Il Manifesto del 22.11.2022

Il Manifesto del 22.11.2022

22 Novembre 2022 0 Di Luna Rossa
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Edizione del 22 novembre 2022

Al mondiale dei diritti calpestati, i calciatori dell’Iran non cantano l’inno nazionale in solidarietà con le proteste nel loro paese, una ribellione che potrebbe costare cara. Senza coraggio invece la Fifa che vieta alle squadre di indossare la fascia arcobaleno dell’orgoglio gay

Stadio di diritto
INTERNAZIONALE

Stadio di diritto

Francesca Luci

Al mondiale dei diritti calpestati, i calciatori dell’Iran non cantano l’inno nazionale in solidarietà con le proteste nel loro paese, una ribellione che potrebbe costare cara. Senza coraggio invece la Fifa che vieta alle squadre di indossare la fascia arcobaleno dell’orgoglio gay

COMMENTI

Il neo-candidato del Pd, Bonaccini, fa l’anguilla

Ivan Cavicchi

Il tormentone del regionalismo differenziato durerà a lungo. La presidente Meloni, che non ha mai nascosto le sue perplessità, allunga il brodo. Aggiungendo come sovraprezzo il presidenzialismo. Calderoli, il ministro […]

Piazza Montecitorio negata all’Usb
POLITICA

Piazza Montecitorio negata all’Usb

Andrea Fabozzi

«Rilevato che per la vicinanza ai palazzi istituzionali piazza di Montecitorio non sarebbe idonea a contenerle con ripercussioni per l’ordine e la sicurezza pubblica…»: la Questura di Roma ha vietato […]

Alfredo Cospito,  rifiuta ancora il cibo l’anarchico al 41 bis
ITALIA

Alfredo Cospito, rifiuta ancora il cibo l’anarchico al 41 bis

Eleonora Martini

In sciopero della fame dal 30 ottobre, il detenuto che da maggio è sottoposto al regime di carcere duro nel penitenziario di Bancali. «La fattispecie di reato attribuitagli non è stata contestata nemmeno agli autori degli attentati che uccisero i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino»

Il conquistatore delle steppe
CULTURA

Il conquistatore delle steppe

Marina Montesano

Il libro di Michele Bernardini (Salerno edizioni) dedicato alla figura leggendaria del condottiero asiatico. Il suo impero toccava il Caucaso, il Caspio centrale e meridionale, il lago d’Aral, l’area tra Syr-Darja e Indo. Seguendo le sue ambizioni, che lo conducevano lontano dalle tradizioni nomadi delle tribù turco-mongole, s’insediò a Samarcanda, dove aveva soggiornato Alessandro Magno

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot