Seguiteci su Telegram https://t.me/Nuovaresistenza on Telegram
22 July 2024
0 3 minuti 2 anni

Prigionieri di Erbil in condizioni terribili dopo aver iniziato lo sciopero della fame

4 minuti di lettura

28 luglio 2022
“Siamo prigionieri di coscienza nella regione del Kurdistan poiché abbiamo difeso la libertà di parola, le libertà civili e la posizione contro l’occupazione e i bombardamenti turchi”, hanno affermato i prigionieri in una copia della loro lettera inviata alla TNA.   

CondividiLavagna a fogli mobiliRedditWhatsAppCinguettioFacebook

Prigionieri condannati appendono le mani attraverso le sbarre di una cella di prigione nella città curda di Erbil il 25 febbraio 2004. [Getty]

Le autorità della regione del Kurdistan iracheno hanno sospeso il rilascio condizionale di diversi giornalisti e attivisti curdi che avevano scontato due terzi delle loro pene detentive, hanno detto mercoledì avvocati e attivisti per i diritti umani.   

Si stanno deteriorando le condizioni di salute di cinquantadue giornalisti e attivisti curdi in una prigione nella regione del Kurdistan iracheno (IKR) dopo che hanno lanciato scioperi della fame per protestare contro la sospensione della loro condizionale da parte di un partito al potere a Erbil, detenuti, avvocati e gruppi per i diritti raccontato in esclusiva a The New Arab .  

I prigionieri, la maggior parte dei quali sono stati condannati per “aver messo in pericolo la sicurezza nazionale” in base a quelle che molti considerano accuse di matrice politica, sono attualmente tenuti dietro le sbarre nella prigione riformata per adulti di Erbil, amministrata dal ministero del lavoro del governo regionale del Kurdistan (KRG). e affari sociali.

Le autorità carcerarie avrebbero anche negato agli avvocati il ​​diritto di incontrare i loro clienti.  

MENA

“Siamo prigionieri di coscienza nella regione del Kurdistan poiché abbiamo difeso la libertà di parola, le libertà civili e la posizione contro l’occupazione e i bombardamenti turchi”, hanno detto i prigionieri in una lettera, una copia della quale è stata inviata alla TNA .

“Abbiamo iniziato uno sciopero della fame poiché l’accusa generale della regione del Kurdistan non è pronta ad ammettere il nostro diritto legale alla libertà condizionale ai sensi dell’articolo 331 del codice di procedura penale iracheno. C’è un’interferenza di parte negli affari giudiziari per privarci della nostra diritto di essere rilasciato dopo aver completato quasi i due terzi dei nostri termini”, ha aggiunto la lettera.  

Centinaia di altri manifestanti dell’area di Badinan nella provincia di Duhok sono stati arrestati dal Consiglio di sicurezza della regione del Kurdistan (KRSC) dopo una serie di proteste antigovernative emerse a Dohuk nel 2020. 

Sorgente: Prigionieri di Erbil in gravi condizioni dopo lo sciopero della fame


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot