La devastante guerra di sette anni in Yemen continua senza sosta

 La devastante guerra di sette anni in Yemen continua senza sosta

6 Ottobre 2022 0 Di Luna Rossa
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

La guerra in corso di sette anni in Yemen rimane un elemento importante del più ampio conflitto in Medio Oriente.

Dopo la fine di una tregua yemenita il 2 ottobre, Mohammed Abdessalam del gruppo Ansar Allah al potere nel nord Yemen, che è a capo della delegazione Houthi nei colloqui con il governo, ha affermato che le parti in conflitto nel paese non sono state in grado di accettare di prorogare la tregua in vigore da sei mesi.

Inoltre, il gruppo sciita Ansar Allah (Houthis), secondo Al-Masirah TV, ha minacciato di riprendere gli attacchi contro le strutture petrolifere dell’Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti. Gli Houthi hanno invitato le aziende che operano lì a lasciare l’area. Spiegando tali azioni, Ansar Allah ha sottolineato che “i paesi ostili stanno violando i termini della tregua e impediscono al popolo yemenita di usare il proprio diritto di distribuire la ricchezza nazionale per pagare gli stipendi ai dipendenti pubblici”. Nella loro dichiarazione, gli Houthi hanno anche sottolineato: “Le nostre forze armate sono in grado di privare l’Arabia Saudita e gli Emirati della loro ricchezza naturale se insistono nel continuare a privare il popolo yemenita della loro ricchezza naturale. Qualsiasi sviluppo è possibile”.

La situazione in Yemen sta prendendo una brusca svolta in peggio nonostante i tentativi compiuti in agosto e settembre dal Consiglio presidenziale yemenita (PLC) di negoziare con le parti in conflitto e la comunità internazionale per raggiungere la pace, ricostruire istituzioni statali e garantire condizioni dignitose condizioni di vita nel paese. Ad esempio, durante un incontro all’inizio di settembre con l’inviato speciale delle Nazioni Unite per lo Yemen, Hans Grundberg a Riyadh, Rashad al-Alimi, capo del PLC, ha ribadito l’impegno del Consiglio presidenziale e del governo per raggiungere una pace giusta e globale nel Paese.

Il PLC è stato creato nell’aprile di quest’anno dal presidente yemenita Abd-Rabbu Mansour Hadi e ha ricevuto piena autorità per governare lo stato durante il periodo provvisorio, a seguito dei negoziati inter-yemeniti iniziati il ​​30 marzo a Riyadh sotto gli auspici delle Nazioni Unite e a l’iniziativa del Consiglio di Cooperazione del Golfo (GCC). Rashad Mohammed al-Alimi è diventato il capo di questo organismo, che ha assunto le funzioni di presidente, vicepresidente e la gestione della politica, degli affari militari e della sicurezza del Paese. Gode ​​del sostegno di Stati Uniti, Arabia Saudita e ha stretti legami con il partito islamista al-Islah (l’ala yemenita dei Fratelli musulmani, un’organizzazione terroristica bandita nella Federazione Russa). Il PLC includeva il presidente della Presidenza del Consiglio di transizione meridionale (STC) dello Yemen, sostenuta dagli Emirati Arabi Uniti, Aidarous Al-Zubaidi,

Bombe a grappolo saudite USA sullo Yemen

Tuttavia, nonostante gli sforzi per trovare una soluzione pacifica al conflitto yemenita, le forze separatiste dell’STC, sostenute dagli Emirati Arabi Uniti, hanno lanciato una nuova operazione militare chiamata “Frecce dell’est” nello Yemen meridionale alla fine di agosto. Il suo obiettivo dichiarato è quello di prendere il controllo del Governatorato di Abyan, adiacente alla provincia di Aden a est, dove si trova la capitale provvisoria. L’operazione Arrows of the East mira a “combattere il terrorismo e liberare la provincia dai gruppi estremisti, nonché a proteggere le strade che collegano le province meridionali e a frenare il contrabbando di armi attraverso la fascia costiera di Abyan”, dichiarano i rappresentanti dell’STC. In precedenza, le forze separatiste meridionali sostenute dagli Emirati Arabi Uniti hanno preso il controllo della provincia di Shabwa nello Yemen, rimuovendo le unità dell’esercito.

A metà dicembre 2021, numerosi media in lingua araba hanno pubblicato informazioni secondo cui le forze armate degli Emirati Arabi Uniti avevano iniziato a costruire un aeroporto militare sull’isola di Abd al Quri, situata nello stretto di Bab al-Mandeb, strategicamente importante. L’isola è considerata territorio yemenita e nessuno dei due governi del paese (il governo ribelle in Yemen e il governo in esilio riconosciuto a livello internazionale) ha mai accettato l’occupazione di questo territorio.

Tali azioni degli Emirati Arabi Uniti, che fanno parte della coalizione internazionale istituita dall’Arabia Saudita il 26 febbraio 2015 per combattere gli insorti Houthi dello Yemen, non sono chiaramente favorevoli a una soluzione pacifica del conflitto yemenita. E questo perché gli obiettivi degli alleati della coalizione in Yemen sono abbastanza diversi. Mentre l’Arabia Saudita sta spingendo per la distruzione delle forze ribelli e il ritorno del presidente Abd-Rabbu Mansour Hadi nello Yemen, gli Emirati Arabi Uniti perseguono una serie di obiettivi. I principali alleati dell’Arabia Saudita sono le unità dell’esercito yemenita del presidente Hadi, che ricevono equipaggiamento e armi militari da Riyadh. Tuttavia, queste unità, abbandonando spesso le loro posizioni al primo segnale di pericolo, si sono rivelate estremamente inadatte all’azione.

Gli Emirati Arabi Uniti, invece, hanno preso una strada diversa, sostenendo il cosiddetto Southern Transitional Council, un gruppo separatista che lotta per l’indipendenza del territorio dello Yemen meridionale e la creazione di un nuovo stato con Aden come capitale. Pertanto, con il supporto degli Emirati Arabi Uniti, l’STC è diventata una “terza forza” nel conflitto yemenita. Sebbene i separatisti appoggino formalmente l’esercito di Hadi, in realtà sono subordinati ai loro stessi signori della guerra e spesso si scontrano con l’esercito del presidente Hadi.

Inoltre, il conflitto yemenita è ulteriormente aggravato dal “fattore israeliano”. Ad esempio, a causa dell’apparente paura di Tel Aviv che lo Yemen venga utilizzato come trampolino di lancio per missili nel territorio israeliano, i servizi segreti israeliani hanno effettuato un’operazione speciale in Yemen nell’agosto di quest’anno. Durante l’operazione, secondo i media, sono stati scoperti ed eliminati ingegneri missilistici dell’Iran e del Libano che erano arrivati ​​in Yemen. L’8 agosto in particolare si è verificata un’esplosione nella capitale yemenita Sanaa, di cui solo il giorno successivo è emersa una spiegazione. Inoltre, i media israeliani hanno riferito che l’esplosione è avvenuta in un impianto di produzione di missili balistici dove erano presenti consulenti militari iraniani e il gruppo libanese Hezbollah. Sebbene le autorità israeliane non abbiano ufficialmente riconosciuto il loro coinvolgimento nell’esplosione,

Inoltre, numerosi media arabi hanno riferito che Israele e gli Emirati Arabi Uniti stanno progettando di istituire un centro di intelligence congiunto sull’isola yemenita di Socotra. È stato sottolineato in particolare che questa struttura militare consentirebbe il controllo dello spazio aereo e del traffico marittimo yemenita nell’area dello stretto di Bab al-Mandeb.

Così, nel conflitto yemenita è emerso un nuovo attore che potrebbe anche avere un impatto significativo sul suo corso.

Valery Kulikov, esperto di politica, in esclusiva per la rivista online “ New Eastern Outlook. “

Traduzione: Luciano Lago

Sorgente: controinformazione.info | La devastante guerra di sette anni in Yemen continua senza sosta

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot