0 3 minuti 1 anno

Caro presidente Berlusconi, ieri ci ha informato, tra l’altro, di uno scambio di “dolcissime lettere” tra lei e Vladimir Putin in occasione del suo compleanno. Dal basso dell’affetto e della riconoscenza che nutro nei suoi confronti mi permetto, nel mio piccolissimo, anche io di inviarle una letterina, spero altrettanto dolce. Per dirle una cosa molto semplice: non la capisco più, e non essendo l’unico penso che il problema non sia mio.

 

 

Lei, presidente, poche settimane fa ha compiuto l’ennesimo miracolo della sua vita tenendo – i voti raccolti sono tutti suoi personali – Forza Italia in vita e al centro dell’arena politica. Chapeau, e se la pattuglia parlamentare non è risultata all’altezza del consenso raccolto lo si deve immagino esclusivamente a errori da voi fatti al tavolo dovevi eravate spartiti i seggi con gli alleati.

 

 

Lei ora dice, uso parole mie: Giorgia Meloni non ci rispetta. Non entro nel merito, ma certo svelare a due giorni dalla nascita di un governo già nel mirino di suo l’affettuoso carteggio tra lei e Putin non agevola certo il compito che aspetta la futura premier, e quindi l’Italia, nei consessi internazionali occidentali, né il lavoro del suo Antonio Tajani nel caso, come probabile, andasse a ricoprire il ruolo di ministro degli Esteri.

 

 

 

 

 

So bene poi che quando lei dice che “l’uomo della Meloni” è un suo dipendente a Mediaset non intende offendere nessuno, né si può leggere come una malignità di cui so non esserne capace. Ma sta di fatto che, al netto che quell’uomo era suo dipendente ben prima di conoscere Giorgia, più d’uno userà quelle parole per costruire castelli di sabbia che rischiano solo di mettere in imbarazzo la famiglia Meloni.

 

 

 

 

 

Ovvio infine che lei è Silvio Berlusconi, che lei può fare e dire ciò che crede come del resto ha sempre fatto. Ma chi non la conosce come ho avuto io l’onore e il privilegio di conoscerla potrebbe equivocare ogni sua parola e pensare che davvero lei in questo momento voglia affossare il sogno non di Giorgia Meloni ma di una buona parte di italiani. Ecco, caro Presidente, questo sarebbe troppo anche per Silvio Berlusconi. Se a lei fosse concesso di incontrare la sua gente, i suoi imprenditori che ancora la seguono, lo verificherebbe di persona. Tanto le dovevo, con affetto.

Sorgente: Berlusconi contro Meloni, Sallusti: “Questo è troppo, non la riconosco più” – Libero Quotidiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *