in casa gli trovano 600 mila euro in contanti) per incensare l’organizzazione qatariana dei Mondiali di calcio e nascondere 6500 lavoratori immigrati morti ammazzati nel costruire stadi da favola (ma altre statistiche parlano per il Qatar di 15 mila morti di cittadini stranieri dal 2014 ad oggi). Con lui anche la vicepresidente greca dell’Unione europea (ancora sic!) e uno stuolo di altri signori tra cui un altro italiano, ex dirigente della Uil in Friuli. Attenzione: questo è solo l’ultimo lembo di uno scandalo che inizia nel 2010, dall’assegnazione dei mondiali al Qatar. Restiamo impietriti davanti a quella che si presenta come una sconvolgente follia, se si pensa che queste persone erano responsabili di istituzioni che si occupano di “diritti umani”: è raccapricciante notare che Antonio Panzeri, questo il nome dell’ex sindacalista Cgil, era appunto presidente della sottocommissione Ue per i Diritti umani. Dobbiamo essere chiari: stiamo parlando di vertici della politica, difficile (ed anche un po’ ipocrita) sarebbe limitarsi a parlare di una sfortunata vicenda di disonestà individuale. Questa vicenda, esplosa su una scena che è ad un tempo politica, etica, giuridica, non può non porre inquietanti interrogativi su ciò che è l’Unione europea e su cosa è diventato il Pd. Siamo troppo ideologici se constatiamo con amarezza che la società capitalistica e i suoi (dis)valori riescono ad inquinare – oltre alla politica – anche un gioco popolare e divertente quale pure è per molti il calcio?

Le persone in questione sono oggi in stato di fermo e sottoposte ad interrogatorio: i prossimi giorni diranno se le accuse mosse risulteranno confermate. Va comunque ribadito che non si può affatto parlare di un caso sopraggiunto come un fulmine a ciel sereno. Ben prima dell’inizio dei Mondiali, il Fatto quotidiano (9 luglio 2022) riportava l’eclatante denuncia di Abdullah Zouhair, giurista esperto di diritto del lavoro ed ex dirigente dell’ILO (l’Organizzazione Mondiale del Lavoro) in un’intervista concessa ad un giornale francese: “Patto segreto tra Nazioni Unite e Qatar per coprire lo sfruttamento nei cantieri”. In effetti, dal momento dell’assegnazione dei mondiali di calcio al Qatar, testate prestigiose come The Guardian e riconosciute associazioni come Amnesty International avevano denunciato scandali e corruzione nel percorso di avvicinamento all’evento. Da parte sua, il Qatar aveva fatto scorrere fiumi di dollari per la sua promozione. Nel mirino dei critici era posta in particolare la cosiddetta “kafala”, una sorta di salvacondotto per l’accesso di lavoratori stranieri in Qatar, garantito da un’azienda qatariota che diviene in tal modo padrona del destino, delle condizioni di lavoro di quei lavoratori. Il funebre conteggio dei morti ha reso conto della disumanità di tali condizioni. Quando nel 2014 il governo di Doha – preoccupato di mantenere un’aura festosa e di dissolvere preventivamente qualsiasi ombra – si rivolse all’ILO, dovette confrontarsi con Zouhair, il quale però restò fermo nella richiesta di abolizione della Kafala. Conclusione: Abdullah Zouhair e le altre due persone cui era affidato il dossier Qatar si trovarono da un giorno all’altro licenziate; il programma organizzativo per il lancio dei mondiali è ripartito senza intralci (della kafala è stato formalmente abolito il nome, ma non la realtà concreta, rimasta senza alcun controllo serio e indipendente), tutto è ripreso con l’accordo della stessa ILO, la quale nel frattempo beneficiava di “25 milioni di dollari in supporto tecnico, a carico del Qatar”. La morale corrente ci dice che i soldi muovono il mondo: non hanno però smosso Abdullah Zouhair; e noi comunisti siamo con lui.

Sorgente: I SOLDI MUOVONO IL MONDO (CAPITALISTA) – Marx21


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.