Bollette, il nuovo piano del governo: ​si studia lo stop ai distacchi per 6 mesi

Bollette, il nuovo piano del governo: ​si studia lo stop ai distacchi per 6 mesi
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Giorgia Meloni, mentre Matteo Salvini tenta di condizionare l’agenda economica rilanciando flat tax e quota 41 per le pensioni, già questa settimana vorrebbe affrontare il nodo del caro-bollette. Perché, come dice Lucio Malan di FdI, «è urgente sostenere famiglie e imprese». E non è escluso che il governo utilizzi il “veicolo” del decreto Aiuti ter, con maxi-emendamento, per varare le nuove misure. Tra queste è allo studio un aumento del bonus da 150 euro con l’estensione della platea di beneficiari e una moratoria di sei mesi – per scongiurare i distacchi delle utenze – del pagamento delle bollette.

Salvini: «Ipotesi Quota 41, in pensione a 61 anni. Confini? Torneremo a farli rispettare»Le risorse per intervenire ci sono. Il neo ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, ha a disposizione una decina di miliardi di euro per quest’anno e altrettanti per il prossimo. Il nuovo titolare del Tesoro, però, dovrà cercare un equilibrio tra le misure contro il caro energia e la prossima manovra di Bilancio, quest’ultima chiamata ad affrontare anche altre emergenze come la necessità di rivalutare le pensioni e l’aumento degli interessi sul debito pubblico. In più, Matteo Salvini già si fa sentire: «Nella Finanziaria ci dovranno essere l’estensione della flat tax» al 15% per gli autonomi fino a 100mila euro, «quota 41 per le pensioni con 61-62 anni senza penalizzazioni, la rottamazione delle cartelle esattoriali».

E chiede, il leader leghista che ha riunito lo stato maggiore del Carroccio assieme a Giorgetti, di utilizzare le risorse «ricavate dalla pace fiscale» per «finanziare una moratoria dei distacchi a sostegno di famiglie e aziende che non riescono a pagare le bollette». Ipotesi, quella della moratoria (di sei mesi), valutata anche dagli economisti vicini a Meloni. Ma la sortita di Salvini, letta come il tentativo di dettare l’agenda di governo, lascia perplessi in molti dentro Fratelli d’Italia.

Comunque sia, tensioni e Finanziaria a parte, sul caro-bollette famiglie e imprese riceveranno risposte immediate. Per le aziende sarà confermato anche per dicembre lo sconto fiscale fino al 40% sulla luce. Uno sconto che resterà nella sua versione “allargata”: valido per tutte le imprese con consumi oltre i 4 chilowattora, dunque anche i piccoli esercizi commerciali come bar, alberghi e ristoranti. La misura, va detto, fino ad oggi ha funzionato solo fino ad un certo punto. Da qui l’idea della moratoria e di una nuova rateizzazione.IL NODO DEL BONUSPer quanto riguarda le famiglie, il governo dovrà decidere il destino del bonus da 150 euro. Nello schema di provvedimento lasciato in eredità dall’ex ministro del Tesoro Daniele Franco, era stata prevista una riconferma con le stesse caratteristiche: 150 euro una tantum per chi dichiara un reddito fino a 20mila euro l’anno. Proprio su questo fronte, però, il governo Meloni potrebbe provare a segnare una discontinuità. La prima ipotesi è che la cifra venga aumentata (fino dove è presto per dirlo), magari allargando anche la platea dei beneficiari. La seconda ipotesi sarebbe quella di agire sul bonus sociale, ossia lo sconto sulle bollette oggi applicato a chi ha un Isee fino a 12 mila euro portandolo a 15mila. Una misura che permetterebbe di sterilizzare gli aumenti per almeno un altro mezzo milione di famiglie.C’è poi da decidere il destino dello sconto sulle accise di benzina e diesel. Nell’ultimo consiglio dei ministri, il governo Draghi ha allungato fino al 17 novembre la riduzione di 30,5 centesimi del prezzo alla pompa sia del gasolio che della verde. In realtà almeno il prezzo della benzina in questo periodo è sceso fin sotto gli 1,7 euro al litro. Quello del diesel è invece ancora alto a causa dell’avvicinarsi della dead line per l’embargo sul petrolio russo. Probabile insomma, che lo sconto sulle accise venga prolungato. O almeno quello sul diesel. Il governo nei prossimi giorni dovrà decidere se varare un nuovo decreto Aiuti (sarebbe il quarto). Oppure se presentare entro venerdì un maxi-emendamento al provvedimento ora all’esame della Commissione speciale. Questa seconda opzione, con un esecutivo ancora tutto da costruire sul fronte dei sottosegretari e dei tecnici, al momento appare la più probabile.© RIPRODUZIONE RISERVATALEGGI ANCHELA DECISIONECaricabatterie unico, i ministri dell’Ue danno il via libera…ECONOMIAOrologi da collezione, Covid e crisi spingono verso il…LA NOVITA’Tabaccai, stop all’obbligo di Pos per le sigarette: ecco…LA MANOVRAPensioni, la riforma sul tavolo: l’ipotesi di “Quota…IL CASODiesel più caro della benzina verde: ecco cosa sta…LE FINANZEEffetto Meloni: Borsa su e Piazza Affari regina d’Europa con…IL RILANCIOMps, in campo dieci fondazioni: sostegno all’aumento di…L’ANALISIIl fallimento del Reddito: colloqui con il contagocce, 4 su…L’ANALISIEffetto bollette sulle e-car, ricaricarle costa più del…IL TEMAPrezzo del gas sotto i 100 euro, bollette verso la riduzioneLA MISURABonus psicologo, oggi è l’ultimo giorno per…LA MIS

Sorgente: Bollette, il nuovo piano del governo: ​si studia lo stop ai distacchi per 6 mesi

Spread the love
seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

ken sharo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: