PCHR: “Violazioni israeliane dei diritti umani nei territori palestinesi occupati” – – IMEMC News

PCHR: “Violazioni israeliane dei diritti umani nei territori palestinesi occupati” – – IMEMC News

18 Novembre 2022 0 Di ken sharo
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

 17 NOVEMBRE 2022

Il Centro Palestinese per i Diritti Umani (PCHR): (Aggiornamento settimanale 10 – 16 novembre 2022)

Violazione del diritto alla vita e all’integrità fisica:

Una ragazza palestinese è stata uccisa e sei palestinesi, tra cui un bambino e un attivista della solidarietà internazionale, sono rimasti feriti, mentre dozzine di altri sono stati soffocati negli attacchi delle forze di occupazione israeliane (IOF) in Cisgiordania, compresa Gerusalemme est occupata. I dettagli sono i seguenti:

 Il 14 novembre 2022,  le Foi hanno ucciso Fulla Rasmi ‘Abdul al-‘Aziz Masalmah (16) e ferito Anas Suliman Hassounah (26) con un proiettile nella spalla sinistra e poi lo hanno arrestato.

Questo incidente è avvenuto dopo che le Foi hanno aperto il fuoco contro un gatto Hyundai con targa gialla guidato da Hassounah con la ragazza seduta accanto a lui nel quartiere delle scuole nel villaggio centrale di Beitunia, a ovest di Ramallah, dove le Foi pattugliavano la zona.

Le Foi hanno affermato che l’auto di cui sopra ha cercato di investire i soldati israeliani e l’autista non ha obbedito agli ordini dei soldati di fermarsi, quindi hanno aperto il fuoco contro l’auto, ferendo la ragazza alla schiena con un proiettile vivo che le si è piantato nel petto. Non c’erano testimoni oculari nella zona al momento dell’incidente, poiché è avvenuto all’alba, ma i filmati pubblicati sui social medica mostravano le Foi che aprivano il fuoco contro il veicolo da dietro. 

Nel frattempo, i feriti sono stati vittime dell’uso eccessivo della forza che ha accompagnato le incursioni delle Foi nelle città e nei villaggi, o la repressione delle proteste pacifiche organizzate dai civili palestinesi, ed erano i seguenti:

L’11 novembre 2022 , tre palestinesi e un attivista della solidarietà internazionale sono stati colpiti da proiettili di metallo rivestiti di gomma durante la repressione da parte delle Foi della protesta settimanale di Kafr Qaddoum nel nord di Qalqilya.

Lo stesso giorno, dozzine di palestinesi sono stati soffocati a causa dell’inalazione di gas lacrimogeni e delle ferite riportate da schegge di granate assordanti durante gli scontri con le Foi vicino all’area di Bab al-Zawiyia a Hebron.

Il 14 novembre 2022,  tre palestinesi, tra cui 2 bambini, hanno riportato fratture e contusioni quando le Foi hanno attaccato i palestinesi, che stavano raccogliendo ulivi nel loro terreno agricolo a Dura a Hebron. Inoltre, le Foi hanno sparato lacrimogeni e granate assordanti contro i palestinesi dopo che questi ultimi avevano sradicato le piantine di ulivo piantate da un colono nella loro terra.

Il 14 novembre 2022 , un bambino di 14 anni è stato colpito da un proiettile alla gamba destra durante gli scontri con le Foi, che hanno istituito un posto di blocco militare temporaneo all’ingresso nord del villaggio di Teqoa, a est di Betlemme.

Nella Striscia di Gaza, sono state segnalate 3 sparatorie su terreni agricoli nella parte orientale della Striscia di Gaza e 5 sparatorie su pescherecci al largo della costa occidentale di Gaza, soprattutto nel nord della Striscia di Gaza.

Finora nel 2022, gli attacchi delle Foi hanno ucciso 165 palestinesi, inclusi 111 civili: 34 bambini, 8 donne, 2 palestinesi uccisi dai coloni israeliani e il resto erano attivisti; 17 di loro furono assassinati. Inoltre, centinaia di palestinesi, tra cui donne e bambini, sono rimasti feriti negli attacchi delle Foi nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania. Inoltre, 5 detenuti palestinesi, tra cui una donna, sono morti nelle carceri israeliane.

Rasature, demolizioni e avvisi

Le Foi hanno demolito due case agricole, costretto un palestinese ad autodemolire la sua casa e confiscato attrezzature agricole e un generatore in Cisgiordania, compresa Gerusalemme est occupata. I dettagli sono i seguenti:

L’11 novembre 2022 , le Foi hanno costretto un palestinese ad autodemolire la sua casa di 70 mq che ospitava una famiglia di 4 persone, tra cui una donna e 2 bambini, nel villaggio di Beit Safafa nella Gerusalemme est occupata, con il pretesto di costruzione senza licenza.

Il 13 novembre 2022 , le Foi hanno demolito due abitazioni agricole costruite con lamiere e acciaio e pannelli solari, sfollando due famiglie di 9 persone, tra cui 2 donne e 5 bambini, con il pretesto di costruzione senza licenza.

Lo stesso giorno, ufficiali dell’Amministrazione e dell’Organizzazione israeliana, sotto la protezione delle Foi, hanno confiscato lastre di latta, colonne d’acciaio e un generatore appartenenti a un palestinese, che intendeva costruire una baracca di latta per il suo bestiame nella città di Yatta a Hebron.

Dall’inizio del 2022, le forze di occupazione israeliane hanno reso senzatetto 131 famiglie, per un totale di 767 persone, tra cui 151 donne e 343 bambini Questo è stato il risultato della demolizione da parte delle Foi di 147 case e di molte tende residenziali e agricole. Le Foi hanno anche demolito altri 93 oggetti economici civili, spianato aree di terra libere e consegnato dozzine di avvisi di demolizione, cessazione della costruzione ed evacuazione.

Attacchi dei coloni contro i civili palestinesi e le loro proprietà:

I coloni israeliani hanno condotto 4 attacchi contro veicoli palestinesi in diverse aree della Cisgiordania. I dettagli sono i seguenti:

Il 14 novembre 2022 , i coloni israeliani si sono trasferiti nel villaggio di Haris a Salfit, a nord della Cisgiordania, e hanno bruciato quattro veicoli appartenenti agli abitanti del villaggio.

Il 15 novembre 2022,  coloni israeliani hanno attaccato e appiccato il fuoco a un veicolo appartenente a un palestinese che stava tornando dal villaggio di ‘Attil nel nord di Tulkarm a Nablus.

Lo stesso giorno, i coloni israeliani hanno intercettato un autobus per un viaggio di donne a Hebron e gli hanno impedito di muoversi per alcune ore, incutendo timore tra i passeggeri.

Il 16 novembre 2022 , coloni israeliani hanno lanciato pietre contro quattro veicoli vicino al villaggio di Ramin, a est di Tulkarm, rompendone i finestrini. Lo stesso giorno, coloni israeliani hanno danneggiato un veicolo appartenente a un medico palestinese vicino al villaggio di Jit a Qalqilya.

Dall’inizio dell’anno, i coloni hanno condotto almeno 236 attacchi. In due degli attacchi, 2 palestinesi sono stati uccisi.

Incursioni IOF e arresti di civili palestinesi:

Le Foi hanno effettuato 35 incursioni in Cisgiordania, inclusa Gerusalemme est occupata. Tali incursioni includevano incursioni e perquisizioni di case e strutture civili e istituzione di posti di blocco. Durante quelle incursioni, 62 palestinesi furono arrestati.

Finora , nel 2022, le Foi hanno condotto 7.748 incursioni in Cisgiordania, inclusa Gerusalemme est occupata, durante le quali sono stati arrestati 4.393 palestinesi, tra cui 421 bambini e 43 donne. Le Foi hanno anche condotto 33 incursioni limitate nella parte orientale della Striscia di Gaza e arrestato 95 palestinesi, inclusi 58 pescatori, 32 infiltrati e 5 viaggiatori attraverso il valico di Beit Hanoun “Erez”.

 

 

 

Punizione collettiva israeliana e politica di chiusura e restrizioni alla libertà di movimento:

 

Nel frattempo, le Foi mantengono la loro illegale e disumana chiusura di 15 anni sulla Striscia di Gaza. Dettagli disponibili nell’aggiornamento mensile del PCHR sui   valichi di Gaza.

 

L’11 novembre 2022 , le Foi hanno chiuso gli ingressi al villaggio di Beit Ummar a Hebron a seguito degli scontri scoppiati tra Foi e palestinesi, dove le Foi hanno utilizzato proiettili veri e granate stordenti.

 

Finora nel 2022, le Foi hanno istituito almeno 4000 posti di blocco militari temporanei e arrestato 183 palestinesi a quei posti di blocco

Sorgente: PCHR: “Israeli Human Rights Violations in the Occupied Palestinian Territory” – – IMEMC News

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot