0 2 minuti 2 anni

I musulmani sono ben radicati in Europa; quelli dell’Europa orientale in particolare vivono nel continente da molti secoli. Una comunità musulmana visibile esiste in Gran Bretagna dalla fine del diciannovesimo secolo.

Gli stati europei moderni hanno consentito ai musulmani di ritagliarsi un posto all’interno della società e, con notevoli eccezioni, non hanno impedito loro di praticare e preservare la propria fede e le proprie culture come parte di una visione liberaldemocratica del pluralismo culturale ed etnico sotto un ombrello nazionale . I sostenitori di un tale sistema affermano che rafforza le società in cui è stato adottato.

Sebbene i musulmani in Occidente affrontino molte sfide a diversi livelli, hanno lavorato per sviluppare infrastrutture comunitarie per riunirsi e presentare un messaggio unito all’Occidente mentre cercano di garantire i loro diritti umani, politici e civili.

La Federazione delle organizzazioni islamiche in Europa (FIOE) è stata fondata in Gran Bretagna alla fine del 1989 da studenti egiziani sfollati che si sono riversati nelle università occidentali dopo la disputa dei Fratelli musulmani con il defunto presidente egiziano Gamal Abdel Nasser. Aveva un’assemblea generale, un consiglio della Shura e un ufficio esecutivo. Ha inoltre sviluppato un programma ventennale e un gruppo di istituzioni affiliate in paesi extraeuropei. Sono state sviluppate solide relazioni ufficiali con gli organismi ufficiali europei, inclusa l’Unione Europea.

Sorgente: Il Consiglio dei musulmani europei lavora per aiutare tutti i musulmani, afferma il suo presidente – Middle East Monitor


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.